Sii uno scienziato e un artista nel tuo sport

Essere uno scienziato ha il suo posto, ma il successo atletico deriva dall’essere un artista

CCO

Fonte: CCO

La domanda difficile che ogni atleta chiede è: come faccio a fare del mio meglio quando è più importante? Soprattutto per i giovani atleti che si stanno ancora sviluppando, è essenziale per te continuare il tuo sviluppo tecnico e tattico. Allo stesso tempo, nel giorno della partita, credo che troppe riflessioni sulla tecnica e sulla tattica in questo momento della stagione possano effettivamente impedirti di esibirti al meglio. In effetti, in alcune parti del tuo allenamento e sicuramente nel giorno della partita, ti suggerisco di lasciare andare la tua attenzione sulla tecnica e sulla tattica e concentrarti solo sul meglio.

Ecco una distinzione che faccio per aiutarti a capire meglio da dove vengo: essere uno scienziato in pratica e un artista in competizione.

Scienziato

C’è un posto per essere uno scienziato nella tua vita atletica. Quello che intendo per uno scienziato è che ci sono momenti in cui devi essere logico, razionale, analitico, organizzato e metodico nel perseguimento dei tuoi obiettivi sportivi. È necessario concentrarsi su ogni dettaglio in cui si assicura che ogni “t” sia attraversata e che ogni “i” sia punteggiato. Come scienziato, questa attenzione ai dettagli ti aiuta a ottenere il massimo dai tuoi sforzi di allenamento e a ottenere i guadagni più tecnici e tattici nel tuo sport. Essere uno scienziato ti consente anche di sentirti più preparato, fiducioso, a tuo agio e in controllo durante le gare. Essere lo scienziato di solito è il migliore quando si pratica e si pianifica, si organizza e si prepara per una competizione. Gli scienziati hanno sempre le loro basi coperte perché sanno che se perdono qualche dettaglio, possono rovinare i loro sforzi per un risultato positivo.

In un certo senso, essere uno scienziato è molto sicuro e confortevole. Hai sempre il controllo, c’è meno rischio e meno vulnerabilità, e il successo e il fallimento sono chiaramente definiti e oggettivi. Allo stesso tempo, uno svantaggio di essere uno scienziato è che, avendo il controllo totale, avrete meno capacità di lasciarlo andare e metterti veramente là fuori in una competizione. Inoltre, gli scienziati hanno meno probabilità di correre dei rischi (ho la sensazione che otterrò un risvolto dagli scienziati che leggono questo post) e, di conseguenza, come ho notato nel mio ultimo articolo, Rischio per il biscotto, ci saranno di solito meno premi.

“Non pensare. Il pensiero è il nemico della creatività. È impacciato, e qualsiasi cosa di autocosciente è pessima. Non puoi provare a fare cose. Devi semplicemente fare le cose. “- Ray Bradbury, autore

Artista

Proprio come i pittori usano la loro tavolozza di colori e scultori usano la loro argilla, stai usando l’arena competitiva per esprimere te stesso come atleta dipingendo un’immagine di prestazioni eccezionali nelle tue competizioni. Per fare ciò, metti da parte lo scienziato cerebrale, razionale e analitico in te e attingi la parte di te che è l’artista: spontanea, emotiva e ispirata. I pittori non pensano e decidono dove posizionare ogni tratto di vernice e i ballerini non pensano a ogni passo che fanno. Invece, gli artisti vedono una visione nella loro mente ed esprimono quella visione nel loro particolare mezzo. Per gli atleti, invece di pensare a una competizione come lo scienziato che è in te (che spesso garantisce una prestazione scadente), come artista, rinunci al controllo cosciente delle tue esibizioni. In tal modo, ti fidi delle tue capacità inconsce e profondamente radicate che consentono alla tua mente e al tuo corpo di fare ciò che hai addestrato a fare.

