Sezionare il meme mangiabile pulito

Sai che l'industria della dieta sta diventando disperata quando l'unico modo in cui può pensare di vendere la prossima grande cosa nelle diete è fingere che non sia una dieta. "L'industria" – o meglio, la collezione di individui che ritengono opportuno provare ad arricchirsi sotto il suo ombrello – lo hanno fatto per un po ', ma "mangiare pulito" è uno dei tentativi più patetici ma preoccupanti.

La mia discussione qui è lunga – probabilmente più lunga di una cosa che merita questo inconsistente. Ma penso che valga la pena di occuparsene sistematicamente, perché esercitarsi in una valutazione critica affinarebbe un'abilità che può essere applicata a molte altre varietà di discorso relativo al cibo. Questo sarà utile, spero, perché il modello 'clean-eating' è sempre più il modo in cui i consigli dietetici stanno andando: come tutto il resto nel nostro mondo sempre più unito, e sicuramente come ogni cosa progettata per farci spendere di più, il suo i bordi stanno diventando più confusi, il suo fascino più insidioso.

Opportunamente per un'idea che rifiuta la dieta, il "mangiare pulito" non ha un singolo creatore o definizione; è stato colto da comunità in contrasto con la cucina lifestyle ultra-femminilizzata e il bodybuilding ispirato al Paleo. Infatti, l'ho incontrato per la prima volta nel mondo del powerlifting, dove è stato a lungo parte del mobile linguistico. Poiché è così scivoloso e senza centri, è difficile individuare e definire le caratteristiche fondamentali del "mangiare pulito", ma vale anche la pena provare, perché se non lo facciamo, queste caratteristiche potrebbero benissimo diventare parte del nostro impalcatura cognitiva senza di noi rendersene conto.

La non-dieta come meme e metafora

"L'anima del mangiare pulito sta consumando il cibo nel modo in cui la natura lo ha consegnato, o il più vicino possibile. Non è una dieta; è un approccio di stile di vita al cibo e alla sua preparazione, che porta a una vita migliore – un pasto alla volta. " ('Che cosa è mangiare pulito?')

I sostenitori del cibo pulito proclamano il loro stato di non-dieta in termini accattivanti come questo, e poi continuano a dare i dettagli che lo rendono deludente – o rassicurante – chiaro che quello che stanno vendendo è solo una dieta dopo tutto:

«Stai lontano da qualsiasi sostanza ad alto contenuto di grassi trans, qualcosa di fritto o di zucchero. Evitare conservanti, additivi colorati e leganti tossici, stabilizzanti, emulsionanti e sostituti del grasso. '

Come tutte le diete, specialmente quelle che fingono di non essere, questo ha un lavoro facile da fare. Siamo tutti preoccupati per l'aumento dei tassi di cancro, malattie cardiache, diabete e obesità nel mondo industrializzato. Siamo tutti consumatori ben preparati – dall'infanzia impiantata con milioni di semi che sussurrano rendersi meno miserabili / grassi / brutti acquistando (in) questo . Quindi tutto ciò che deve fare è trovare un piccolo uncino romanzato per tirarci dentro. E con il mangiare pulito, ovviamente, è la metafora.

È una buona scelta Un modo per adottare una prospettiva distanziata e critica sulla cultura umana è di vederlo attraverso la lente della memetica. Un meme è qualsiasi informazione che viene copiata da persona a persona: una canzone, una storia, un'abilità, una moda, una frase. Solo alcune varianti sopravvivono per essere ricopiate, e così la cultura si evolve. Se ci pensiamo in questo modo, la cultura viene trasformata da una misteriosa miscela di un milione di atti dell'ingegno umano individuale a un'istantanea di un processo evolutivo continuo. La fatidica semplicità dei tre ingredienti dell'algoritmo evolutivo – replica con variazione e selezione – agisce sul meme, e attraverso di esso l'intero mondo delle idee, proprio come fa sui geni che compongono la nostra biologia (vedi ad esempio Blackmore 2010, o il suo discorso TED del 2008). La differenza cruciale nel vedere le cose in questo modo è che la mente umana viene degradata dal creatore onnipotente al semplice organismo ospite per i meme che sono egoisti come lo sono i geni. Alcuni memi hanno successo perché sono effettivamente utili per noi; altri perché i loro trucchi ci hanno convinti a copiarli. Quindi possiamo ancora criticare coloro che cadono per i loro trucchi, o sfruttare gli altri attraverso la simbiosi con loro, ma possiamo anche apprezzare, spassionatamente, i trucchi con cui i memi si fanno propagare, non necessariamente a beneficio di nessuno.

