Siamo diventati dipendenti dalla violenza?

Una giovane donna bussa alla porta una notte chiedendo aiuto perché è stata coinvolta in un incidente automobilistico, sparata a morte dall'uomo all'interno, che dice di aver paura. Un giovane tormentato entra in un cinema, sparando a tutti in vista. I college, le scuole superiori e le scuole elementari della nostra nazione, da Columbine a Virginia Tech a Sandy Hook, sono scene di violenti omicidi di massa.

Sotto gran parte di questa violenza c'è la paura: la paura gli uni degli altri, la paura di non soddisfare i nostri bisogni, la paura di perdere il controllo in un mondo sempre più instabile e pericoloso.

Con notevole consapevolezza, l'avvocato di azione comunitaria Allan Luks ha scritto del "crescente, senza precedenti livello di paura e tensione che ora prevale tra i residenti delle città americane – e si sta diffondendo dalle nostre città a tutte le aree del paese. Questa crescente violenza tra di noi potrebbe essere la prova più severa di sempre della nostra forza e persino della nostra capacità di restare insieme come una nazione "(1991, p 204).

Per Luks, un modo per sanare questa violenta epidemia è ricostruire la fiducia e la comunità. Siamo diventati una nazione di estranei. La maggior parte di noi non conosce i nostri vicini, sussistendo su una dieta artificiale di gossip e sitcom per celebrità, tweet, testi e le notizie allarmanti del giorno.

Nel loro avvincente nuovo libro, Stop Teaching our Kids to Kill, Gloria DeGaetano e il tenente colonnello David Grossman collegano questa epidemia alla nostra dieta quotidiana di violenza dei media. Sottolineano che i bambini americani trascorrono 40 ore a settimana – l'equivalente di un lavoro a tempo pieno – a guardare l'intrattenimento violento in TV, nei film e a partecipare attivamente a videogiochi violenti. "La violenza dei media spinge i bambini a vedere l'uccisione come accettabile", spiegano (2014, pp. 2-3). In un processo noto come "social modeling", lo psicologo Albert Bandura ha scoperto che apprendiamo i nostri valori e comportamenti dalle persone intorno a noi (2003). La modellazione sociale include i nostri meme culturali: ciò che guardiamo e leggiamo, anche i giochi che giochiamo.

I nostri gadget tecnologici sono ingegnosi, onnipresenti e incredibilmente avvincenti, secondo il neuroscienziato Robert Numan (2014). Molti di loro modellano il comportamento sullo schermo che verrebbe diagnosticato come patologico. Con allarmanti prove, Grossman e DeGaetano (2014) descrivono quanto orribili scene di recenti film violenti, programmi TV e videogiochi abbiano portato i bambini a imitare nella vita reale il sadismo che vedono sullo schermo.

La ricerca ha dimostrato che il primo passo verso un cambiamento efficace sta diventando consapevole del problema (Prochaska, Norcross, & Diclemente, 2002). Il libro di Grossman e DeGaetano non solo indica una causa alla radice di questa violenza, offre consigli pratici per i genitori: attività di alfabetizzazione mediatica adeguate ai bambini per contrastare la violenza dei media e una serie di risorse per proteggere i nostri bambini online.

Ora è il tuo turno. Cosa stai facendo e cosa consiglieresti per aiutare a guarire la nostra epidemia nazionale di violenza?

Riferimenti

Bandura, A. (2003). Sull'impatto psicosociale e sui meccanismi della modellizzazione spirituale. Giornale internazionale per la psicologia della religione, 13, 167-173.

Grossman, D. & DeGaetano, G. (2014). Smetti di insegnare ai nostri figli a uccidere (Rev. Ed). New York, NY: Harmony Books.

Luks, A. (1991). Il potere curativo del fare bene: i benefici per la salute e la spiritualità di aiutare gli altri. New York, NY: Fawcett Columbine.

Numan, Robert (12 settembre 2014). Comunicazione personale, Santa Clara University, Santa Clara, California.

Prochaska, JO, Norcross, JC, & Diclemente, CC (2002). Cambiando per sempre. New York, NY: HarperCollins.

*******************

Diane Dreher è un'autrice di best-seller, personal coach e professore alla Santa Clara University. Il suo ultimo libro è Your Personal Renaissance: 12 passaggi per trovare la vera vocazione della tua vita.

Segui Diane su Twitter: Diane Dreher (@ dianedreher ) su Twitter

Come Diane su Facebook: Diane Dreher | Facebook

Solutions Collecting From Web of "Siamo diventati dipendenti dalla violenza?"