Siamo definiti dai nostri confini (culturali)

Recentemente, i miei amici Hazel Markus e Alana Conner hanno pubblicato un libro sulla cultura. Non è un libro sull'esplorazione delle culture o sul perché dovresti sempre accettare un biglietto da visita da un uomo d'affari giapponese con due mani e ammirarlo. Invece, Clash parla di otto conflitti culturali e inquadra quei conflitti come percorsi alla conoscenza di sé. In altre parole, descrive il sé e le nostre culture individuali come relative.

Spesso, quando pensiamo alla cultura e alle differenze culturali, stiamo cercando o siamo offesi dalle inevitabili generalizzazioni che emergono. Troppo spesso, la cultura è vista come un sottoprodotto della razza o dell'etnia. Se hai un certo aspetto, sei di una certa cultura. E se sei di quella cultura, hai certe convinzioni. Ma questa è una visione esteriore. Con questo libro, non solo puoi guardare all'esterno per capire perché altre due persone non vanno d'accordo, ma anche guardare dentro per comprendere meglio ciò che ti aspetti e assumere per il mondo intorno a te. Questa auto-comprensione può aiutarti a navigare meglio nel nostro mondo sempre più globale.

Ad esempio, una distinzione discussa da Markus e Conners è la distinzione tra americani provenienti da diverse parti degli Stati Uniti. Le persone provenienti da stati diversi hanno aspettative e presupposti diversi su come dovrebbero essere fatte le cose, e anche su quali cose dovrebbero essere chiamate. Spesso, è solo quando una persona si imbatte in un altro modo di fare le cose che queste ipotesi diventano evidenti. Ho frequentato il Carleton College, un college di arti liberali nel Minnesota. Nei miei primi due giorni di permanenza lì, mi sono reso conto che possedeva un'ipotesi sulla pioggia. Venendo dalla California, mi aspettavo che non piovesse in estate e che quando pioveva, pioveva tutto il giorno. Quando mi sono svegliato il 2 settembre, a un acquazzone durato 20 minuti, quell'assunzione si è rivelata falsa. Allo stesso modo, la settimana di orientamento per matricole era piena di discussioni sul fatto che una bevanda gassata fosse "Coca-Cola", "pop" o "soda", e se il gelato alla menta con gocce di cioccolato fosse correttamente etichettato "chip di menta" o "menta piperita". C'è stata una discussione particolarmente colorata nel mio dormitorio su "anatra, anatra, oca" contro "anatra, anatra, anatra grigia". Il punto è che, solo entrando in contatto e confrontando le mie supposizioni con gli altri, mi sono reso conto che le mie supposizioni erano proprio queste: la mia visione di come dovrebbero essere le cose e non necessariamente la verità.

Naturalmente, le differenze tra gli stati costieri e il cuore, tra gli stati blu e il rosso, sono molto più di ciò che chiamano Coca. Per esempio, lo scorso gennaio ero a Louisville, nel Kentucky. Sono nato a Lexington e ho radici familiari in Appalachia e famiglia ancora nel Kentucky. Guidavo con un uomo nato e cresciuto nel nord della California. Non riusciva a capire perché qualcuno avrebbe voluto vivere in Kentucky. Indicai il costo della vita, il ritmo più lento della vita, la vicinanza della famiglia, la mancanza di congestione, ma tutto ciò che riusciva a vedere era che non c'era nessun oceano in cui navigare. Aveva l'impressione che tutti condividessero i suoi valori personali compimento sui legami familiari.

Perché è importante capire il tuo background culturale al di là della tua razza ed etnia? Perché se capisci te stesso, sei più preparato a riconoscere e ad accettare alternative. Ad esempio, la ricerca di William Maddux ha dimostrato che le persone che hanno significative esperienze multiculturali sono più creative. Inoltre, se comprendi da dove vieni, potresti capire meglio i conflitti che si presentano e essere in grado di affrontare tali conflitti in modo collaborativo.

Nella cultura, come in tutte le cose, impara gli altri, confrontati con loro e impara a conoscere te stesso.

Solutions Collecting From Web of "Siamo definiti dai nostri confini (culturali)"