Una delle classiche strutture memetiche è un'istruzione copy-me supportata da minacce e promesse. Questo è proprio quello che mangia pulito: se fai ciò che diciamo, e ripeti le nostre saggezze a tutti quelli che conosci, sarai pulito; se no, sarai sporco. A volte la pulizia e la sporcizia sono rese più esplicite (essere magre, sembrare più giovani, avere più energia, rispetto a essere stanchi, grassi, mentalmente nebbiosi, ecc.), Ma più spesso non hanno bisogno di esserlo. Le associazioni metaforiche sono abbastanza automatiche da poter rimanere implicite.

Marine Photobank, Creative Commons 2.0
Fonte: Marine Photobank, Creative Commons 2.0

Non è una metafora sottile, ma è potente. Prenditi un momento per mettere in pausa e assapora la frase mangia pulito . Guarda cosa fa quando ti si libera nella tua mente. Mi piace? Certo che lo fai. #titoli puliti in una gamma brillante di campi di associazione altrettanto seducenti: buono, puro, leggero, semplice, naturale, grezzo, nudo. Ricorda anche i loro alter ego sgraditi: cattivi, contaminati, pesanti, complicati, innaturali, elaborati, vestiti. Anche l'aspetto e il suono di questi opposti è scoraggiante, per non parlare dei loro significati. Prevedibilmente, le lettere maiuscole non piacciono ai "mangiatori di cibo pulito": la dieta nuda non potrebbe sedurci così bene nel titolo. Vanno per i monosillabi: il libro di Amelia Freer è Eat. Nutrire. Glow. – titolo abbastanza intelligente se si ignora il sottotitolo noiosamente esplicito: 10 semplici passaggi per perdere peso, sembrare più giovani e sentirsi più sani .) E quando le parole polisillabiche non sono né inebrianti esotiche (melassa di cotta nera, spirulina) né evitabili, le accorciano in un familiare e familiare le forme: le verdure non sono verdure, sono le verdure che fanno sempre rabbrividire.

In tutte le sue varianti ancora in evoluzione, la non-dieta "mangia-pulita" attinge alla facile inclinazione a provare disgusto per la confusione biologica del mangiare, digerire ed espellere. Questi processi sono sostanzialmente equivalenti a prescindere dalla composizione precisa dei cibi che ingeriamo, ma il 'mangiare pulito' suggerisce diversamente: se mangi come ti diciamo, ti dimenticherai di tutto ciò e ti manterrai immacolato. Parte integrante della metafora della pulizia sono le sue associazioni di semplicità: le cose pulite tendono ad essere più uniformi nell'aspetto e nella consistenza rispetto alle cose sporche e l'impressione che questa non-dieta vuole dare è che è così semplice che non hai quasi bisogno da dire cosa fare (anche se dovresti ancora comprare i libri e fare clic su tutte le pagine web ad-carico). Il senso che dovremmo avere è quello di essere ricordati di qualcosa che abbiamo sempre saputo, di essere stati invitati con un leggero sussurro a tornare ai vecchi modi puri di fare le cose, i modi in cui sapresti da solo se solo tu ascoltato il tuo cuore e riponi la tua fiducia nella natura.

"Mangiare pulito è un concetto ingannevolmente semplice. Piuttosto che un altro giro sull'idea di mangiare più o meno gruppi di alimenti specifici come carboidrati o proteine, l'idea è di evitare i cibi trasformati e mangiare solo cibi "veri". ("Mangiare pulito – la dieta che non è una dieta e potrebbe aiutarti a perdere un sasso")

