Siamo nelle nostre giuste menti?

"Dimmi dove si trova Fancy. O nel cuore o nella testa? "Così canta il cantante nel Mercante di Venezia di Shakespeare, mentre Bassanio riflette una decisione difficile. La neuroscienza moderna opta per la testa, o più specificamente il cervello, e tutti ora sembrano sapere che è specificamente nella parte destra del cervello che si occupa di emozioni e creatività. Il best seller di Betty Edwards sull'insegnamento dell'arte, Disegnare il lato destro del cervello, è giunto alla sua quarta edizione e continua a vendere milioni di copie. Google "cervello giusto e creatività" e ottieni circa 27 milioni di visite; sostituisci "cervello sinistro" e ottieni un misero 4 milioni, in gran parte off-setting la sinistra opaca, pedonale contro la destra luminosa e fiammeggiante. Anche il dizionario è d'accordo. L'American Heritage Dictionary of the English Language offre le seguenti definizioni:

Right brained adj: 1. Avere il cervello giusto dominante. 2. Di o relativi ai processi mentali coinvolti nella creatività e nell'immaginazione. 3. Di o relativo a una persona il cui comportamento è dominato da emozioni, creatività, comunicazione non verbale e ragionamento globale piuttosto che logica o analisi.

Quindi da dove viene tutto questo?

È noto da tempo che il cervello sinistro nella maggior parte di noi è dominante per il linguaggio, portando alla domanda su cosa potrebbe fare il cervello destro. Di recente ho spiegato a mia nipote di cinque anni che quando parla è proprio il lato sinistro del suo cervello che parla. Allora le ho chiesto cosa fa la parte giusta. "Oh", ha detto, "si limita a stupirsi."

Forse sì, ma ci piacerebbe pensare che faccia di più. Dopotutto, come un pezzo di carne il cervello destro è grande quanto la sinistra, quindi deve fare molto di più che riempire metà del cranio.

Le nozioni più colorate di ciò che potrebbe fare il cervello destro furono mosse dai famosi studi sul cervello diviso negli anni '60. Una serie di pazienti ha subito un'operazione per disconnettere i due lati del cervello per il sollievo dall'epilessia intrattabile, e ciò ha permesso a Roger Sperry (che ha vinto il premio Nobel per la fisiologia o la medicina nel 1981) e al suo associato Michael Gazzaniga di indagare sul separato funzione dei due lati. Hanno confermato che il cervello sinistro è davvero specializzato per la parola, ma la parte destra sembrava avere alcune capacità non verbali – spaziali, emotive, musicali – sebbene la sua limitata capacità verbale abbia reso difficile scoprire esattamente cosa fa.

La distinzione sinistra-destra, tuttavia, presto sbocciò in qualcosa di più estremo, forse anche riflettendo una polarità fondamentale nella natura umana. Questa dualità yin-yang ha trovato risonanza nelle divisioni politiche e militari della fine degli anni '60 e '70. Il lato sinistro del cervello era associato con l'establishment industriale militare dell'Occidente, il lato destro con l'Oriente pacifico e creativo. Nel grido di cattura "fare l'amore non la guerra" era il lato sinistro che stava per la guerra, la parte giusta per l'amore.

L'idea che il cervello destro ci rifornisca di energia creativa persiste oltre l'arte e la politica, invadendo persino il mondo degli affari. Ancora una volta Google viene in nostro aiuto. "Right brain and business" genera circa 125 milioni di visite, e ancora una volta i 94 milioni di hit prodotti da "Left brain and business" sono principalmente a discapito della sinistra rispetto alla destra. Un blog di Psychology Today di Ray Williams, pubblicato il 10 giugno 2010 e intitolato "The right-brained executive", suggerisce che stiamo entrando "nell'era del giusto pensiero."

Le tecniche di neuroimaging, tuttavia, offrono scarso supporto per qualsiasi ascesa al cervello destro o qualsiasi ruolo specifico dell'emisfero destro nel pensiero creativo. Invece, l'attività cerebrale durante le attività creative sembra diffusa attraverso un ampio sistema noto come rete in modalità predefinita. Questo occupa entrambi i lati del cervello, e sembra essere attivato quando le nostre menti si allontanano dal presente, e spesso interrompe qualunque cosa si suppone stia facendo – leggendo un libro, ascoltando una lezione, cercando di risolvere un problemi di matematica. È la rete della mente che vaga.

Le nostre menti vagano per circa la metà delle nostre ore di veglia, ed è questa deriva mentale che ci permette di fare collegamenti che altrimenti non faremmo e di inventare nuove idee. Come ha scritto Steve Jobs, "la creatività è solo connettere le cose". Quindi non limitiamo la creatività a un solo lato del cervello, e lasciamo che la mente sfrutti qualsiasi regno della fantasia in cui vaga.

E tolleriamo il ragazzino sognatore in fondo alla classe, o il dirigente al tavolo della sala riunioni con gli occhi socchiusi, che scarabocchia sul suo taccuino.

Immagine: usata con permesso

Solutions Collecting From Web of "Siamo nelle nostre giuste menti?"