Sindrome da esaurimento da maniaco-colpa

Il senso di colpa segnala la necessità di un'azione correttiva. È una risposta salutare quando il comportamento insensibile e sconsiderato e le azioni illecite irresponsabili influenzano negativamente e disturbano gli altri. Se il senso di colpa è consapevole e veramente sperimentato, il disagio che provoca dovrebbe servire a motivare l'individuo a ripristinare l'armonia, a scusarsi ea chiedere perdono. È quindi possibile intraprendere sforzi sinceri per fare ammenda, trasformare permanentemente tale comportamento e quindi migliorare il proprio livello di integrità in tutte le interazioni personali e professionali.

Sfortunatamente, quando l'intuizione unica della funzione Sentimento su come il comportamento e le azioni di una persona influenzano gli altri non riesce a registrarsi, i maniaci del lavoro ossessivi rimangono inconsapevoli della reale necessità per loro di intraprendere qualche azione correttiva. L'affetto intorpidito segnala la graduale perdita di sensazioni che si verifica durante la sindrome di breakdown che segue tipicamente questa dipendenza dal potere e dal controllo. Mentre il maniaco del lavoro diventa più ossessivo e strettamente fissato sul lavoro, la funzione Pensare domina e reprime sempre più la funzione Sentimento, insieme a Intuizione e Sensazione. Le dinamiche interne dell'ossessione insieme al diagramma Paradigm for Obsession (1) sono state descritte in dettaglio in un precedente blog.

Quentin Hyder (2) sottolinea la sensazione di senso di colpa spiacevole. "È una miscela di molte emozioni e pensieri che distruggono la pace interiore." Porta all'alienazione dagli altri e da se stessi "a causa della discrepanza tra ciò che realmente si è e ciò che si vorrebbe essere." Sempre più immobilizzati dalle loro paure, ansia e stanchezza cronica, i maniaci del lavoro non possono rischiare di affrontare la verità che il loro comportamento e le decisioni stanno danneggiando gli altri. I valori morali ed etici che un tempo li guidavano a fare giudizi giusti ed equi non si registravano più a sufficienza. La loro coscienza è di conseguenza difettosa.

Se persistono alcuni sensi di colpa, molti maniaci del lavoro ben intenzionati fanno promesse di lavorare meno, di solito dopo una crisi in famiglia. Tuttavia, i coniugi prima o poi scoprono che il loro partner è stato sedotto a svolgere un altro compito più visibile o prestigioso. La tentazione era troppo grande, e le scuse fornite sono ancora una volta "tutto su di loro". La giustificazione data è che "Sto facendo tutto questo per te e la famiglia!"

La colpa è in realtà non riconosciuta auto-rabbia. Il rimorso che ne deriva dovrebbe essere vissuto come un vero dolore, ma troppo spesso viene sostituito da un rimpianto alimentato da timori di rifiuto, punizione o rappresaglia. Non volendo assumersi la responsabilità delle proprie azioni, molti maniaci del lavoro emotivamente paralizzati proiettano la propria rabbia verso l'esterno e l'altra persona coinvolta viene falsamente accusata o incolpata della situazione. Così facendo, si assolvono dalla colpa. Evitano ogni sentimento di inadeguatezza rifiutando o allontanando prima gli altri. Questi atti manipolatori permettono loro di sentirsi di nuovo superiori. Senza compassione ed empatia, questi maniaci del lavoro sono sempre più incapaci di perdonare gli altri. Man mano che la ripartizione procede, molti diventano ancora più vendicativi e puniscono senza pietà gli altri quando le cose vanno male o quando altri osano sfidarli. Queste tattiche rendono doppiamente difficile per le vittime di questo abuso tollerare tale comportamento o non prenderlo sul personale. Rabbia e paura si intensificano per entrambe le parti con poche possibilità di risoluzione dei problemi coinvolti. Ogni speranza di una successiva interazione positiva scompare.

Con l'aumentare delle tendenze narcisistiche, le difese della negazione, della razionalizzazione e della proiezione della colpa consentono ai maniaci del lavoro di bloccare qualsiasi auto-disprezzo inconscio che potrebbe minacciare di rovesciare la loro arrogante arroganza. La dissociazione – fingere che qualcuno o qualcosa non esista – e la compartimentalizzazione – dove bit di informazione contraria possono coesistere confortevolmente fianco a fianco – diventano meccanismi di coping preferiti. La realtà così distorta diventa irrimediabilmente deformata. Sfortunatamente, i maniaci del duro lavoro che non vogliono aprire la scatola di Pandora e affrontare i loro demoni, riescono comunque a ingannare se stessi ea continuare a ingannare gli altri. Pur rimanendo relativamente incolumi, molti sperimentano una vaga sensazione che qualcosa sia seriamente sbagliato e un'ansia nervosa persiste.

Quando il senso di colpa viene represso e non viene riconosciuto, la vergogna prende il suo posto. Questo stato, in gran parte inconscio, può manifestarsi in stati d'animo brutti, putrefazioni crudeli, sarcasmo caustico e indignazione vendicativa. Come altre funzioni di Sensazione quando vengono rimosse, il senso di colpa innesca i tratti negativi di Feeling. I maniaci del lavoro tendono quindi a prendere tutto personalmente, a diventare lunatico ea diventare sempre più paranoico. Senza compassione ed empatia per guidare il loro comportamento, c'è poca o nessuna capacità di nutrire gli altri, o addirittura di se stessi. Diretto verso l'interno, la vergogna favorisce l'auto-abbandono. Quando i segnali di avvertimento del disagio fisico vengono ignorati perché i maniaci del lavoro sono fuori dal loro corpo, continuano a pompare un'eccessiva adrenalina che alla fine influirà negativamente sulla loro salute. Troppo occupati a vedere un dottore, a mangiare in modo adeguato, a dormire a sufficienza, decidono al soldato, inconsapevoli di come stanno influenzando non solo se stessi, ma anche gli altri. Senza intuito, il senso di colpa non può essere l'agente correttivo che potrebbe offrire l'intuizione necessaria per iniziare il lungo viaggio verso la guarigione.

Nel prossimo blog, esploreremo uno dei principali punti di svolta nella sindrome di breakdown, la perdita di sentimenti. Man mano che i maniaci del lavoro diventano sempre più emotivamente paralizzati, questo fenomeno produce una serie di gravi perdite che cambieranno il loro carattere e personalità da un ex dott. Jekyll idealista a un Mr. Hyde eccessivamente ambizioso, guidato, egoista, avido e subdolo.

(1) Killinger, B. "Capire le dinamiche del workaholism – Obsession." Blog di psicologia oggi in The Workaholics, 14 febbraio 2012.

(2) Hyder, Q. The Christian Handbook of Psychiatry. Old Tappan, NJ: Fleming H. Revell, 1971.

Vedi il sito web: www.drbarbarakillinger.com per le mie pubblicazioni e un link a questo blog.

Copyright 2012 – Dr. Barbara Killinger

Solutions Collecting From Web of "Sindrome da esaurimento da maniaco-colpa"