Siamo cablati per essere positivi o negativi?

Siamo cablati per essere positivi o negativi, in particolare nei momenti difficili? Questa è una domanda che è stata posta da molti ricercatori e ha un impatto sulle nostre convinzioni sulla motivazione e sul comportamento. I risultati della ricerca su questo tema hanno implicazioni significative per i leader e la cultura del posto di lavoro.

La capacità di enfatizzare il negativo piuttosto che il positivo è stato probabilmente un fenomeno evolutivo. Sin dai primi inizi, essere consapevoli ed evitare il pericolo è stata un'abilità di sopravvivenza critica.

Il concetto di pregiudizio della negatività non è nuovo. Le prime ricerche hanno portato a teorie come The Prospect Theory, che valuta il modo in cui le persone fanno le scelte quando c'è un rischio noto. Quindi la polarizzazione della negatività e la teoria del prospetto avanzano l'idea che le persone sono più propense a scegliere le cose in base alla loro necessità di evitare esperienze negative, piuttosto che il loro desiderio di ottenere esperienze positive. Questo fenomeno è stato esaminato da ricercatori come Roy F. Baumister, Ellen Tratslavsky, Kathleen Vohs e Catrin Finkenauer. Questi psicologi hanno concluso esperienze negative o la paura di loro ha un impatto maggiore sulle persone rispetto alle esperienze positive.

Paul Rozin ed Edward Royzman hanno mostrato nella loro ricerca che la prospettiva negativa è più contagiosa della prospettiva positiva. Uno studio di John Cacioppo e dei suoi colleghi ha mostrato che i nostri atteggiamenti sono influenzati in modo più pesante dalle cattive notizie che dalle buone notizie. Altri ricercatori hanno analizzato il linguaggio per studiare i pregiudizi della negatività. Ad esempio, ci sono più parole emotive negative (62 percento) che parole positive (32 percento) nel dizionario inglese.

Nel nostro cervello ci sono due diversi sistemi per stimoli negativi e positivi. L'amigdala usa circa due terzi dei suoi neuroni per rilevare esperienze negative, e una volta che il cervello inizia a cercare cattive notizie, viene memorizzato rapidamente nella memoria a lungo termine. Le esperienze positive devono essere tenute nella nostra consapevolezza per più di 12 secondi per il trasferimento dalla memoria a breve termine a quella a lungo termine. Rick Hanson lo descrive in questo modo: "Il cervello è come il Velcro per le esperienze negative, ma Teflon per quelle positive."

Un recente studio di Jason Moser e dei suoi colleghi della Michigan State University e pubblicato su The Journal of Abnormal Psychology hanno trovato marker cerebrali che distinguono i pensatori negativi dai pensatori positivi. La loro ricerca suggerisce che ci sono in effetti persone positive e negative nel mondo. Nei loro esperimenti hanno trovato persone che tendono a preoccuparsi hanno mostrato un paradossale effetto di ritorno di fiamma nel loro cervello quando gli è stato chiesto di diminuire le loro emozioni negative, che Moser ha detto, "suggerisce che hanno davvero difficoltà a dare una svolta positiva a situazioni difficili e in realtà a fare il loro negativo le emozioni peggiorano anche quando gli viene chiesto di pensare in modo positivo. "

Christopher Nass, professore di comunicazione alla Stanford University e co-autore di The Man Who Lied To Laptop: Quali macchine ci insegnano sulle relazioni umane, sostiene che tendiamo a vedere persone che dicono cose negative come più intelligenti di quelle che sono positive . Quindi siamo più inclini a dare maggior peso alla critica che alla lode.

Lo psicologo Mihaly Csikszentimihalyi sostiene che se non siamo occupati con altri pensieri, preoccupante è la posizione di default del cervello. Ecco perché, dice, "dobbiamo sforzarci costantemente di sfuggire a tale" entropia psichica "imparando a controllare la nostra coscienza e dirigere la nostra attenzione verso attività che forniscono attività di" flusso "che danno feedback positivi e rafforzano il nostro senso di scopo e realizzazione. "I suoi punti di vista echeggiano quelli di Martin Seligman e Rick Hanson che entrambi rendono chiaro che mentre le emozioni negative hanno sempre la capacità di" trionfare "le emozioni positive, dobbiamo imparare come tenere sotto controllo le emozioni negative amplificando le emozioni positive.

Il mio particolare interesse per questa ricerca come executive coach e coordinatore di leadership è l'applicazione ai comportamenti di leadership e alla cultura del posto di lavoro.

Ecco alcuni suggerimenti su cosa può rendere le strategie di leadership più efficaci sul posto di lavoro:

  • Non dire alle persone che sembrano essere inclini a essere negative a "pensare positivamente", poiché ciò potrebbe effettivamente renderlo peggiore per loro; invece, il leader può chiedere loro di pensare al problema o al problema in modo diverso usando strategie diverse
  • Sii consapevole dell'effetto virale delle persone negative e di come possono "infettare" le persone positive e agire per minimizzare il loro effetto
  • Quando si verificano eventi positivi o interazioni, il leader deve dimostrare e incoraggiare gli altri a farlo, assaporando l'esperienza positiva per un periodo di tempo più lungo
  • Come leader, dimostra e incoraggia gli altri a prestare attenzione ai "trigger" che possono stimolare la negatività riflettendo se la situazione negativa è stata esagerata o gonfiata a dismisura e come può essere gestita in modo calmo
  • Evitare di sovra-analizzare o ruminare su eventi negativi passati; piuttosto concentrarsi su ciò che può essere fatto nel presente in modo proattivo
  • I leader devono concentrarsi sulle piccole vittorie e progredire su base giornaliera, e prendere tempo per celebrare quelle, piuttosto che aspettare la fine di un progetto o un lungo periodo di tempo prima della celebrazione; questo significa anche fornire un rinforzo positivo regolare e frequente per un lavoro di successo
  • Se è necessario un feedback o una critica negativa, i leader dovrebbero darglielo prima, seguito da commenti o feedback positivi, non viceversa, come molti leader tendono a fare nelle organizzazioni
  • Ricorda che occorrono 5-10 eventi positivi per controbilanciare un evento negativo.

Sito Web: http://raywilliams.ca

Twitter: @raybwilliams

Solutions Collecting From Web of "Siamo cablati per essere positivi o negativi?"