I dettagli dietetici

La semplicità è davvero profondamente ingannevole. L'elenco dei "puliti mangiatori" è lungo quanto la lista proibita su qualsiasi altra dieta, e – poiché non ha un principio guida diverso da una metafora – è molto meno coerente della maggior parte. In generale, "raffinato" o "elaborato" è scoraggiato, i grassi saturi sono fuori, crudo è dentro, e – in un tocco di ironia, dato come il bianco si addicerebbe alla loro metaforica combinazione di colori – bianco (pane, zucchero, riso, ecc. ) è sospetto (anche se alcuni evitano di sondare il bianco e chiamarlo beige). Una volta che inizi a chiederti perché, corri rapidamente nei guai. L'istruzione, dopo tutto, è copy-me, non pensare. Ci sono così tante eccezioni che la logica emette prima che sia mai iniziata: elaborate e pacchettizzate sono cattive (discutibili di per sé, come sostengono il giornalista Jay Rayner e il contadino Blake Hurst), ma bevono latte scremato ("Sette principi del mangiare pulito") ; non avvicinarsi allo zucchero di canna ma lo sciroppo d'acero e il miele sono ottimi (supponendo che l'indice glicemico sia l'unica dimensione su cui lo zucchero è problematico e ignora il contenuto di fruttosio); i grassi sono così buoni per voi, ma ricordate che il manzo nutrito con erba è naturalmente più magro del manzo alimentato con cereali (Shaw, Ready, Steady, Glow , p.15). Perché tutte le cose sensate dal punto di vista nutrizionale che si possono dire sono già state: lo zucchero causa problemi, tutto il grasso alimentare è buono eccetto i grassi trans, il colesterolo alimentare ha una relazione minima col colesterolo nel sangue – il tentativo di vendere un "modo di vita" sui fondamenti di la parola "pulito" abbraccia l'incoerenza con uno zelo paternalistico che dipende dalle intuizioni altrui essendo incoerenti come il loro stesso messaggio.

È un affare profondamente scoraggiante, che legge ciò che passa come saggezza in questi ambienti. Non ultimo perché almeno una parte dell'idea di base in realtà non è poi così male: prestare attenzione a dove proviene il cibo, mangiare cibi che ti tengono connesso al modo in cui sono cresciuti e al tuo modesto posto nel cerchio della vita che tanto spesso sentirsi disconnesso da Ma soprattutto leggere di "mangiare pulito" è miserabile (devo continuare a forzarmi per questo post) perché i ganci che rendono facile l'attaccatura delle parole sono proprio quelli che lo rendono così pericoloso. Ce ne sono due principali, entrambi centrati sull'esclusione.

Il nero e il bianco

bark, on flickr, CC 2.0
Fonte: bark, su flickr, CC 2.0

Un effetto di promuovere semi di chia, bacche di goji, quinoa, et al. è che promette obliquamente che "mangiare pulito" ci garantirà l'appartenenza ad un club esclusivo (o, come dietologo e direttore della nutrizione di buona cucina Jaclyn London, "un sistema di caste basato sulla dieta"): una cricca benedetta di giovani e tranquilli esseri calmi e rilassati che usano tutti gli hashtag di stile "soft focus" giusti e sono turbati da preoccupazioni non più grandiose di spruzzare timo organico o grani di pepe rosa screpolati sulla loro insalata di melograno. Chi non vorrebbe essere parte di quella cerchia infinitamente auto-performativa? L'esclusività taglia in entrambi i modi, però. Chiunque non sia nella cricca è fuori di esso, quindi questo genere di cose è per definizione socialmente divisivo. In questo senso, di nuovo, è come qualsiasi altra dieta, da Weight Watchers in poi. Ti incoraggerà a guardare in basso con superiorità e pietà a quelli che stanno ancora mangiando sporco. Farà di quelle persone i tuoi nemici. (Tornerò alle specifiche di questo in un minuto.) E per la natura stessa della metafora della pulizia e del mondo "sporco" in cui viviamo, non sentirai mai abbastanza di mangiare abbastanza pulito; ci sarà sempre un altro sostituto dietetico più arcano o indigesto per darti una spinta all'ingresso in quella scintillante cerchia interna di benessere.

Il peggior tipo di esclusione del "mangiare pulito", tuttavia, è di parti di te stesso. Come ho detto, la pulizia nel contesto alimentare è priva di significato (a meno che non si stia mangiando un olio su strada coperto di olio per motori, forse). Non ci facciamo sporcare mangiando qualcosa che viene da un asporto o in un pacchetto di plastica. E anche se le nostre menti sfiorano così volentieri dal pulito al puro, dal leggero al sottile, né siamo sporchi essendo grassi.

La polarità metaforica del pulito contro lo sporco ha la conseguenza, come fa notare la dietista e la "Nutrizionista di grassi" Michelle Allison (citata dall'ex concorrente del Great British Bake Off e Ruby Tandoh), che la terra di mezzo è esplosa da sotto di noi:

"Non esiste una terza opzione presentata dalla cultura della dieta – c'è solo nero o bianco, buono o cattivo, dieta o off-the-wagon … E molte persone si spostano tra i due stati come un interruttore della luce, acceso o spento, per più o meno le loro intere vite. "

'Eat clean' afferma di essere uno stile di vita, ma in realtà risucchia lo spazio complesso, interessante, dove dovrebbe essere la vita, e dove il cibo è un combustibile non un punto focale. Quindi, anche se il punto centrale della cosa è non essere una dieta, non avere a che fare con la proibizione di cibi particolari, non si tratta di negare l'appetito o di idealizzare la magrezza di default – ciò che risulta essere tutte queste cose. Uno degli hashtag preferiti del mangiare pulito è #nourish, ma la sua vera filosofia, così com'è, è l'opposto del nutriente. In realtà, si scopre che si tratta di evitare di essere grassi, proprio come tutte le altre diete che ammettono di essere una dieta.

