Sham Surgery

flickr.com
Fonte: flickr.com

Nel 2014, un radiologo della Mayo Clinic in Minnesota, uno dei più prestigiosi ospedali americani, di nome Dr. David Kallmes ha deciso di provare un bizzarro esperimento. Per molti anni, stava eseguendo un'operazione chiamata vertebroplastica, in cui le rotture vengono guarite attraverso l'iniezione di un cemento medico. La procedura ha sempre avuto molto successo, alleviando il dolore grave e permettendo alle persone di camminare ed esercitare senza difficoltà. Tuttavia, una cosa aveva sempre sconcertato la dottoressa Kallmes: che a volte l'operazione sarebbe andata storta (per esempio, se il cemento veniva iniettato nella vertebra sbagliata), ma i brevetti sembravano ancora migliorare.

Per indagare ulteriormente, Kallmes ha condotto una sperimentazione di 130 pazienti in cui metà di loro avrebbe ricevuto una vera vertebroplastica, e gli altri avrebbero avuto un'operazione falsa. In quest'ultimo, i pazienti venivano portati in sala operatoria e dati un anestetico, ma piuttosto che essere iniettati con il cemento, venivano semplicemente premuti con forza sulla schiena. I risultati hanno riscontrato che entrambi i gruppi hanno sperimentato la stessa quantità di sollievo dal dolore e la stessa quantità di miglioramento nella funzione, cioè nel camminare, salire le scale e altre forme di esercizio.

Questo è un aspetto dell'effetto placebo noto come "chirurgia fittizia". Questo è quando i chirurghi fingono letteralmente di fare un'operazione, facendo tutto ciò che farebbero normalmente – per esempio, facendo un'incisione, raccogliendo strumenti, dando istruzioni ai colleghi, quindi chiudere l'incisione – ma senza effettivamente fare un intervento. Anche se questo sembra sfidare il buon senso, molti altri studi di chirurgia sham hanno avuto risultati positivi. In uno studio finlandese pubblicato nel 2013, la chirurgia sham è stata eseguita su pazienti affetti da legamenti del ginocchio strappati e in caso di dolore intenso. Anche se i pazienti sottoposti a chirurgia fittizia erano anestetizzati, i chirurghi hanno analizzato l'intero rituale di un'operazione in modo meticoloso, passando gli strumenti e rendendo i suoni normali associati a un'operazione. Ma ancora una volta, l'incisione è stata chiusa senza alcuna procedura in corso. Alcuni pazienti hanno ricevuto un trattamento reale e i risultati sono stati confrontati. Ancora una volta, nessuna differenza significativa è stata trovata tra di loro. I pazienti sottoposti a chirurgia simulata hanno riportato lo stesso grado di sollievo dal dolore e una migliore funzionalità.

Poco dopo questo processo, i ricercatori hanno pubblicato una revisione completa di ogni prova registrata di chirurgia simulata e hanno trovato 53 casi in cui è stato praticato insieme alle normali procedure chirurgiche. Hanno scoperto che la chirurgia sham era benefica nel 74 percento delle prove, e in metà di esse era vantaggiosa nella stessa misura della procedura vera e propria. In alcuni casi, è stato trovato più vantaggioso rispetto alla procedura attuale.

Alcuni scienziati ritengono che il successo della chirurgia sham dimostri semplicemente che molte operazioni non necessarie vengono eseguite. (E in effetti, dal momento che questi risultati sono stati pubblicati, le compagnie di assicurazione statunitensi sono state meno disposte a finanziare operazioni come le vertebroplastiche.) Questo può essere vero in una certa misura, ma sicuramente il punto importante è che, se i pazienti ottengono benefici sia dal e un finto intervento chirurgico, quindi questo non significa che il vero intervento chirurgico non funzioni, solo che funziona anche il finto intervento chirurgico, ma da una fonte diversa; cioè dalle capacità di auto-guarigione subconscia del paziente stesso.

L'effetto placebo è diventato così familiare al giorno d'oggi che potremmo aver bisogno di ricordare a noi stessi quanto sia bizzarro. Non è incredibilmente strano che la guarigione e il sollievo dal dolore possano apparentemente avvenire senza un vero trattamento? Sembra che, anche adesso, la maggior parte degli scienziati non cogli le piene implicazioni dell'effetto placebo: che la mente umana ha la capacità di influenzare potentemente quasi ogni aspetto della nostra fisiologia, compresa l'alleviamento di una vasta gamma di sintomi e persino una guarigione di molte condizioni. E a sua volta, ciò implica che il nostro normale concetto della relazione tra la mente e il corpo potrebbe essere sbagliato. Suggerisce che la mente non è solo generata da processi fisici nel cervello, ma che è in un certo senso primaria.

Steve Taylor, Ph.D., è un docente senior in psicologia presso la Leeds Beckett University, nel Regno Unito.

www.stevenmtaylor.com

Solutions Collecting From Web of "Sham Surgery"