Sibling Intensity e Prospects for Peace

Quando i nostri due figli più grandi erano giovani, nutrivo grandi speranze per la pace nel mondo. Ogni volta che scoppiava un conflitto tra loro, ero sempre in grado di risolverlo applicando alcuni semplici principi. Muoviti con. Chiedi scusa. Vai avanti.

Mi sedevo con loro due e ascoltavo ogni lato della storia. Li inviterei a condividere i loro sentimenti feriti, e quindi a nominare i sentimenti feriti del fratello – a muoversi l' uno con l' altro. Aiuterei ciascuno di loro a identificare il desiderio al centro di quei sentimenti. Li incoraggerei a chiedere scusa gli uni agli altri, e poi a lasciar perdere.

Quasi ogni volta, non appena quelle ferite venivano ascoltate, toccate e rilasciate, i bambini si muovevano rapidamente, scivolando di nuovo in questo luogo di gioco magico che solo loro potevano entrare. Si incontrarono allo stesso livello con la stessa lingua: il canticchiare delle loro voci un balsamo per la mia anima. Quando il mio terzo figlio aveva quattro anni, anche lei scivolò proprio in quel luogo di gioco tra fratelli, dove i tre si nutrono l'un l'altro in modi che non posso.

Le mie esperienze con questi tre hanno supportato l'intuizione che avevo nel diventare un genitore: volevo evitare un orientamento familiare verso l'alto e coltivare un round-about. In un orientamento verso il basso, le principali vie di comunicazione, cooperazione e compassione fluiscono tra genitori e figli. I bambini hanno bisogno; i genitori forniscono In un orientamento circolare, tutti i membri della famiglia si aiutano l'un l'altro. Ogni individuo alimenta una relazione con l'altro, per formare una rete di relazioni abilitanti. È un mantra familiare che ho ripetuto spesso a ciascuno di loro: esisti ad aiutarti l'un l'altro a ottenere ciò che ciascuno desidera di più. È la nostra unica speranza per la pace nel mondo. Siamo tutti fratelli e sorelle.

L'esperienza con i nostri due figli più giovani, tuttavia, ha silurato il mio ottimismo. La relazione tra questi due è feroce. Appassionato. Due fratelli. A quattro anni di distanza. Quando non urlano l'un l'altro, stanno urlando perché non possono essere l' uno con l'altro. Quando non stanno lottando per la rabbia, stanno lottando con risate profonde e contagiose che raramente sento in altri momenti. Non è raro che trascorra mezz'ora senza che le emozioni irregolari scoppino. Le strategie per il processo di pace affinate sui tre precedenti sono di scarso aiuto.

Ma non mi piace urlare! Non è quello che voglio in casa mia. Così ho continuato a raggiungere, oltre ciò che ho scritto

Family Planting – per capire come aiutare questi due a surfare l'intensità del loro impulso a connettersi gli uni con gli altri – come aiutarli a viverlo come amore. Nel processo, ho scoperto di nuovo in cosa consisteva la mia esperienza con i bambini precedenti che si è dimostrata efficace in primo luogo.

Per come la vedo io, la sfida della pacificazione tra fratelli – e se non c'è, allora dove – non si tratta di imparare a condividere. Sta nel imparare a gestire le profondità della sensazione che la relazione produce. Quel piacere crea un legame prima di un vero e proprio senso dell'ego o "io". Il legame crea attaccamento. Ogni bambino cresce dipendente dagli altri per un senso emergente che "Io sono" e "Io sono OK"; che sto ottenendo ciò che voglio, non solo ottenere un oggetto o un'opportunità particolare, ma ottenere tutto ciò che è e sarà necessario e voluto.

La sfida, quindi, è che i fratelli imparino a salutare gli enormi sentimenti che hanno in relazione l'uno con l'altro come risorse, come la prova che hanno bisogno l'uno dell'altro per diventare quello che hanno il potenziale per essere. I sentimenti sono la prova che otterranno ciò che vogliono aiutando i loro fratelli a fare lo stesso.

Bella idea, ma come funziona?

Innanzitutto, alcuni esempi tipici di interazione tra fratelli.

Scena 1 . Kai sta costruendo un edificio con blocchi. Lui è appassionato di questo. Leif gli si avvicina e cerca di aggiungere un blocco alla torre. Kai piange: "No! Non toccarlo. Stai per distruggerlo! "La faccia di Leif si contorce. In un attimo, bussa alla torre del blocco. Entrambi i ragazzi stanno urlando.

Scena 2 . Chiedo a Leif di prendere il formaggio dal frigorifero. Lui saltella fuori dalla sedia, desideroso di aiutare. Kai balza in piedi, lo colpisce al frigorifero, lo apre, afferra il formaggio e lo mette sul tavolo che ho di fronte, sorridendo. Leif ulula di frustrazione, corre al divano e affonda la testa tra i cuscini. Vado ad abbracciarlo e lui mi spinge via piangendo, "Non mi piaccio!" Nel frattempo Kai, sconvolto dal fatto che Leif sia così sconvolto, sta urlando, "Stavo solo facendo quello che volevi!"

