Singles 'Club, Parte 2: Se vieni accoppiato, vieni ancora al Cooking Club per conto tuo

[Questa è la parte 2 del saggio in 3 parti sul club di cucina dei single che non ha nulla a che fare con gli appuntamenti e dura da quasi 40 anni (e conta). Se non hai ancora letto la Parte 1, clicca qui. Puoi leggere di più sull'autore, la celebre storica Mary Beth Norton, alla fine di questo post.]

Il collettivo di cucina dei singoli professori (SPCC): una storia (parte 2)

Di Mary Beth Norton

Negli ultimi trent'anni, circa trenta persone collegate al mondo accademico sono state membri del club. Sono stati reclutati in un'ampia varietà di contesti, da un incontro casuale in un ascensore di un complesso residenziale al ricevimento del presidente per una nuova facoltà agli incontri del comitato universitario. Nella primavera del 1984, quando due membri dell'SPCC si sposarono in giorni successivi, i membri reclutarono un uomo che frequentava entrambi i matrimoni perché era amico di entrambi i nuovi coniugi dei nostri amici. Il matrimonio di un altro membro della SPCC, il seguente autunno, produsse altre due nuove reclute. Talvolta i partecipanti provengono dai ranghi di persone che un tempo frequentavano membri precedenti, da colleghi in dipartimenti o settori interdisciplinari, o da persone incontrate in occasione di eventi sociali o strutture sportive universitarie.

Tuttavia non possiamo reclutare in modo indiscriminato: i nuovi membri, abbiamo imparato, dovrebbero avere all'incirca la stessa età degli attuali membri e in una fase di carriera simile, se possibile. La presenza di un membro di ruolo nei primi anni si è rivelata un problema, soprattutto perché si trovava nello stesso dipartimento di uno dei membri fondatori e non iscritti. E in questi giorni, quando tutti i membri dei professori sono in possesso, non cerchiamo di reclutare persone più giovani e non assicurate.

Inoltre, la compatibilità personale con i partecipanti al club è fondamentale. Durante l'esistenza dello SPCC abbiamo regolarmente invitato gli ospiti ai nostri raduni. L'ospite può sempre invitare qualcuno di sua scelta, e se il cuoco riceve un preavviso sufficiente, gli altri possono portare anche gli ospiti. Usiamo il veicolo di un invito casuale per sondare potenziali membri oltre a portare semplicemente nuovi volti al nostro tavolo. Il modo in cui la persona si inserisce nella dinamica del gruppo è di importanza fondamentale. Il club può intimidire: per un estraneo, la frequenza ai nostri pasti deve essere un'esperienza sconcertante, poiché spesso parliamo in una sorta di stenografia nata da anni di stretta conoscenza reciproca dei problemi e dei problemi. Tuttavia, poiché non c'è modo di votare un membro, dobbiamo avere la possibilità di valutare ogni potenziale partecipante almeno una volta in una cena di club prima di estendere un invito a far parte del gruppo.

La compatibilità non implica necessariamente armonia o consenso. Le cene SPCC sono occasionalmente punteggiate da accesi argomenti sulla politica, l'economia o qualche altro argomento controverso. Un membro di lunga data e io non di rado sono impegnato in dibattiti appassionati. Una volta era presente un ospite in una di queste serate. Con la coda dell'occhio, ho visto lo sguardo sconvolto sul viso dell'ospite. Mi affrettai a rassicurarlo – come fece il mio interlocutore – che questo era un evento comune, che saremmo rimasti amici nonostante le nostre parole evidentemente arrabbiate, e poi tornammo alla nostra "discussione". D'altra parte, il comportamento rozzo è difficile tollerare. Una volta abbiamo avuto un membro che non sapeva quando smettere di litigare e che, in una infame serata, è stato buttato fuori dalla casa dell'ospite perché ha insistito sul fatto che lui, piuttosto che la figlia dell'ospite, avrebbe dovuto determinare quale canale era sintonizzato il televisore della casa a (voleva seguire i progressi di una partita di football, la ragazzina, comprensibilmente, non lo faceva). Fortunatamente, in seguito ha deciso di abbandonare il gruppo.