Dovresti iniziare incorporando il tuo essere un artista nelle tue pratiche; proprio come con la tecnica e le tattiche, non vuoi introdurre qualcosa di nuovo e non sperimentato nel giorno del gioco. In pratica, inizi a entrare in contatto con il tuo lato “artistico”, invece di concentrarti su tecnica e tattica per tutto il tempo, dedica una parte del tuo tempo di pratica a limitarti a farlo. Spegni la tua mente scientifica e permetti al tuo spirito e alle tue emozioni di guidarti a grandi spettacoli.

Quando arrivi a una competizione, è il momento di mettere da parte il tuo essere uno scienziato e passare all’essere un artista. L’enfasi come artista nella giornata di gioco consiste nel connettere la tua mente inconscia con la tua esperienza fisica del tuo sport (ti esibisci nel tuo corpo, non nella tua mente) e generare sentimenti emotivi (es. Eccitazione, orgoglio, ispirazione) che ti spingeranno a fare del tuo meglio.

Esibirsi come artista può essere piuttosto scomodo le prime volte che provi a sfruttare quel lato del tuo sport. Potrebbe non sembrare abbastanza “giusto” perché è nuovo e diverso. Inoltre, quando abbandoni il controllo cosciente che lo scienziato apporta alle tue esibizioni sportive, ti rendi vulnerabile perché stai correndo un rischio. Eppure, nella disponibilità a lasciar andare quel controllo, ti dai l’opportunità di liberarti dal dubbio, dalla preoccupazione e dalla paura e ti apri a dare il massimo con fiducia, coraggio e abbandono spericolato. E così facendo, porti in primo piano tutti i tuoi talenti e sforzi, permettendoti di esibirti al meglio e, si spera (perché non ci sono garanzie nello sport), raggiungere gli obiettivi sportivi che ti sei prefissato.

Questo post è tratto e adattato dal mio libro Train Your Mind for Athletic Success: Preparazione mentale per raggiungere i tuoi obiettivi sportivi .

  • Cosa guida la nostra solitudine?
  • Questo è ciò che succede quando colpisci i tuoi bambini
  • Serve un passaggio? Basta guardare negli occhi di un cane.
  • Predatori femminili
  • Regola numero 1: fai il meglio che puoi
  • Trattare i nazisti: considerazioni analitiche sull'odio
  • Il fattore dito medio di Dee Snider
  • Quando qualcuno non ti piace
  • La polarizzazione dei gruppi non finisce mai bene
  • Autoaccettazione: più sostanza dell'autostima
  • Dopo 50 anni: in piedi all'incrocio sessuale
  • Psicologia dello sport: Coaching Trust
  • Ehi, sei uno psicologo, insegnami a ballare in modo sexy "
  • Test genetici per l'Alzheimer: vuoi? Dovresti?
  • Alienazione parentale: cosa può fare un genitore alienato?
  • Umanità ed eroismo
  • Coaching di genitori designati
  • Ti senti suicida? Facebook vuole parlare con i bambini
  • 23 citazioni di Capodanno
  • Coraggio e coscienza nell'America di oggi
  • Un percorso giocoso e il consiglio di DeKoven per tornare su di esso
  • La grazia di cadere a pezzi
  • Diete e ansia senza glutine
  • Lavoro, amore, gioco: hai un sano equilibrio interiore?
  • Emotional Reactivity-The Bane of Intimate Communication
  • Perché sciare
  • Il più grande giorno di appuntamenti online dell'anno! Ora cosa?
  • Se potessimo parlare con i cani della prateria, immaginiamolo ...
  • Quello che lo scandalo Joe Paterno ci dice sul comportamento umano
  • 10 principi spirituali per guarire la tua vita
  • Ciò che le persone veramente riuscite sanno che non è così
  • Le persone da evitare
  • Morale e tribalismo: il problema con l'utilitarismo
  • Il modello più tossico in qualsiasi relazione
  • Siamo cablati per essere positivi o negativi?
  • The Faith Project: trovare nuove mosse da fare