Siamo tutti ipocriti?

Alessandro Stefoni, used with permission
Fonte: Alessandro Stefoni, usato con permesso

Molto tempo fa la gente faceva soldi facendo un lavoro molto particolare. Erano ipocriti!

Nell'antica Grecia l'ipocrita non avrebbe fatto male a una mosca. Non era né un bugiardo né una persona falsa. Piuttosto il contrario, l'ipocrita era solito guadagnare i suoi soldi in un modo molto appropriato.

In effetti, l'ipocrita era la Tom Cruise o Penelope Cruz dell'antichità. Gli ipocriti erano semplicemente attori che sul palco dovevano scegliere le parole giuste e le tonalità giuste per dare forma alla fantasia di uno scrittore. Generalmente erano maschi. La loro opera di interpretare o giudicare cosa dire dietro una maschera e talvolta – nel caso dei dithyrambs (inni cantati e ballati in onore di Dioniso) – improvvisando su un tema, divenne sinonimo di lavoro adatto per un uomo bifronte.

La parola ipocrita, dall'amalgama neutro del prefisso ipo-, che significa "sotto", e il verbo krinein, che significa "setacciare o decidere", indicava la capacità di setacciare o decidere le parole giuste da usare. La loro decisione venne dal 'sotto' perché la loro voce era amplificata da una maschera usa e getta di lino o sughero che usavano per interpretare molti personaggi diversi nel teatro.

Mentre "ipocrisia" era un termine tecnico per un attore teatrale, "l'ipocrisia" era, e in qualche modo è ancora oggi, lo strumento per attori, retorici e detrattori di interpretare i loro pensieri in modo diplomatico. Nello specifico, nella retorica e nel dibattito "l'ipocrisia" è stato usato come mezzo per capire ogni lato di una discussione, mettendo da parte la propria posizione per dare più spazio alla discussione di uno sconosciuto, per capirlo meglio. In quel caso, paradossalmente, la funzione della maschera era quella di creare un contatto più stretto con gli altri senza essere dominati dal proprio tiranno interiore: l'ego.

Dopotutto, siamo sempre obbligati a indossare una maschera per vivere una vita intersoggettiva. James Ensor, il grande pittore, lo ha capito perfettamente. Essere in contatto con qualcun altro significa mediare tra noi e l'altro. Essere una persona, dal latino persona ("maschera", per e soneo – "risuonare") significa appunto "essere una maschera".

Il lato transgender dell'ipocrisia

La parola "ipocrisia" iniziò a detenere un significato negativo nel IV secolo aC, quando l'ipocrisia incontrò la politica. Ti risparmierò qualsiasi commento su questo, è troppo facile! Il grande oratore Demostene ridicolizzò il suo rivale Aeschines perché era stato un attore e un politico di successo. Puoi immaginare Aeschines come il Ronald Reagan del 4 ° secolo. La sua carriera come attore e politico lo ha reso il perfetto ipocrita, impersonando personaggi sul palco e offrendo discorsi politici al suo pubblico.

Nella letteratura contemporanea "l'ipocrisia" è diventata un paradosso, raffigurante la sincerità come qualcosa che proviene effettivamente dalla capacità di essere bifronte. L'ipocrisia acquisiva quindi un senso di fluidità, una sorta di lealtà alla molteplicità della propria psiche.

TS Eliot, ad esempio, esaminò il personaggio di Tiresia, il veggente cieco, e lo considerò il perfetto ipocrita.

Alessandro Stefoni, used with permission
Fonte: Alessandro Stefoni, usato con permesso

In effetti, si domandava Eliot, se l'ipocrisia è semplicemente una persona che finge di fare qualcosa che non può, allora Tiresia potrebbe essere uno dei primi ipocriti della storia. Nel libro XI dell'Odissea, così come in Eliot's Waste Land, l'aspetto di Tiresia è una metafora dell'ambiguità della vita. La vita non può essere coerente Tiresia è un cieco, ma allo stesso tempo proclama di poter vedere, in realtà vede meglio degli altri. Inoltre, dal momento che è stato maledetto dagli dei per 7 anni, è obbligato a vivere una vita transgender, questo "vecchio con seno femminile rugoso". Tiresias è un bugiardo e un uomo onesto. Ma il suo unico modo di essere onesti è accettare il paradosso della sua vita ed essere autentico nella sua ipocrisia.

