Sindrome golfista frustrata: cause e cure

Le frustrazioni del golf sono ben note. Mark Twain ha citato (anche se falsamente) come detto che il golf è "una buona passeggiata viziata". Lo scrittore sportivo Jim Murray ha dichiarato: "Il golf non è un gioco, è una schiavitù. E 'stato ovviamente ideato da un uomo lacerato dal senso di colpa, desideroso di espiare i suoi peccati. "Nonostante il loro umorismo, queste citazioni esprimono una verità essenziale, cioè che il golf è un ottovolante emotivo per molti, se non per la maggior parte, delle persone che Gioca. Questo è particolarmente vero per gli uomini. Molti uomini rinunciano del tutto e ancora di più, me stesso incluso, giocano e soffrono nel processo. Eppure noi golfisti che soffrono a lungo, torniamo ai link ogni fine settimana sperando che questa volta sia diverso. Ricordiamo i nostri pochi grandi colpi, li assaporo e continuiamo a giocare nella speranza di ricatturare quell'esperienza, mentre un giocatore torna ai tavoli inseguendo il ricordo di una striscia vincente, o un crackhead alla pipa alla ricerca di quel magico ronzio. Eppure, la miseria aspetta nelle ali, pronta come un ladro nella notte, pronta a rubare la nostra fiducia e rendere un'attività perfettamente piacevole in un incubo.

OK, credo di essere un po 'melodrammatico qui. Alcuni golfisti tollerano il fallimento meglio di altri. E la maggior parte ha persino osato dire: divertente. Ma la maggior parte dei golfisti amatoriali riconoscerà immediatamente i tormenti che sto descrivendo. Sono stato un terapista praticante per 30 anni e ho trattato centinaia di persone che si puniscono per ogni sorta di crimini e colpe immaginari, ma raramente vedo il tipo di crudo odio e disperazione che può improvvisamente consumare il golfista medio il cui crimine può non essere più doloroso di perdere un tiro in buca di quattro piedi. Lo chiamo Sindrome del golfista frustrato.
Se tutti i suoni non umani cessassero improvvisamente su un tipico corso pubblico in un tipico sabato pomeriggio, e l'udito fosse abbastanza buono, voci maschili urlavano "F … me! "Faccio schifo …!" "Togliti le mutandine e mettilo in buca!" Punteggiavano il silenzio. E se la vista fosse ugualmente buona, si vedevano le facce contorte dalla rabbia, le spalle cascanti nello sconforto, i randelli si infilarono furiosamente nella borsa, i sorrisi stantii, sottili e stretti che coprivano disperatamente l'implacabile autostima, le teste appese in basso … coreografia di fallimento sul campo da golf. Quindi, la sindrome.

I golfisti che colpiscono un brutto tiro si sentono impotenti. Avevamo un'intenzione ma non l'abbiamo eseguita. L'immagine mentale che abbiamo del nostro swing e il suo risultato glorioso si spezza all'impatto. Non sappiamo davvero cosa sia successo. Ma poiché è misterioso, non possiamo correggerlo e non possiamo essere sicuri che non accadrà di nuovo. L'esempio estremo di questo è il temuto gambo – un ladro colpito dal giavellotto del club che schizza via dal golfista morto a destra. È imbarazzante. Il problema è che una volta che hai lo stinco, inizi a immaginare che un altro stinco giace dentro di te, in attesa di possedere il tuo corpo e fargli fare cose bizzarre. È come essere incontinenti e non sapere quando potresti perdere il controllo in pubblico.

Ma il sentimento di impotenza non è limitato a colpi di mano estremi come il gambo – è lì ogni volta che non realizziamo le nostre intenzioni, ogni volta che la nostra immagine di ciò che vogliamo che i nostri corpi non si realizzino. Ci inventiamo storie per ottenere un senso illusorio di controllo: "Sapevo di essere" fuori "in cima allo swing, avrei dovuto allontanarmi, o" Non mi sentivo proprio in piedi sopra quel tiro ". o "Ho accelerato il mio swing …. Devo rallentare" o "Ho tenuto duro e non ho rilasciato il club come avrei dovuto". Tutti questi "dovrei" e le auto-osservazioni potrebbero essere corrette, ma Di solito è irrilevante o sbagliato. Resta il fatto che di solito non sappiamo perché abbiamo colpito un brutto tiro.

