Sindrome da derangement di Obama: sì è razzista

Il sondaggio Stanley Greenberg e l'agente politico James Carville, lo scorso anno, hanno riferito di una serie di focus group con vecchi repubblicani bianchi in Georgia. Stavano cercando di capire la dura opposizione a Obama. È razzista?

Hanno concluso no. Ci hanno ammonito di "superarlo". L'animus di Obama, sostenevano, "è basato sugli stessi principi conservatori incrollabili e radicati che li hanno sempre portati ad opporsi alle politiche liberali. Alcuni dei loro soggetti affermano addirittura di essere post-razziale: "orgogliosi" c'è un presidente afro-americano.

Ho il mio gruppo di discussione informale e non lo sto comprando.

Lavoro come psicologo in case di cura e parlo quotidianamente con il sale più vecchio della terra. L'altro giorno ho valutato lo stato cognitivo di un membro maschio di 87 anni della più grande generazione, e ho realizzato ancora una volta quanto razzismo sia invischiato nel nostro DNA culturale.

Sembrava ragionevolmente ragionevole, solo il suo dito che si immergeva nella pozza della demenza lieve. Ha ancora riconosciuto tutti. Potrebbe nominare tutti i suoi nipoti, delineare la sua storia lavorativa e condividere aneddoti sulla guerra. E se lui non riuscisse esattamente a ricordare esattamente in quale giorno si trovava ad ottobre. Si ricordò che era ottobre. Ti sfido a cercare di tenere traccia del giorno della settimana se ti trovi in ​​un'istituzione e non trovi il giornale a portata di mano ogni mattina per iniziare la giornata. Non è facile come pensi.

Quindi ho fatto questa domanda standard:

"Chi è il presidente degli Stati Uniti?"

"Quello n * gg * r."

E il gioco è fatto. Colpendo me come uno schiaffo attraverso la faccia nella privacy della stanza di consultazione scopro il razzismo lasciato fuori dalla società educata dei focus group.

Certo che è aneddotico, ma ci credo.

Uno degli effetti di una piccola demenza è che si disinibisce. È come se fossi in quel film in cui ti hanno incantato, e sei obbligato a dire qualunque cosa pensi.

Non essendo sempre riconoscibile come ebreo, ricevo anche la mia parte di esplosioni antisemite.

Devo credere che la n-parola, e le sue varianti più gentili, sia nella mente se non nelle lingue dei georgiani più anziani, dei georgiani più giovani e di milioni di altri americani.

Non sto dicendo che è tutto lo stufato dell'omaggio di Obama, ma è sicuramente un condimento.

Anch'io supplico un po 'di colpa, ma mi butto in balia del tribunale con una spiegazione.

I miei nonni vennero qui 100 anni fa dall'Ucraina, dove gli ebrei erano l'equivalente funzionale delle persone di colore. Erano l'altro privo di diritti, riconoscibile non per il colore della pelle, ma per il colore nero dei loro vestiti, e potevano essere facilmente localizzati per i pogrom poiché vivevano in quei quartieri segregati che diedero origine al ghetto.

Non ho alcuna conoscenza diretta degli atteggiamenti razziali dei miei nonni – sono morti quando ero un bambino – ma conosco i sentimenti ambivalenti della loro figlia, mia madre, un soldato della Grande Depressione di serie, le inclinazioni liberali del New Deal. Mi raccontò di un ballo sindacale negli anni '30.

"Un uomo di colore mi ha chiesto di ballare e non potevo farlo. Ho detto 'Non sto ballando', quindi per essere onesti non ho ballato affatto quella notte. "

Non ballando con un uomo qualunque, nero o bianco, e mia madre adorava ballare, lei era in grado di tornare a casa se non con una coscienza chiara, almeno non oscura.

Sono cresciuto a Brooklyn. Sebbene la città fosse multirazziale, i quartieri erano segregati e provinciali. Nella mia scuola elementare, tra centinaia di bambini, c'era letteralmente un bambino nero, il figlio del custode della casa d'appartamenti di fronte a me.

Mettimi in ogni gruppo di discussione e sono fuori classifica nelle mie risposte a tutte le domande progressiste, ma il mio daltonismo è come una seconda lingua appresa in età adulta. Posso ordinare un pasto, chiedere indicazioni alla stanza degli uomini, ma non ci sognerò mai. Nel mio cervello di rettile, il colore della pelle rimane l'altro. Ma questo è ciò che ci rende umani. Possiamo controllare il cervello di rettile.

Chissà dove sarò quando sono vecchio e grigio e il mio cervello sta perdendo la sua capacità di censurare?

Ma cento anni possono fare la differenza.

I miei figli, a causa del mio desiderio di fare la cosa giusta, hanno partecipato a ciò che noi tipi di PC chiamiamo scuole culturalmente diverse. Il daltonismo è nei cervelli dei rettili dei miei figli. Possono sognarlo.

Il mio ragazzo più grande stava parlando di un attore in un film. Non riusciva a ricordare il suo nome.

"Era quello con gli occhiali."

L'ho cercato. Era Samuel L. Jackson.

Avrei detto "Il nero". Per mio figlio erano gli occhiali.

Non c'è un accenno alla parola n lì.

——————————-

Il mio libro, Nasty, Brutish e Long: Adventures in Old Age e World of Eldercare (Avery / Penguin, 2009) è stato finalista per il Connecticut Book Award del 2010. Clicca qui per leggere il primo capitolo. Offre una prospettiva unica e privilegiata sull'invecchiamento in America. È un resoconto del mio lavoro di psicologo nelle case di cura, la storia dell'assistenza ai miei genitori fragili e anziani – tutto con l'accompagnamento di elucubrazioni sulla mia stessa mortalità. Thomas Lynch, autore di The Undertaking, lo definisce "Un libro per i responsabili politici, gli assistenti sanitari, lo stallo e lo zoppo, il retto e privo di regole: chiunque abbia intenzione di invecchiare".

La mia pagina Web

Solutions Collecting From Web of "Sindrome da derangement di Obama: sì è razzista"