Siamo tutti cappelli?

"… tutti i miei amici di New York si definiscono per ciò che odiano ", dice Lena
Il personaggio di Dunham, Hannah Horvath, su Girls .
" Non so nemmeno cosa piaccia ai miei amici. So solo cosa non piace …. "

Prenditi un minuto per pensare veramente a questa osservazione.
Ora pensa a tre persone che conosci relativamente bene.
Quanto di ciò che piace ti intuisce da una chiara comprensione di ciò che non piace?
O chi non gli piace.

Rifiutiamo più di quanto ci abbracciamo?
Definiamo noi stessi – ci rendiamo "grandi" (o semplicemente "rendiamo noi stessi") – sminuendo, denigrando, sottovalutando o altrimenti contestando cose che non ci piacciono più spesso di quanto affermiamo aspetti della vita che apprezziamo e apprezzare?
La definizione di sé attraverso le valutazioni critiche degli "Altri" è semplicemente una funzione della costruzione dell'identità nel 21 ° secolo?

Gli psicologi positivi ci avvertono di fare attenzione a tali abitudini mentali. Sottolineare il negativo, specialmente nella costruzione di narrative sull'identità, potrebbe mettere a repentaglio la nostra capacità di raggiungere sentimenti di contentezza, felicità e benessere. Uno sguardo critico (e le predilezioni cognitive e gli stati emotivi concomitanti che lo accompagnano) non è semplicemente in armonia con la gioia e il senso di realizzazione che la maggior parte di noi orienta le nostre vite intorno al raggiungimento.

Gli psicologi evoluzionisti potrebbero, d'altra parte, sfidare la portata della nostra capacità di scegliere di pensare positivamente, chiedendo se la felicità e il benessere siano necessariamente in linea con gli ordini evolutivi. Considera: se le emozioni orchestrano comportamenti che massimizzano gli obiettivi evolutivi, di quali benefici è la felicità? È incidentale? Forse è collegato, nel nostro cervello, a ciò che l'individuo / la specie definisce come "buono". (E forse buono = definire e rifiutare le differenze negli Altri che potrebbero minacciare la coesione, anche la sopravvivenza, del gruppo).

Le implicazioni di questa considerazione giustificativa: cosa succede quando "buono" si applica solo a un particolare sottogruppo, come gli eterosessuali, o cristiani, o anche solo la cricca popolare?

Inoltre, cosa succede quando il nostro mondo diventa così enormemente complesso che lo smistamento e la classificazione delle informazioni – l'elaborazione cognitiva che risulta in stereotipi – domina in modo crescente il nostro funzionamento mentale?

Non è certo un modo per sostenere che la routine del pensiero negativo pone le basi per il rifiuto, l'umiliazione e il bullismo. E, mentre la cultura professa (su più piattaforme) di prendere posizione contro la violenza emotiva, sempre più la nostra retorica politica (e personale?) Smentisce un tale impegno – o forse, smentisce la nostra capacità, su un piano evolutivo, neuro-biologico livello, per mantenere saldi principi positivi e inclusivi.

Pensaci.
Come ti definisci nel mondo?
È prevalentemente in termini di ciò che ti piace o di ciò che rifiuti?
E come mai sei arrivato a queste "abitudini" mentali?

Solutions Collecting From Web of "Siamo tutti cappelli?"