Le storie che raccontiamo a noi stessi possono sembrare tecniche, fisiche o addirittura psicologiche. Invariabilmente, però, queste storie sono superficiali e sono smentite da una visione di fondo di chi siamo come persone. Queste concezioni più profonde sono le storie che teniamo nascoste, eppure sono quelle che spiegano la nostra frustrazione e sofferenza. Includono storie come "non importa quanto sia difficile lavorare a questo gioco, non posso dominarlo – c'è solo qualcosa di sbagliato in me che non sarò mai in grado di correggere" o "Mi odio quando non posso farlo qualcosa di giusto "o" Sono un fallimento "o" Io non sono un uomo "o" Sono una schifezza e non amabile "o" Sono condannato. "Non devi essere uno psicologo per sapere che questi sentimenti e convinzioni sono comuni tra i golfisti. Molti di noi intuitivamente sanno che scambiamo regolarmente i nostri colpi di golf con noi stessi. Se i nostri colpi di golf sono scarsi, la nostra autostima cala, anche se per un momento, nonostante il nostro mantra cosciente "È solo un gioco." Le nostre menti coscienti sanno che è così che dovremmo sentire, ma le nostre menti inconsce non comprano esso. È difficile pensare che sia "solo un gioco" quando ci troviamo in un bunker, cercando di colpire uno dei più morbidi sul green, e invece di far cadere la palla per 50 metri nel bosco. No, in quel momento, il gioco è diventato mortale, in cui abbiamo appena rivelato la nostra vergognosa incompetenza a un mondo che non perdona. La fonte della rabbia così spesso vista (o ascoltata) sul campo da golf è semplice: la rabbia è una normale risposta umana all'impotenza. È una protesta, una sfida e un energizzante. Dal momento che non c'è nessuno a cui dirigerlo, lo dirigiamo su noi stessi. Dato che non c'è nessuno da odiare, ci odiamo.

Qual è l'ultima fonte di impotenza, rabbia, depressione e odio verso se stessi che appaiono nelle nostre menti sul campo da golf? Una fonte importante è la nostra incapacità di vivere fino a ideali eccessivamente perfectionistici. Puoi vedere un primo prototipo di questo problema guardando un bambino molto giovane che lotta per dominare qualcosa, una sfida fisica (prendere e lanciare una palla, forse), una pietra miliare dello sviluppo (per esempio, camminare), o una regola sociale (come la condivisione) . L'intensità del bambino è palpabile e il bisogno di provarlo, e il suo fallimento, è potente. E il fallimento è inevitabile. Abbiamo visto tutti i bambini che non possono tollerare il fallimento, che si ritirano o fanno i capricci. Incontrano un mondo fisico e sociale che non possono controllare immediatamente, che non si piegano automaticamente alle loro volontà e intenzioni, e tollerano quella frustrazione abbastanza a lungo da imparare e adattarsi o si disgregano in qualche modo. L'apprendimento dipende dalla capacità di tollerare il fallimento.

Tale capacità è importante modellata dalla risposta dell'ambiente all'incontro del bambino con il fallimento. Se i genitori sono troppo nervosi e preoccupati per la frustrazione del bambino, possono prendere il sopravvento e trasmettere la sensazione di non avere fiducia nel bambino. Se i genitori reagiscono con esagerate manifestazioni di frustrazione, impazienza e rabbia, il bambino arriva a sentire che il fallimento è inaccettabile e quindi non si preoccupa nemmeno di provare. Se l'ambiente è generalmente di supporto e incoraggiante, tuttavia, il bambino impara a tollerare il fallimento e l'imperfezione abbastanza da imparare e padroneggiare ciò che non è familiare.

Alcuni di noi diventano così intolleranti al fallimento, non proveremo a imparare nulla di nuovo. Gli altri sembreranno affrontare le sfide, ma lo faranno in un modo così schivo, ambivalente e timido che possono scusare i loro fallimenti con una mancanza di sforzo. Alcuni si vergognano così tanto del fallimento che credono di dover essere sempre perfetti per evitare persino il profumo di esso. Mantengono aspettative incredibilmente alte e considerano poco umili. E altri ancora incolpano tutti e tutti gli altri per i loro fallimenti nel tentativo di non incolpare se stessi. Alla fine, tutti questi tentativi di evitare di affrontare la nostra imperfezione falliscono e finiamo per incolpare e odiare noi stessi.

