Siamo una cultura ADHD?

L'anno scorso ho visitato il mio medico di famiglia per un lungo raffreddore estivo. Nel corso della nostra conversazione, mi raccontò due esperienze che aveva avuto di recente con la crescente prevalenza di farmaci per l'ADHD nella vita di tutti i giorni. Recentemente ha partecipato a una conferenza medica, che includeva una presentazione sulla psichiatria. Lui e i suoi colleghi erano semplicemente sbalorditi quando l'oratore ha detto che tutti in America dovrebbero prendere i farmaci per l'ADHD per migliorare la loro concentrazione e produttività. Non riusciva a credere alle sue orecchie.

La seconda cosa che mi disse fu qualcosa che aveva colpito ancora più vicino a casa con lui. Suo figlio Nathan si stava preparando a sostenere gli esami SAT quest'autunno. Parlando con i suoi compagni di classe, Nathan ha imparato che circa la metà di loro prenderebbe i farmaci per l'ADHD per aiutarli a concentrarsi meglio sul SAT. Nathan sentiva di essere in svantaggio e non sarebbe in grado di competere con i bambini in terapia.

Il mio medico era solidale con le preoccupazioni di suo figlio, ma non voleva che prendesse le medicine semplicemente per migliorare le sue prestazioni in un test. Parlando con altri genitori, ha scoperto che molti di loro avevano la stessa preoccupazione. Come potevano i loro bambini competere sui SAT con i bambini la cui concentrazione e concentrazione erano aumentate dai farmaci stimolanti? Alcuni genitori pensavano di permettere ai loro figli di avere almeno una tazza di caffè prima dell'esame, anche se in genere non erano autorizzati a bere il caffè a casa. Poteva rendersene conto, e lui e sua moglie decisero che una tazza di caffè non avrebbe fatto male.

Che dilemma dei genitori moderno, ho riflettuto mentre stavo guidando verso casa. La nostra società non approva gli atleti che assumono steroidi per migliorare le prestazioni negli sport agonistici. Ma non prendere droghe anfetamine per migliorare le prestazioni in un test di ammissione all'università più o meno equivale alla stessa cosa? E i test antidroga nei siti SAT non aiuterebbero, dal momento che i bambini stanno assumendo farmaci prescritti loro dai medici.

Proprio come gli steroidi, prescritti con giudizio, sono meravigliosi per alleviare il dolore e la sofferenza, quindi i farmaci di tipo anfetaminico hanno indubbiamente un uso medico appropriato. Ma che dire dell'uso dei farmaci ADHD per migliorare le prestazioni in classe da parte di bambini che sono turbolenti o nervosi e ai test di ammissione all'università?

Ieri, 4 aprile 2013, un padre in lutto ha scritto un articolo sul New York Times intitolato "Diagnosis Human ." Suo figlio David stava assumendo Ritalin, Adderall e altri stimolanti sin dal primo anno dopo che gli era stata diagnosticata l'ADHD da un dottore che non l'aveva nemmeno incontrato. In un'altra epoca, scrive questo padre, suo figlio potrebbe essere stato etichettato come "turbolento" non ADHD. Al liceo e all'università, suo figlio iniziò a vendere stimolanti ai suoi compagni di classe. Suo padre scrive:

"Mio figlio non era un angelo (anche se era per noi) ed era noto che commerciava in Adderall, per creare un sottomarino nella droga tra i suoi compagni di classe che erano tutti troppo desiderosi di mettere le mani su di esso. Quello che ha fatto non può essere scusato, ma dovrebbe essere capito. Ciò che ha fatto è stato creare un mercato che rispecchiasse perfettamente la società in cui è cresciuto, una cultura in cui la stessa Big Pharma prospera dagli usi off-label delle droghe, spesso non testati nei bambini e non approvati per i molti usi a cui essi sono messi. "

Nel suo ultimo anno di college, suo figlio David è stato trovato morto nel suo dormitorio. Suo padre scrive: "Nessuno gli ha fatto prendere l'eroina e l'alcool, eppure non posso fare a meno di tenere conto di me stesso e degli altri. Avevo inconsapevolmente colluso con un sistema che svaluta la terapia parlante e si precipita a medicare, inviando involontariamente un messaggio che anche l'automedicazione è perfettamente accettabile. "

Il padre di David lamenta che il problema del consumo di droghe e dell'eccesso di diagnosi permesse va oltre l'iperattività e raggiunge ogni fase della vita umana. "A maggio, l'American Psychiatric Association pubblicherà il suo DSM-5, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali . Si chiama la Bibbia della professione. La sua ultima iterazione, come quelle precedenti, non è solo una finestra sulla professione, ma sulla cultura che serve, riflettendo e modellando le norme sociali ".

L'effetto che ha sulla nostra società e sulla nostra cultura è, come osserva questo padre, uno dei più letali effetti collaterali del DSM-5. Estenderà i confini delle situazioni umane che richiedono farmaci. Senza la consapevolezza pubblica di questo problema, la classe del mio medico potrebbe rivelarsi profetica. Tutti noi possiamo prendere farmaci per l'ADHD, così come un numero di altri.

(Nota dell'autore: Io ho scritto originariamente questo articolo nel 2012, ma alla luce del New York Times Op Ed di ieri, che fa un punto simile, l'ho rivisto.

Marilyn Wedge è l'autrice di Una malattia chiamata Infanzia: perché l'ADHD è diventata un'epidemia americana e le pillole non sono per i bambini in età prescolare: un approccio senza droghe per i bambini in difficoltà.

Solutions Collecting From Web of "Siamo una cultura ADHD?"