Smetti di provare a costruire il tuo "marchio personale"

Insegno marketing, pubblicità e comportamento del consumatore, quindi non ho nulla contro i marchi. "Abbastanza l'antitesi!" Come direbbero i Campi WC. Le marche sono utili negli affari, perché facilitano il facile riconoscimento e il richiamo immediato di conoscenze, esperienze e ricordi latenti. Ad esempio, se ti mostro gli archi d'oro, non ho bisogno di dirti il ​​nome dell'azienda, ciò che vende e quali ricordi ed esperienze potresti aver avuto come cliente. Nel mio esempio, il logo da solo è sufficiente per stimolare le associazioni di marca.

Per ragioni analoghe, alcune persone che sono in grado di fornire consigli di carriera (ad es., Professionisti delle risorse umane e di collocamento) consigliano ai cercatori di carriera di sviluppare un "marchio personale". Penso che questo sia un cattivo consiglio, e per me personalmente è offensivo. Ti dirò perché.

Non mi è mai piaciuto il termine "risorse umane". I dipendenti venivano chiamati "personale" e questo era un termine perfettamente buono. Almeno aveva la dignità di riconoscere i dipendenti come persone. La transizione da "personale" a "risorse umane" equivaleva a una disumanizzazione semantica della forza lavoro. I dipendenti non sono più persone – sono beni. (E se non sono beni, sono passività).

Una tendenza attuale è quella di riferirsi ai dipendenti come "capitale umano" piuttosto che "risorse umane". Non sono sicuro se ciò significhi che i dipendenti sono schiavi e ogni pretesa del contrario è stata abbandonata, o se semplicemente facilita la loro espulsione sul bilancio.

Queste sono le ragioni per cui io come psicologo, professore di marketing e come ex imprenditore e datore di lavoro, trovo il concetto di "marchio personale" non solo errato, ma anche offensivo:

1. Proprio come le aziende e le organizzazioni dovrebbero considerare – e trattare – i loro dipendenti come esseri umani, non risorse o capitale, gli individui non dovrebbero facilitare la mercificazione di se stessi. Sì, devi pubblicizzarti in un'economia competitiva. Lo fai mostrando i successi passati e / o il tuo potenziale per aiutare l'organizzazione a raggiungere i suoi obiettivi. In breve, cosa hai fatto e cosa puoi fare? Abilità e risultati sono reali. Il marchio personale è puffery (vedi n. 2).

2. Il tuo "marchio personale" è quello che sei, davvero, quando non lavori o cerchi lavoro? Se no, allora è solo un falso fronte. Non sarai mai soddisfatto e ti sentirai sempre un impostore se la tua reputazione si basa su false impressioni. (Mi rendo conto che molte persone si comportano in un modo al lavoro, in un altro modo con gli amici, un altro con la famiglia e così via. Non è quello di cui sto parlando. Sto parlando di recitazione e la definisco un "marchio personale". “)

3. I marchi forti sono per definizione limitanti. I marchi deboli sono meno così. Per esempio, se ti chiedo di prendermi un po 'di Testa e Spalle al negozio, sai cosa voglio. Ma se ti chiedo di comprare uno shampoo Suave, non sai ancora quale tipo di shampoo Suave comprare. Se sviluppi un forte marchio personale, ti stai limitando. Se sviluppi un marchio personale debole, qual è il punto e perché preoccuparti?

4. L'ultimo, e probabilmente il più importante, è questo: se l'idea di sviluppare un marchio personale è interessante per te, potrebbe esserci un problema o una debolezza di fondo che stai ignorando. Se è così, focalizzare il tempo e le energie nello sviluppo di un marchio personale è una distrazione dal confronto con il vero problema: perché non ti accontenti di competere nel mercato del lavoro e nel posto di lavoro basato sul merito e su chi sei veramente ? Ti mancano istruzione, esperienza, fiducia in se stessi o qualche abilità critica? Rimediare alle attuali carenze è importante. Trasferire la tua attenzione sulla creazione di un marchio personale ignorando i problemi reali è un errore.

Solutions Collecting From Web of "Smetti di provare a costruire il tuo "marchio personale""