Vediamo tutte queste variazioni sul campo da golf: il ragazzo che incolpa il suo gioco per mancanza di riscaldamento, tempo atmosferico, incapacità di allenarsi, mal di schiena o condizioni del percorso. Il ragazzo che diventa un pazzo, esagerando la sua mancanza di preoccupazione quasi in modo clownesco. Il ragazzo che è sicuro che gli altri nel suo quartetto lo stiano guardando e lo giudichino criticamente quando commette un errore. Il tizio che inciampa giù, circondato dalla disperazione e dalla rabbia molto simile a Pig-Pen of Peanuts era circondato da una nuvola di terra. E, naturalmente, il tipo che giura su se stesso, lancia un bastone o lo sbatte a terra per 10 pollici dopo un brutto tiro. Tutti abbiamo visto questi ragazzi o sono stati questi ragazzi. Loro / noi lottiamo con il nostro desiderio onnipotente di essere perfetti, di avere corpi perfetti, altalene perfette, perfetti atteggiamenti mentali e punteggi perfetti. Loro / noi vogliamo realizzare le nostre intenzioni senza sforzo, piegando la realtà alla nostra volontà. Il problema è che la realtà di solito non collabora. Le nostre reazioni all'inevitabile discrepanza tra il nostro io reale e quello ideale determinano quanto possiamo divertirci e sviluppare il nostro gioco di golf.

Il problema è che non siamo malati, infranti, sbagliati o cattivi. E nemmeno le nostre oscillazioni. Ciò che siamo è vergognosamente inutile di avere un conflitto. Non possiamo cambiare e sviluppare il nostro gioco se ci odiamo quando falliamo, se non possiamo tollerare la non-conoscenza o essere inferiori alle nostre aspettative di perfezioni. Anche se li usiamo tutti, i termini "buono" e "cattivo" sono i descrittori irrilevanti di uno swing da golf. Uno swing da golf può essere più o meno efficace, più o meno efficiente, più o meno adatto al raggiungimento delle nostre intenzioni. Come ha sostenuto il guru del golf Fred Shoemaker, alla fine è solo un movimento del corpo, una mazza, una palla, un'intenzione e un bersaglio. Nessuno di questi ha una connotazione morale, nessuno di loro è intrinsecamente degno o indegno, nessuno è buono o cattivo. In una recente scuola di golf a cui ho partecipato, Shoemaker ha chiesto a un gruppo di noi di cercare di distinguere queste semplici realtà neutre dai significati altamente appassionati che assegniamo alle nostre oscillazioni e al loro esito. Una volta che siamo stati in grado di discernere la forza delle narrazioni autocritiche e cupe così facilmente evocate da un colpo "cattivo", la loro forza si è indebolita. Abbiamo allentato il collegamento tra i nostri colpi o punteggi e il nostro io. È stato solo in questo ambiente che abbiamo potuto esaminare ciò che stava ostacolando la nostra capacità di fare uno swing efficiente, potente ed efficace.

Perché c'è davvero molto da imparare sul fare uno swing più efficace. Implica l'equilibrio, la consapevolezza del centro di gravità del corpo, una sensazione di connessione al bastone e una connessione ancora più profonda con un bersaglio, un'immagine accurata della posizione del bastone e della testa del bastone, una libertà dalla tensione e lo scatenamento dell'immaginazione. Ognuna di queste dimensioni di un'oscillazione potente efficace può essere esplorata e rafforzata, ma solo se smettiamo di giudicare noi stessi. Esplorando, intendo sviluppare un senso sempre più acuto e la consapevolezza di queste diverse dimensioni dello swing. Shoemaker sostiene che la differenza principale tra un golfista professionista e uno amatoriale risiede nella straordinaria consapevolezza del professionista, nella consapevolezza del corpo, del club e del bersaglio.

La cura per la frustrata Golfer Syndrome deve prima conoscere la mente autocritica. Inizia ponendoti la domanda: qual è la cosa peggiore che può accadere se colpisco un tiro "cattivo"? Quindi, cerca di afferrare i pensieri e le sensazioni che ti passano per la testa quando ne colpisci uno. Non fatevi queste domande per "liberarvi" di questi pensieri, ma, invece, per prenderne coscienza, il loro contenuto, la loro intensità, il loro atteggiamento. Non è facile farlo. Non vogliamo fermarci lì, a pensare troppo alle fonti e ai significati della nostra frustrazione. Vogliamo aggiustarlo. Invece, è fondamentale fare il contrario. Non aggiustarlo Basta rendersene conto. Osserva le differenze nel tuo modo di pensare quando colpisci la palla in modo solido e quando non lo fai. Prendi confidenza con il tuo mondo interiore, con le storie che vi risiedono sul successo e il fallimento, e sui significati che ti associ a ciascuno.

