Smettiamo di usare la parola "Disabilitato" per limitare le persone

L'ispirazione e la motivazione possono venire da molte fonti. Ecco 3 storie del 2015 che vorrei condividere.

L'entusiasmo illimitato di Mark Miller che lavora per recuperare dopo l'ictus

Cinque anni fa, mentre lavorava in Tanzania, in Africa, per un progetto idrico delle Nazioni Unite per i Masai, Mark fu infettato da malaria e febbre tifoide. L'effetto combinato di quelle malattie e del suo stato disidratato ha prodotto un coagulo di sangue che ha portato a un ictus all'età di 46 anni.

Da quel momento, Mark ha lavorato instancabilmente per ripristinare quanto più possibile e servire come portavoce dei volontari per la Heart and Stroke Foundation di BC & Yukon. Ho avuto modo di conoscere un po 'di Mark e della sua storia quando partecipava a un progetto finalizzato a migliorare la camminata dopo l'ictus condotta nel mio laboratorio.

Nonostante il fatto che molte delle attività di cui Mark godeva siano difficili o quasi impossibili da fare ora, continua a cercare soluzioni creative. Di recente un inventore ha collaborato con lui per creare una barca che consente una straordinaria esperienza di pesca sul lago.

Jaide Bucher's Supremacy presso Softball

Jaide Bucher è un giocatore di softball di scuola superiore di 15 anni a Denver, in Colorado. La sua storia ispiratrice riesce a sconfiggere due miti di palla. Il primo è che un hander di sinistra di solito non dovrebbe essere un catcher. Ma ci sono stati alcuni catturatori mancini nella storia del gioco.

Ciò che il gioco non ha visto è stato un catcher che aveva solo la mano sinistra. Jaide è nato senza una mano destra e ha imparato a prendere con la mano sinistra. La sua tecnica comporta il trasferimento rapido del guanto al suo braccio destro accorciato, e quindi il lancio con la sinistra. Ha anche un grande swing e un atteggiamento incredibilmente positivo in cui vuole "dimostrare alle persone che sbagliano".

Come dice Jaide, "Io gioco a softball e mi capita solo di avere una mano".

Karate Kid Brandon Twaites

Quando Brandon Twaites di Port Coquitlam, BC, aveva 6 anni, iniziò ad allenarsi nel karate Goju-ryu proprio come molti altri bambini piccoli. A differenza di molti altri ragazzini che praticano il karate, Brandon Twaites ha diplegia spastica. Questa forma di paralisi cerebrale ha riflessi esagerati e rende i muscoli delle gambe più rigidi e difficili da controllare.

Per fare il suo allenamento, Brandon deve lavorare duro per imparare le abilità della sua arte marziale, ma deve anche lavorare contro il suo corpo vinto per farlo. Aveva tre anni prima di poter camminare da solo. Nonostante ciò, ora ha 3 anni nel suo viaggio nelle arti marziali e continua ad ispirare ad ogni svolta.

Quando ho sentito parlare della storia di Brandon per la prima volta ho pensato subito a qualcosa che mi ha detto uno dei miei insegnanti di karate più di 30 anni fa. L'allenamento delle arti marziali non è solo quello di rendere il forte più forte. Il vero allenamento è di aiutare tutti, indipendentemente dalle abilità, a diventare più forti e migliori.

È tempo di sbarazzarsi della parola "Disabili"

Una volta sarebbe stato normale descrivere questi tre esempi come persone che trionfano nonostante le loro "disabilità". Con le loro storie di ispirazione fresche nelle nostre menti, suggerisco che è tempo passato per distruggere l'idea di disabilità. La parola stessa rafforza una dicotomia che non esiste.

Non esiste una categoria di "abili" e un'altra di "disabili". Tutte le aree della realizzazione umana comprendono un continuum di abilità e prestazioni. Suggerire che ci sia una singola linea che separa l'una dall'altra è semplicemente falso. Dobbiamo tutti cercare di considerare le storie precedenti e altre come loro quando vediamo persone con abilità diverse.

Con un po 'di sforzo tutti possiamo vedere il potenziale di realizzazione che esiste in ognuno di noi. Compreso noi stessi

(c) E. Paul Zehr (2015)

Solutions Collecting From Web of "Smettiamo di usare la parola "Disabilitato" per limitare le persone"