Si può applicare la genitorialità alla via danese altrove?

Dal momento che i bambini danesi, così come gli adulti, si collocano regolarmente o in cima alle classifiche globali di soddisfazione e benessere, potremmo prendere atto delle linee guida contenute nel libro The Danish Way of Parenting: quali sono le persone più felici del mondo. Informazioni su Raising Confident , Capable Kids di Jessica Joelle Alexander, una mamma americana sposata con un danese, e Iben Sandahl, uno psicoterapeuta danese.

Il loro acronimo PARENT inizia con P per il gioco, con un sacco di tempo libero per giocare, con genitori o altri bambini, ambientazioni all'aperto e giocattoli semplici come Legos ® , un prodotto orgoglioso della Danimarca. A è per l'autenticità, essere onesto con i bambini ad un livello appropriato per la loro età. R per Reframe si riferisce a affermare le cose in un modo incoraggiante e lungimirante. E è per Empathy, specialmente insegnato da example, N for No Ultimatums e T for Togetherness, specialmente nell'accogliente atmosfera espressa dal termine danese hygge ("È praticamente l'opposto di tutti seduti in stanze separate con i loro iPod", secondo Alice O'Keeffe in The Guardian ).

Mentre non è scienza missilistica o neuroscienza, Reframing assomiglia alla ristrutturazione cognitiva che può essere una parte importante della terapia cognitivo-comportamentale, anche se da un diverso punto di vista. Così ho chiesto al coautore Iben Sandhal di parlarne via email, qui curato per brevità.

D: Con tutti i problemi che stanno succedendo nel mondo in questi giorni, a volte non è difficile essere autentici, ma anche riformulare le cose in modo incoraggiante?

A: Sì! Ci sono così tante cose orribili che accadono nel mondo ogni giorno. Scontri di massa, terrorismo in Europa, Iraq e Siria e crisi politiche in Europa e negli Stati Uniti, i luoghi – non importa dove, siamo tutti colpiti. La nostra paura è reale – si sta avvicinando e questo è spaventoso !.

Solo se chiedono e solo se qualcosa appare all'improvviso! Se è così, vorrei dire loro che a volte mi sento anche spaventato.

Entrambi i miei suoceri sono morti di recente (con qualche anno di differenza) e hanno avuto una malattia e una morte vicino alla vita, scuotono una famiglia. … .. Sono state risparmiate le immagini e i dettagli spaventosi, ma hanno saputo abbastanza per capire cosa è successo. Ho detto loro che la vita a volte fa male, l'hanno vista loro stessi ma ho anche detto loro che ci sono cose belle da custodire nella vita. Abbiamo parlato molto dei loro ricordi dei loro nonni.

Sfortunatamente non è raro che i bambini siano esposti al bullismo. Come danese, ex insegnante di classe e psicoterapeuta che lavora ho visto quanto danno fa il bullismo … A causa della nostra crescente paura, e perché è troppo difficile gestire i sentimenti di paura dei nostri figli, molti fanno finta che tutto sia normale e soddisfacente, invece di parlare loro di quello che sta realmente accadendo. Vogliamo risparmiarli per troppi pensieri terrificanti, e questo è comprensibile ma non sempre il modo migliore per affrontare ciò che sta realmente accadendo.

Dico sempre ai miei figli, quando sentono che qualcuno li sta attaccando o li tratta male, che non sanno cosa sta succedendo dall'altra parte. Molto spesso i bambini (o adulti) che borbottano rumorosamente gli altri, commentano negativamente l'aspetto delle persone o creano spaccature nelle amicizie – molto spesso sono loro stessi che hanno davvero un momento difficile.

Cercano (inconsciamente) di far sentire le altre persone a disagio, così da far loro sentire che non sono la persona peggiore. Rompe i nostri cuori ogni volta che i nostri figli non sono felici.

D: Dimmi di più su come puoi risolvere questi problemi.

A : Le persone "raccontano" le loro esperienze (attraverso il linguaggio che usiamo) secondo trame dominanti che dirigono la nostra attenzione e interpretazione. Non si tratta di fingere che la negatività non esista. La nostra lingua è una scelta, ed è fondamentale perché forma la cornice attraverso cui vediamo il mondo. Riformando ciò che diciamo in qualcosa di più solidale e meno definitivo, cambiamo effettivamente il nostro modo di sentire. I bambini hanno orecchie "grandi" e spesso ci sentono parlare della nostra paura e delle cose terrificanti del mondo – in qualche modo quando non pensiamo che stiano ascoltando. Trarranno conclusioni su ciò che sentono.

Il mio bambino più piccolo mi ha chiesto l'altro giorno dopo un altro attacco terroristico: "Tutte queste cose terribili e spaventose intorno a noi finiranno mai?" Potrei solo rispondere dicendo "no". "Ci saranno sempre persone cattive e malate, non importa dove tu vada". Penso che sia un approccio molto danese.