Con tutti i mezzi, ottenere istruzioni, leggere libri e riviste e guardare video di grandi golfisti, ma farlo con un atteggiamento diverso. Non visualizzare una raccomandazione come "la risposta" o come qualcosa da aggiungere alla lista dei "dovrei". Invece, vai nel range e prova il "tip" o "fix", ma fallo con compassione e curiosità , lasciandosi sentire le differenze tra oscillare nel nuovo modo e nel vecchio modo. Vai avanti e indietro tra il vecchio e il nuovo. Senti la differenza; non colpire solo pochi colpi buoni usando l'istruzione e poi andare avanti. Usa il tuo tempo di pratica come un laboratorio, come un momento sicuro per indagare sulla tua esperienza piuttosto che costringere il tuo corpo nei modelli "giusti".

Chiedi a un amico o istruttore di guardarti quando provi qualcosa di nuovo. Dì loro di non fare commenti su nient'altro, ma di stare semplicemente zitti e guardarti mentre vai avanti e indietro tra il vecchio e il nuovo modo di oscillare. Questo è il posto dove usare la videocassetta se ce l'hai. Ma non lasciare che l'osservatore faccia commenti su qualsiasi altra cosa tu stia facendo e istruiscili attentamente che non ti interessa in questo momento del risultato della tua iniezione, ma solo nel processo. Questo è cruciale. Un osservatore appassionato, soprattutto se lui o lei è un amico, vorrà sempre dire molto quando invitato a criticare il tuo gioco. Ma se stai lavorando su qualcosa in particolare, dì a quella persona di tenere per sé tutti questi altri pensieri.

Cerca di fissare aspettative realistiche per il tuo gioco nel tempo. Per esempio, se un golfista professionista colpisce un drive nel bosco, è momentaneamente frustrato e poi passa rapidamente a considerare il suo prossimo colpo. È un evento strano. Inutile utilizzarlo con qualsiasi significato. Se un 16 handicapper fa la stessa cosa, tuttavia, è probabile che si senta frustrato e arrabbiato e rimanga così per un po '. La sua reazione rasenta l'indignazione, come se il destino gli avesse inflitto una mano ingiusta o come se il colpo sbagliato riflettesse un suo fallimento morale. Eppure, a differenza del professionista, il golfista dilettante colpisce quasi sempre una palla nei guai. È la conseguenza inalterabile e innegabile del suo vero livello di abilità. Sicuramente credo che il gioco di qualcuno possa migliorare drasticamente all'improvviso, e ho sicuramente sperimentato un gioco di golf che è improvvisamente crollato. Ma resta il fatto che c'è un ruolo per alcuni semplici test di realtà nel mezzo dello sviluppo dell'autocoscienza: cioè, qualcuno che ha un handicap di 15 sta andando in media 17 o 18 colpi sopra la parità in un dato giro e quindi in pezzi, affettare, anatra, lame, strattonare, spingere, e-sì-persino lo sberleffo saranno i descrittori adatti di alcuni dei tuoi scatti nella maggior parte dei giorni in cui suoni. Pensa a questa realtà quando ti ritrovi a perdere. Fai un passo indietro. Ridi di te stesso. Condividi la risata con un amico. Pensa a quanto sia ridicolo collegare la tua autostima a qualcosa di così semplice e in definitiva privo di senso come un campo da golf.

Invece, considera la possibilità che tu possa investire il golf con altri significati, significati che non garantiscono l'impotenza, la rabbia e l'autocondanna. Forse vuoi provare una sensazione di atletismo o imparare di nuovo a "giocare" come facevi da bambino. Forse vuoi avere la soddisfazione di vederti padroneggiare una sfida e migliorare con l'abilità fisica, o goderti la vita sociale disponibile in un quartetto. Forse vuoi sperimentare l'intensità e l'attenzione che viene con la competizione, e la soddisfazione e l'orgoglio che viene dalla vittoria, o goderti l'esercizio, la bellezza dell'ambiente circostante. O forse vuoi usare il golf per esplorare te stesso, per capire più profondamente come pensi e senti quando riesci e quando fallisci. Tutte queste ambizioni sono sane. Nessuno di loro richiede il tipo di intolleranza autocritica che affligge il golfista medio.

Bobby Jones una volta disse: "Il golf è un gioco che si gioca su un campo da cinque pollici – la distanza tra le orecchie". Capire le storie che raccontiamo, le realtà che distorciamo e i significati che attacciamo ai nostri giochi di golf ci può aiutare gioca entrambi i giochi insieme, quello tra le nostre orecchie e quello in gioco sul campo.

Solutions Collecting From Web of "Sindrome golfista frustrata: cause e cure"