Diversamente da lui, la maggior parte delle persone che hanno aderito allo SPCC hanno continuato a essere membri fino a quando non si sono sposati o hanno lasciato la città o entrambi. Gli ex membri dei club di cucina insegnano oggi in università come Iowa, Princeton e Carnegie Mellon, e uno ora è un giovane pensionato di una presidenza universitaria. Pochissimi membri del passato sono ancora single e ancora in Itaca. Una di queste persone si è ritirata principalmente perché si è unita a un ensemble musicale locale che frequentemente ripassava o suonava la domenica sera. L'SPCC, su insistenza di uno dei suoi membri maschi fondatori, ha una clausola di "nonna": un partecipante al club può continuare come socio anche dopo il matrimonio (o la costituzione di una coppia di conviventi non coniugale). Diversi membri, tra cui due attuali, hanno approfittato di questa regola, che richiede loro di venire da soli alle cene del club, tranne quando stanno cucinando, nel qual caso i loro partner sono autorizzati a partecipare secondo la regola "ospite".

Negli ultimi due decenni il carattere e le attività del club sono cambiati, ma sempre all'interno del quadro stabilito delle cene regolari. Negli anni '70 i membri del club si vedevano raramente come gruppo al di fuori delle riunioni dell'SPCC e facevano poco più che mangiare insieme. Nei primi anni '80 un membro amava ballare e spesso ci persuadeva a ballare come gruppo. Un altro membro aveva una vasca idromassaggio all'aperto in cui tutti saltavamo prima di cena a casa sua. A metà degli anni '80 un partecipante al SPCC trascorse un anno a Firenze; quattro di noi sono scesi su di lui durante le vacanze di primavera. Viaggi congiunti a case estive di proprietà dei membri o delle loro famiglie hanno portato a socializzare giorni e ricordi piacevoli.

In questi giorni l'ospite, che cucina e pulisce, non è più tenuto a fornire tutto il vino per la cena; la maggior parte dei partecipanti porta una bottiglia, anche se saltare quel lavoro in certe occasioni è perfettamente accettabile. Ora anche i tempi dei pasti sono rilassati e ci aspettiamo di trascorrere la serata insieme. Anche se a volte i membri devono arrivare in ritardo o partire presto a causa di altri impegni, il resto del gruppo trova sempre le cene deludenti perché aspettiamo con impazienza diverse ore in compagnia.

(Continua a leggere qui per la parte 3. La parte 1 è qui.)

A proposito di Mary Beth Norton :

L'autrice di questa storia del club di cucina dei single, Mary Beth Norton, è una professoressa di storia presieduta alla Cornell University. Se dovessi elencare tutti i suoi premi e riconoscimenti, questa sezione potrebbe essere più lunga di quella del post. (Puoi trovare alcuni dettagli qui e qui.) Quindi mi asterrò dal reiterare l'intero rotolo d'onore, e menzionerò solo alcune delle mie cose preferite su di lei. Innanzitutto, il suo libro, Founding Mothers & Fathers, è stato uno dei tre finalisti per il Premio Pulitzer 1997 nella storia. In secondo luogo, mentre stavo scrivendo questo, mi sono ricordato di aver visto il suo nome sul New York Times un paio di volte, così ho digitato il suo nome negli archivi completi per ricordare a me stesso quello che avevo letto, e ho ottenuto 76 elenchi in cambio! È apparsa lì in sezioni come la pagina op-ed e la sezione libri (sia come revisore che come autore). In terzo luogo, è apparsa in uno show della NBC per dire a Sarah Jessica Parker di avere un legame familiare con il Salem Witch Trials. (Cosa, non pensi che sia alla pari con un premio Pulitzer?)

Solutions Collecting From Web of "Singles 'Club, Parte 2: Se vieni accoppiato, vieni ancora al Cooking Club per conto tuo"