Scena 3 . I ragazzi stanno giocando su entrambi i lati di una porta, come ho chiesto loro di non fare molte volte prima. Leif accidentalmente spinge la porta in un modo che cattura la punta di Kai. Kai urla di dolore e inizia a gridare a Leif: "Avevi intenzione di farlo!" Leif urla all'indietro, infuriato: "Non l'ho fatto!" E si stanno urlando l'un l'altro mentre Kai tira forte il suo alluce.

Scena 4 : Kai si lamenta tutta la mattina di come Leif voglia sempre giocare con il giocattolo che Kai ha appena trovato. È stancante. Leif finalmente si addormenta, facendo un sonnellino pomeridiano. Cinque minuti dopo Kai fa il broncio: "Sono annoiato. Non ho niente da fare! Vorrei che Leif si svegliasse! Io voglio giocare!"

Tipico? Forse. Familiare? Sono sicuro. In questi casi, purché riesca a trattenermi dal gridare ancora più forte di quello che sono per farli tacere, sono sommerso da queste enormi emozioni che i bambini hanno davvero bisogno l' uno dell'altro per aiutarli ad alleviare.

Cosa fare? Affrontare una situazione in cui le emozioni si infrangono come le onde giganti è, beh, difficile. Qui ci sono cinque linee guida che usiamo per aiutare questi fratelli a non essere bolliti in primo luogo, e a raddoppiarsi se lo fanno.

1. Uno per te. Uno per me .

Tuo fratello vorrà sempre ciò che vuoi Vuoi giocare con un giocattolo? Prendi uno per tuo fratello. Vuoi una ciotola di cereali? Prendi uno per tuo fratello. Vuoi disegnare? Prendi un pezzo di carta per tuo fratello. Dall'inizio.

2. Includi, includi, includi sempre.

Tuo fratello vorrà sempre fare ciò che stai facendo . Dagli un modo per partecipare. Accoglilo. Mostragli come può aiutarti. Vuole partecipare. Vuole giocare. Se lo includi, non sposterà la tua torre.

3. Dare e ottenere.

Tuo fratello vorrà sempre ciò che hai Daglielo, solo per un momento. Interessati a qualcos'altro, lo farà anche lui. E poi riprendi quello che volevi all'inizio, libero di giocare. Diffondi l'attenzione. Otterrai di più. Funziona ogni volta.

4. Fai una gara ravvicinata.

Tuo fratello vorrà sempre essere veloce, utile, intelligente e di successo come te . La competizione è buona, ma funziona solo se ti aiuta a crescere. Ti aiuterà a crescere solo quando c'è la possibilità che tu possa perdere. Se una persona vince troppo facilmente, la gara non è giusta. Rendilo giusto. Dai a tuo fratello un vantaggio, la spada più corta, un pacchetto più pesante, quindi preparati a perdere! Mostragli come.

5. VUOI LA STESSA COSA .

Voi fratelli volete la stessa cosa. Vuoi giocare. Essere buoni. Aiutare. Vincere. Divertirsi. Vuoi la stessa cosa E il fatto che tu voglia la stessa cosa è esattamente ciò che ti aiuterà ad averlo! Aiutarsi a vicenda a prenderlo.

*

I bambini non hanno bisogno di imparare come condividere. Lo sanno dalla nascita. Leif non aprirà nemmeno una sorpresa senza sapere se anche Kai può averne uno.

Né si tratta di sviluppare un "controllo degli impulsi" nella corteccia prefrontale. Questi bambini sono perfettamente in grado di comporsi istantaneamente quando un insegnante o straniero è presente, o quando i loro privilegi cinematografici di fine settimana sono a rischio.

Non mi compro nemmeno l'idea che semplicemente "cresceranno fuori da esso" senza aver formato alcuni modelli forti di movimento corporeo, coinvolgendo come percepire e rispondere ai propri desideri più profondi. A questo punto della loro vita, questi schemi di movimento sono fluidi, ancora in via di creazione; non si sono ancora induriti in abitudini di paura o dolore, difensività o giudizio. Questi bambini danno e ottengono, perdonano e dimenticano, facilmente. C'è molto gioco. Molte risate. Un sacco di possibilità creative.

La domanda, piuttosto, è come aiutarli a muoversi: come aiutarli a trovare modi di muoversi in relazione l'uno con l'altro che riconoscono e onorano le profondità in cui sono mossi l'uno dall'altro. La sfida è ricordare i desideri che legano non come fonte di conflitto, ma come una fonte che motiva gli atti di cooperazione e compassione che consentono a ciascuno di ottenere ciò che vogliono e hanno bisogno di continuare: il divertimento. L'amore.

È un esperimento in corso. Mi aggrappo a segni di speranza.

Ieri Kai era al computer. Chiedo cosa sta facendo. Dice "Shopping per il binocolo".

Dico: "Abbiamo già una bella coppia".

"Ma Leif ne ha bisogno. Sai, uno per te e uno per me! "Risponde Kai.

Sospiro Non è la prima volta che una spinta per la pace è stata cooptata come una chiamata al consumismo. Voglio dire che non abbiamo bisogno di un altro paio di binocoli, ma non lo faccio. Sta provando!

"Buona idea, Kai."

Solutions Collecting From Web of "Sibling Intensity e Prospects for Peace"