Shock Terremoto: la studentessa seppellita del Messico che non è mai stata

Per giorni, il mondo ha guardato e atteso con ansia mentre le autorità messicane si impegnavano in una disperata ricerca per salvare una bambina che secondo come riferito era intrappolata sotto le macerie della sua scuola – un edificio che aveva tragicamente sepolto molti dei suoi compagni di classe. Sembravano anche aver avuto conversazioni con la ragazza e hanno imparato che si era salvata da una scrivania quando è scoppiata la scossa. Ma in uno sviluppo sorprendente, i funzionari hanno ora messo in dubbio l'esistenza della ragazza. "È molto probabile che non ci sia nessuno", ha detto un funzionario messicano.

La ragazza aveva persino un nome – "Frida Sofia". Mercoledì, la giornalista televisiva messicana Danielle Dithurbide ha detto che, secondo un ammiraglio della marina che stava guidando il salvataggio, la ragazza aveva comunicato alle autorità che fino a cinque altri studenti erano sopravvissuti sotto il rublo . Secondo i resoconti dei media, non uno ma diversi soccorritori hanno detto di aver parlato con la ragazza, e alcuni hanno persino affermato di poter vedere le sue dita contorte.

Com'è possibile?

Mentre spero ci sia ancora una bambina viva e la trovano, se i ricercatori cercassero i fantasmi, non sarebbe sorprendente. Gli esseri umani sono percezioni imperfette del loro ambiente, e i loro occhi – e le orecchie sono stati conosciuti per giocarci brutti scherzi. Un famoso esempio di ciò avvenne un pomeriggio soleggiato durante il diciannovesimo secolo, quando un gruppo di marinai a bordo di una fregata francese vide una zattera di salvataggio alla deriva nell'oceano. Secondo un servizio giornalistico dell'epoca, quelli sulla nave, compresi gli ufficiali, "hanno visto chiaramente una zattera coperta di uomini trainati da barche". Un'operazione di soccorso è stata lanciata e una barca stava rapidamente correndo verso i sopravvissuti che erano "chiaramente visti le loro mani e chiaramente sentito ". Ma i marinai rimasero sbalorditi quando raggiunsero il posto, solo per rendersi conto che la" zattera "era composta da" ma alcuni rami di alberi coperti di foglie "che erano stati portati via dal mare la massa di terra vicina.

Un esempio ancora più drammatico che coinvolge sia la vista che il suono di persone fantasma, si è verificato durante la guerra franco-indiana. È successo a Frog Pond vicino a Windham, nel Connecticut. L'anno era il 1758. Era un periodo di grande ansietà quando i residenti locali vivevano con la paura dei gruppi di incursori francesi e indiani. Una notte, nel luglio del 1758, dopo la mezzanotte, gli abitanti furono svegliati da strani rumori. Gli uomini afferrarono i loro moschetti e si prepararono a difendere la città, credendo che stava per essere attaccata da razziatori indiani e francesi. Per tutta la notte, i residenti hanno atteso i loro aggressori con nervi sfilacciati. Molti residenti potrebbero chiaramente sentire le grida di guerra degli indiani che si stanno ammassando per l'attacco. Nel suo libro del 1836, Connecticut Historical Collections, John Barber racconta la storia di un giornale locale dell'epoca. Afferma: "A intervalli, molti presumevano di poter distinguere la chiamata dai nomi particolari, come da Cols. Dyer e Elderkin due eminenti avvocati, e questo aumentò il terrore generale. "Presto, tra il clamore, la gente si precipitò" da ogni casa, il tumulto nell'aria ancora crescente – vecchio e giovane, maschio e femmina, riversato nelle strade. "Convinti di sentire le grida degli indiani che si stavano ammassando per un attacco, salirono sulla collina sul lato orientale del villaggio. Il mattino seguente una squadra di esploratori scoprì la fonte del tumulto durante la notte: nel bel mezzo di una siccità estiva, le rane avevano combattuto per una piccola macchia d'acqua nelle pozzanghere di quello che era rimasto di uno stagno. Barber riferisce che molte delle rane sono state trovate morte in seguito alla battaglia tra loro. Windham è venuto ad abbracciare questo insolito incidente negli annali della storia e della psicologia americana. Una rana è ora parte del sigillo cittadino, mentre l'evento è stato anche oggetto di cartoline, poesie, ballate e persino un'opera.

Durante i periodi di grande stress e crisi, la mente umana può giocare brutti scherzi. Faremmo bene a ricordare le parole di William Shakespere, che una volta scrisse: "O nella notte, immaginando un po 'di paura, Com'è facile che un cespuglio supponga un orso!"

Solutions Collecting From Web of "Shock Terremoto: la studentessa seppellita del Messico che non è mai stata"