Sfide di personalità, perfezionismo e auto-compassione

Fonte: Dominio Pubblico CC0 / FAQ

Come ho scritto in questo blog nel mese di giugno, ognuno di noi ha una varietà di tratti di personalità – aspetti di chi siamo che si manifestano nel modo in cui siamo – cioè nel nostro atteggiamento e nelle nostre azioni (sia verbali che non verbali). Poiché sono così tanto parte di ciò che siamo, i nostri tratti di personalità sono spesso relativamente invisibili per noi. Per quanto riguarda le parti inutili della nostra personalità, anche quando le riconosciamo e vogliamo comportarci diversamente, possono essere incredibilmente resistenti al cambiamento.

Molte sfide relative alla personalità (note come "difetti di carattere" nel linguaggio del recupero in dodici fasi) sono salutari e adattive fino a un certo punto – finché non superano una soglia e diventano squilibrate, creando problemi per noi e per coloro che ci circondano. Diventano problematici e controproducenti solo quando precipitano reazioni, pensando, sentendosi e / o comportandosi in modo estremo o sproporzionato rispetto alla situazione e causando sofferenza a se stessi e / o agli altri.

Ad esempio, il senso di colpa è una forma di disagio emotivo o di disagio che si verifica in natura quando crediamo che abbiamo commesso un errore, commesso qualche errore o non abbiamo rispettato un obbligo. La colpa diventa una sfida per la personalità quando assumiamo abitualmente più della nostra giusta parte di responsabilità per problemi o errori, o crediamo che sia in qualche modo colpa nostra quando le cose vanno male per cui non siamo responsabili. Il senso di colpa può essere facilmente usato come oggetto contundente con cui colpire se stessi, come alcune persone fanno implacabilmente.

Tuttavia, la colpa può essere salutare e utile in quanto è un segnale che abbiamo violato i nostri valori o un codice etico-morale più universale, danneggiato qualcuno o agito in modo inappropriato. Nel linguaggio dei sistemi, il senso di colpa è un meccanismo di neutralizzazione della deviazione che aiuta a mantenere le persone in controllo e autocoscienti in modo da contribuire all'equilibrio emotivo.

La competitività può essere una sfida significativa per la personalità. Essere competitivi diventa disadattivo e crea sofferenza quando il bisogno di essere "migliori di" gli altri o "i migliori" diventa una priorità che sovrasta tutti gli altri. Può diventare sbilanciato fino al punto in cui virtualmente tutto è visto come una competizione che deve essere vinta, influendo negativamente sul modo in cui trattiamo noi stessi e gli altri. Quando ciò accade, la competizione interferisce con le relazioni e altre priorità.

Di per sé essere competitivi non è un problema né crea problemi. La competitività può essere una risorsa, basata sul desiderio normale, naturale e salutare di fare bene ed eseguire ad alto livello, sia in attività specifiche che in generale. Essere competitivi aiuta a motivare le persone a dare lo sforzo e la dedizione necessari per esibirsi nel modo migliore possibile e avere successo in molte aree di vita importanti, tra cui scuola e lavoro.

Quando la competizione è con le proprie aspettative interne autoimposte tanto o più che con qualsiasi "avversario" esterno, la competitività si sposa con un'altra sfida comune per la personalità: il perfezionismo. Il perfezionismo è una risposta al dolore emotivo, principalmente sentimenti di vergogna che le persone portano con sé fin dall'infanzia.

Per molte persone è difficile sfuggire agli effetti persistenti della vergogna che è stata interiorizzata come conseguenza del crescere in famiglie il cui stile emotivo includeva atteggiamenti, rifiuto / abbandono emotivo o altri traumi "piccoli". Spesso queste sono fondamentalmente "bugie" che altre persone ti hanno detto di te. Quando le percezioni errate e dannose degli altri diventano interiorizzate come auto-percezioni, cioè quando comprate e credete alle bugie che altre persone vi hanno detto di voi, il risultato è vergogna.

La perfezione perseguita coloro che affligge, seguendo le persone attorno come un'ombra, fornendo una fonte inesauribile di accendere l'autocritica. La necessità di essere perfetti non lascia spazio a errori o vulnerabilità.

Dinamicamente, il perfezionismo è l'altro lato del non credere di essere "abbastanza bravi". È un esempio lampante del meccanismo di difesa della formazione della reazione, in cui i pensieri, i sentimenti e gli atteggiamenti espressi sono l'opposto di quelli effettivamente detenuti, che sono così angosciante che sono sequestrati fuori dalla consapevolezza cosciente. Se sei perfetto, tutti i pensieri e i sentimenti di inadeguatezza possono essere banditi.

Eppure, la perfezione è un obiettivo illusorio e l'epitome di un'aspettativa non realistica. Il perfezionismo inevitabilmente rimbalza su se stesso, rafforzando la convinzione che chi sei non sia abbastanza bravo. È come cercare di aggrapparsi all'acqua: potrebbe essere raggiunto per qualche istante, ma è impossibile da mantenere. Più ti sforzi di afferrarlo, più ti scivola completamente tra le dita.

Il Tao Te Ching (Verse 9) parla elegantemente di questo fenomeno:

Riempi la tua ciotola al bordo

e si rovescia.

Continua ad affilare il tuo coltello

e si smusserà.

La soluzione per giudicare e criticare duramente te stesso per l'inadeguatezza percepita è cercare di essere gentile e comprensivo con te stesso – praticare l'auto-compassione. L'auto-compassione implica trattenere pensieri angoscianti, emozioni e sensazioni fisiche in consapevolezza consapevole, permettendo e perdonando le nostre imperfezioni.

Anche la pratica dell'auto-compassione ci aiuta a connetterci con gli altri attraverso l'esperienza condivisa. Questo può assumere molte forme, compresa la consapevolezza che la sofferenza, il fallimento e l'imperfezione sono universali rispetto all'esperienza di essere umani. Come ha detto Pema Chödrön, "La vera compassione non viene dal voler aiutare i meno fortunati di noi stessi, ma dal realizzare la nostra comunione condivisa con tutti gli esseri umani".

Più puoi aprire il tuo cuore e accettare la realtà ineludibile che il dubbio su di sé e i sentimenti di inadeguatezza sono esperienze che ognuno attraversa invece di combatterlo, più sviluppi la tua capacità di praticare la compassione per te stesso, così come per gli altri. Forse la cosa più importante è che avere compassione per se stessi significa che possiamo onorare la nostra umanità accettando noi stessi, anche durante quei momenti in cui inevitabilmente ci imbattiamo nei nostri limiti e non siamo all'altezza dei nostri ideali.

Copyright 2015 Dan Mager, MSW

Autore di alcune Assemblee necessarie: un approccio equilibrato al recupero dalla dipendenza e dal dolore cronico

Solutions Collecting From Web of "Sfide di personalità, perfezionismo e auto-compassione"