Nel suo poema Eliot usava Tiresia come il simbolo mitico dell'identità ipocrita. Per Eliot's Waste Land, Tiresias funziona come una figura unificante che collega il mondo antico e moderno, ricostruendo un mito dell'unità per il mondo moderno. In questo poema, così pieno di disperazione e disordine, il Tiresia reimmaginato riattiva il suo antico ruolo di essere uno e molti allo stesso tempo; è un personaggio umile che dimostra poco controllo sulla molteplicità paradossale di tutte le sue sfaccettature. Eliot sembra indicare che la terra dei rifiuti non sarà perpetua; la fluidità dell'essere persona e la molteplicità dei significati lasceranno il posto alle unificazioni di The Four Quartets. L'ipocrisia sta nell'imperfezione di questa unificazione, nel limite delle nostre maschere.

Sembra che siamo condannati a vivere come ipocriti (nel migliore dei casi) perché siamo condannati a vivere come uno solo e indossare una sola maschera alla volta, nonostante la molteplicità che caratterizza ogni momento della nostra vita. Milton scrisse una volta che l'ipocrisia "cammina invisibile" dalla "volontà di un dio permissivo".

L'ipocrisia del tempo

C'è un altro romanzo curioso scritto da Davenpol Selina, The Hypocrite o Modern Janus, che riattivava il ponte tra l'antichità e la modernità usando la figura di Giano. Janus, un altro ipocrita per eccellenza, è l'ingannatore e allo stesso tempo il dio che consente la transizione.

Il tempo è ipocrita per nessun altro motivo che non ha due facce. Come Janus, il tempo guarda all'inizio e alla fine tutto in una volta, all'obiettivo e alla realizzazione. Per sua natura, è bifronte.

Alessandro Stefoni, used with permission
Fonte: Alessandro Stefoni, usato con permesso

Coerentemente con ciò, Giano non aveva un prete flamen o specializzato (sacerdos) assegnato a lui, ma il Re dei Sacri Riti (rex sacrorum) stesso svolgeva le sue cerimonie tutt'intorno perché il suo dio era onnipresente e le sue cerimonie si svolgevano durante tutto l'anno ovunque . Fu ritualmente invocato all'inizio di ogni cerimonia, indipendentemente dalla principale divinità che veniva onorata in ogni occasione particolare.

Il tempo è un ingannatore e così è il dio che gestisce la sua transizione. Per essere abbiamo bisogno di essere in tempo e fluire con esso, senza sapere in ogni momento cosa siamo e dove stiamo andando. Possiamo solo accettare i limiti della nostra transitorietà.

Al lettore ipocrita

Questo è il motivo per cui uno dei più grandi libri del diciannovesimo secolo – Baudelaire's Fleurs du Mal – era dedicato al lettore ipocrita. Il lettore ipocrita è l'unico lettore possibile, il più umano.

Le poesie di Baudelaire sulla delusione, la disillusione, la milza e la gioia della vita non potevano essere indirizzate a un lettore romantico. Sta scrivendo a un essere umano, a qualcuno che sa quali sono le contraddizioni, l'inquietudine e il dubbio. "La sottotitoli, l'erreur, le péché, la lésine." Sta scrivendo a Janus e Tiresias, a qualcuno che è uno e molti allo stesso tempo. Sta scrivendo a un ipocrita, che può indossare solo una maschera alla volta per esprimere il flusso di volti che la vita comporta. "La coscienza è così" o almeno nella consapevolezza dell'inevitabilità della nostra ipocrisia.

LIBRI SULL'argomento

E. Adriani, Storia del teatro antico, Carocci, 2005.

RW Grant, Ipocrisia e integrità: Machiavelli, Rousseau e l'etica della politica, Università Chicago Press, 1997.

RC Naso, Dissociation, Shame e Ethics of Inauthenticity, Littlefield Publisher, 2010.

Solutions Collecting From Web of "Siamo tutti ipocriti?"