Shooting di Capitol Hill: Child Unharmed?

La notizia è arrivata come un messaggio sul mio telefono: riprese su Capitol Hill, il Campidoglio della Nazione su blocco.

Vivo e lavoro vicino a Washington, DC. Come la maggior parte dei miei vicini, ho reagito a questa notizia con una sensazione fin troppo familiare di paura e panico. La mia mente correva attraverso tutte le possibilità: poteva essere un atto terroristico o l'atto di un altro pazzo pazzo? Solo due settimane fa i punteggi furono gravemente feriti e una dozzina di persone uccise da un assalitore malato di mente al US Navy Yard, ad appena un miglio dalla Casa Bianca.

Nel giro di un'ora abbiamo appreso che un'auto si era incagliata in una barricata della Casa Bianca, poi si era schiantata contro un veicolo della polizia prima di correre via, lasciando dietro di sé un poliziotto ferito. L'autista ha poi guidato le forze della polizia di Capitol su una inseguimento selvaggio e pericoloso dalla Casa Bianca al Campidoglio degli Stati Uniti.

Più tardi quella sera fui sorpreso di apprendere che l'autista era una donna disarmata del Connecticut che apparentemente soffriva di depressione post-parto dopo aver partorito un anno prima. I parenti della donna hanno confermato di aver sofferto di malattie mentali. Le medicine erano state prescritte dalle quali, secondo l'odierna New York Times , aveva recentemente "svezzato". L'autista, colpito a morte in una raffica di proiettili puntati sulla sua auto, non era solo nel suo veicolo. La polizia ha scoperto la figlia di un anno della donna legata a un sedile dell'auto sul sedile posteriore dell'automobile.

Sono sicuro che ci sarà molto dibattito tra il pubblico, la polizia di Campidoglio, i giornalisti, persino il Congresso, se la polizia abbia agito in modo appropriato nel sparare a questa donna disarmata. Ma i miei pensieri continuano a tornare alla bambina che ho visto trasportata dalla macchina: un bambino di un anno che ha visto sua madre sparare fatalmente davanti ai suoi occhi e davanti agli occhi della maggior parte della nazione. Sono stato scosso quando ho ascoltato i giornalisti ripetere la stessa frase più e più volte: "la madre è stata uccisa ma sua figlia era incolume".

Mentre capisco che questi giornalisti si riferivano al fatto che la bambina non era fisicamente danneggiata in alcun modo visibile, mi vergognavo di non essere stata incolume. Con un alto grado di certezza, basato su anni di ricerca accettata, sono certo quando dico che il bambino in questo incidente è stato sicuramente danneggiato, sia psicologicamente che sì, anche fisicamente.

La morte di un genitore, che si tratti di una malattia o di un incidente, è sempre traumatica per un bambino. La morte violenta della madre di questa bambina deve essere vista come un trauma aggravato dal trauma. Le conseguenze sociali e psicologiche della perdita di un genitore sono state ben documentate per decenni. Studi recenti vanno oltre, suggerendo che la perdita traumatica nella prima infanzia è un duro colpo per il corpo e per la mente. In altre parole, la perdita traumatica può avere effetti neurobiologici e fisiologici di lunga durata. Per esempio, uno studio del 2012 sul Journal of Epidemiology e Community Health ha stabilito che il trauma precoce ostacola lo sviluppo intellettuale, con l'impatto più dannoso quando il trauma o la perdita si verificano durante i primi due anni di vita. Gli autori di questo articolo suggeriscono che i giovanissimi sono particolarmente vulnerabili a causa del decorso accelerato dello sviluppo cerebrale durante i primi anni di vita.

Quando qualcuno perde un genitore nell'infanzia, non esiste un processo graduale per promuovere la guarigione. Tutti, bambini e adulti, soffrono in modo unico. Ma la sfida per un bambino è più grande, dal momento che non ha alcun concetto di morte e poche o nessuna parole per aiutarla a elaborare ciò che ha vissuto. Saprà solo che la persona a cui è più legata, la persona essenziale per la sua sopravvivenza, è inspiegabilmente sparita.

Quello che vedremo spesso quando un neonato o un bambino perde un genitore è un periodo di protesta vigorosa, con pianti inconsulti e scoppi d'ira. Questa è una risposta prevedibile da parte di un bambino che non capisce perché il suo genitore è scomparso e chiede con forza che il genitore ritorni ora. Spesso quando il bambino si rende conto che il genitore non sta tornando, il comportamento rabbioso lascerà il posto al distacco e alla svogliatezza man mano che il bambino abbandonerà gradualmente la speranza. Potrebbe esserci una regressione nello sviluppo. Se il bambino parlava al momento della perdita, le parole potrebbero fermarsi. Se fosse stata addestrata al bagno, potrebbe tornare ai pannolini. I caregivers potrebbero rilevare altre risposte tra cui ansia, svegli notturni, perdita di appetito e così via.

Con i bambini più grandi li incoraggeremmo a mettere le parole ai loro sentimenti. Per un anno di età, non ci sono parole per aiutarla a far fronte, nessuna parola che fornisce comprensione o conforto.

Il modo in cui un bambino gestisce a lungo termine un evento così traumatico è influenzato da molti fattori. Questi includono la sua età quando morì il genitore, la qualità della relazione che aveva con quel genitore, la sua stessa capacità di recupero e di salute innata e, soprattutto, mentre il bambino avanza, la qualità e la consistenza dei suoi nuovi caregivers.

Quello che probabilmente sarà più importante per quella piccola bambina salvata dalla macchina di sua madre è per lei essere protetta da un familiare fidato e familiare, un genitore surrogato che può mantenere una presenza calma, amorevole e continua, qualcuno che può sostenerla e capire il suo dolore nei difficili anni a venire.

Queste recenti orribili sparatorie – da Sandy Hook Elementary, a US Navy Yard, a Capitol Hill – evidenziano la necessità di riconoscere gli effetti devastanti della malattia mentale sulla società. Quando viviamo in un mondo di paura e terrore corriamo il rischio di trattare i nostri malati di mente come terroristi, piuttosto che fornire loro l'aiuto di cui hanno veramente bisogno. Se dobbiamo prenderci cura dei nostri bambini e proteggerli, dobbiamo fare di più. Dobbiamo fornire un trattamento per i malati di mente, copertura assicurativa da pagare per il trattamento e programmi di prima infanzia per sostenere i bambini dei malati di mente.

Solutions Collecting From Web of "Shooting di Capitol Hill: Child Unharmed?"