… ..Reframing riguarda anche il rispetto dell'età e del livello di comprensione del bambino. Fondamentalmente, i bambini dovrebbero sentirsi al sicuro ed è nostra responsabilità dare loro quella sensazione. Ciò significa che a volte dobbiamo proteggerli dai peggiori dettagli sugli incidenti del mondo. Ma se chiedono – darei sempre una risposta onesta, senza dettagli inutili e intimidazioni.

Quando parlo onesto del bullismo o della paura, aiuto a mettere le parole nei loro pensieri. Sono addestrato come terapeuta narrativo e il reframing non riguarda il trascurare la realtà e le brutte esperienze. Molto danese! Quando lavoro con i bambini si tratta di aiutare il bambino a spostare l'attenzione da ciò che pensa di non poter fare a quello che possono fare. Aiutare il bambino a vedere situazioni da diverse angolazioni e metterle a fuoco sfumando le loro storie sui risultati o conclusioni meno negativi. Molte persone si sentono impotenti e, sfumando la loro narrativa, diventa più facile sentire di avere il controllo di qualcosa – quindi lavoro per far crescere l'agenzia per bambini.

Un esempio potrebbe essere: il bambino viene preso in giro e ti parla di un episodio all'asilo, dove due ragazzi più grandi la prendono in giro. Le chiederei di descrivere cosa è successo e insieme tracciamo il percorso. Ciò di cui sarei particolarmente curioso è se il bambino si sia sentito impotente e, in tal caso, attraverso le mie domande esternalizzanti, espanderò la sua percezione del suo libero arbitrio nella situazione. Invece di sentirsi solo indifesa e ferita, forse ha davvero fatto qualcosa per impedirgli di prenderla in giro. Forse ha pianto per chiedere aiuto o ha chiesto loro di smettere. Se è così – vorrei chiedere, cosa significa dire basta o che tipo di persona che lo fa. Probabilmente direbbe che è una persona che agisce e forse insieme potremmo chiamarla "colei che può sentire quando qualcosa non si sente bene" o "una ragazza con un forte senso di sé".

Attraverso le domande e il modo in cui parliamo della sua esperienza situata nel problema, diventa più di una "vittima" – non è stata ancora un'esperienza piacevole e fa ancora male – ma fa qualcosa di più. Le do anche un'alternativa – una narrazione più sfumata.

Quando reframing o re-authoring mostro misericordia e speranza.

Non importa cosa – la vita può essere vista in modo molto diverso a seconda di quale lato si guarda. Nessuno nasce cattivo o cattivo. È il comportamento che non ci piace, non necessariamente la persona dietro. Se stiamo parlando ad esempio del terrore, trovo molto importante metterlo in prospettiva dicendo che la maggior parte dei posti sta andando bene e che il mondo è un posto grande.

Come sottolineato nel libro, essere vulnerabili e onesti ci avvicina agli altri o ci spinge via. Essere sintonizzati sulla vulnerabilità dei bambini li aiuta a regolare il loro sistema nervoso e dà loro l'opportunità di stare bene in questo mondo spesso molto caotico. Come psicoterapeuta con molti anni di lavoro nel campo, so che essere consapevole di aiutare i bambini a concettualizzare i loro sentimenti, sia parlando, disegnando o qualcos'altro – permettiamo loro di essere in contatto con i propri sentimenti e questo è fondamentale per la loro crescita personale.

Possiamo insegnare loro (e noi stessi), a non avere paura di tutta la gamma di emozioni, confrontando qualsiasi cosa sentiamo e continuiamo a vivere – anche se a volte abbiamo paura.

D: Potrebbe essere per i bambini più grandi. Per i più giovani, cosa puoi dire del loro comportamento aggressivo quando si arrabbiano?

A : È una domanda buona e molto comune: non direi molto. Cercherò di proteggere il secondo figlio, se fosse un fratello più piccolo … Nessun bambino è malvagio e spesso reagisce con il corpo quando è piuttosto piccolo, perché non ha parole per le sue frustrazioni. Colpire è anche un modo per esprimere e usare una sorta di linguaggio – e vorrei "leggere" l'incidente come un desiderio di attenzione e presenza. Questo, proverei ad accogliere. Mi piacerebbe pensare che sia così che il modo danese di genitorialità funziona nella pratica.

Queste linee guida graffiano solo la superficie di questo libro illuminante. Non promuovono i sorrisi superficiali che sono comuni nelle pubblicità televisive, a giudicare dalle immagini di bambini e adulti che si occupano di problemi reali in media come "Hjordiss", una serie televisiva danese su un'insegnante mentre cerca di mettere insieme una recita scolastica su bullismo. Ma queste linee guida hanno senso come precetti che possono essere utili anche al di fuori della comunità storicamente coesa e solidale da cui provengono.

Solutions Collecting From Web of "Si può applicare la genitorialità alla via danese altrove?"