Siamo nati buoni (o cattivi)?

L'altruismo, e in particolare quello che potremmo definire "straordinario altruismo", ha attirato l'attenzione su molti campi della scienza , tra cui la biologia, la psicologia e l'economia. La domanda centrale è questa: perché un essere umano dovrebbe comportarsi in modo altruistico, soprattutto per rischiare la propria vita e / o sopportare il dolore per qualcuno che non conoscono nemmeno?

Tra gli scienziati vi è un accordo generale sul fatto che la funzione dell'altruismo è in parte quella di promuovere la sopravvivenza dei nostri geni (essendo gentili con i parenti) e in parte di permettere lo scambio di favori (con l'idea che avremmo aiuto qualche altra volta se ne abbiamo bisogno). Tuttavia, l'altruismo più estremo rimane in qualche modo sconcertante in quanto non soddisfa nessuna di queste spiegazioni. Così Abagail Marsh, Ph.D., e i suoi colleghi della Georgetown University, hanno cercato di indagare se il cervello degli altruisti estremi potrebbe avere differenze osservabili da altri cervelli e, in particolare, se queste differenze potrebbero essere l'opposto delle differenze viste nel cervello di psicopatici.

Si scopre che lo fanno, davvero. La dottoressa Marsh e il suo team hanno utilizzato MRI strutturali e funzionali per confrontare le amigdale di straordinari altruisti (donatori di reni altruistici che si sono offerti volontari per donare un rene ad un anonimo, non correlato, altro) a coloro che non sono straordinari altruisti, e anche al cervelli di psicopatici, che si comportano in modo opposto come qualcuno che è altruista, esibendo poca empatia o desiderio di fare qualsiasi cosa che non gli gioverebbe. L'amigdala è una parte del cervello che ha dimostrato di svolgere un ruolo primario nell'elaborazione della memoria, delle decisioni e delle reazioni emotive.

Quello che scoprì la dottoressa Marsh e i suoi colleghi è che gli straordinari altruisti hanno un'amigdala destra significativamente più grande, e che è, invero, l'inverso del cervello degli psicopatici, i cui amigdale giusti, come hanno dimostrato studi precedenti, sono più piccoli della media .

Questo studio è interessante perché suggerisce che lo straordinario altruismo rappresenta la fine di un continuum premuroso su cui siamo tutti d'accordo, con la psicopatia dall'altra parte. Supporta anche la possibilità di una base neurale per l'altruismo straordinario e per l'altruismo in generale. In altre parole, siamo tutti nati, in misura maggiore o minore, cablati per essere gentili con gli altri. E mentre l'incoraggiamento dalla nostra educazione aiuterà a migliorare questa propensione, alcuni dei nostri "bontà" sono ciò con cui siamo nati .

Solutions Collecting From Web of "Siamo nati buoni (o cattivi)?"