'Dimentica 5: 2 o la dieta Paleo – la nuova tendenza del cibo caldo è per "mangiare pulito" e potrebbe significare che si spostano quei chili in più testardo in sole sei settimane in estate. Le ricette alimentari pulite non riguardano la negazione. Includono gelato, torta di pastori, spaghetti alla bolognese e persino budini al cioccolato. Ma la migliore notizia è che le prove suggeriscono che questo modo di mangiare può aiutarti a perdere peso – e aumentare la tua salute e guarda al patto ". ('Pulire mangiare …')

La non-perdita di peso

'Grasso' è l'aggettivo raramente pronunciato che sta alla base degli opposti non detti che ho menzionato prima, così come tutti quelli che lo fanno stampare: spazzatura, pigro, cattivo, nemico, imbroglione, schifoso, spazzatura, disastro, nemico, insensibile, miserabile, nebbioso, ecc. ecc. Queste parole descrivono gli alimenti stessi e come ti sentirai se li mangi. Quindi, di nuovo, la retorica è piuttosto intelligente, nel senso che parla alle persone che si vergognano un po 'di voler essere più magre – alle femministe che pensano che dovrebbero sapere meglio, ad esempio – fingendo di non essere grasse mentre in realtà sono tutte esso. E questo, ancora una volta, è ciò che lo rende ancora più insidioso: puoi illuderti di tagliare gli alimenti che hai usato per nutrire il tuo corpo, quando lo scopo è davvero quello di affamarlo, da qualche parte intorno a quella inafferrabile la giusta cifra .

La dicotomia nuda / vestita merita un po 'più di attenzione a questo punto. A prima vista sembra un po 'strano: cosa c'è di sbagliato nell'essere vestiti? Bene, una cosa che si sta vestendo è quella di difendere tutto ciò che rende la cultura moderna complicata e sconcertante e lontana dal mitico stato naturale a cui vogliamo tornare. Ma, più di questo, nudo / vestito tradisce una delle cose leggermente più sottili che queste metafore cercano di fare. I capitoli del libro di Tess Ward (sorry, Tess Ward) The Naked Diet sono "nudi", "nudi" e "spogliati", oltre a "puro", "crudo", "pulito" e "disintossicante". Fanno la mossa astuta di introdurre la sessualità dalla porta di servizio – ma una sessualità che, invocata nella società semantica che ha qui, ci spinge a pensare ai corpi svestiti come, in modo cruciale, anche sottili.

"Cucini nudo, mangia felice e non dovrai mai più fare la" dieta "temuta". (P.7)

Senza mai dirlo, il libro suggerisce fortemente che perderà peso sulla dieta naked di The Yes Chef (!) Di "sano edonismo", che è "naturalmente povero di carboidrati, privo di alimenti trasformati e non contiene zuccheri raffinati". L'inizio di Ready, Steady, Glow , di Madeleine Shaw, è ancora più sfacciato.

"Mi viene spesso chiesto se il mio programma si traduce in perdita di peso. La risposta è "Sì", vedrai i risultati. Ma non mi interessa essere un guru della perdita di peso, e nemmeno io sostengo il conteggio delle calorie. Voglio che tu ami il cibo e che tu ami il tuo corpo. Voglio rendere la vita sana semplice e facile, così puoi renderlo un modo di vivere. Così pronto … Steady … Glow! Andiamo … "(pagina 7)

Mi viene in mente la frase con la torta e il mangiare. La perdita di peso è troppo banale per me, ma non preoccuparti, la mia non-dieta lo copre. Un'altra parte del trucco 'mangiare pulito' gioca su di noi, quindi, è quello di evitare di sporcarsi le mani con parlare di grasso corporeo o bilancia o piani pasto. E va bene, perché a nessuno piace pensare a quelle cose. Non sarebbe bello se la perdita di peso si prendesse cura di se stessa senza nemmeno dover essere riconosciuta? Se ci pensiamo, sappiamo che questo non ha senso: o c'è una buona ragione per provare a ridurre il grasso corporeo, nel qual caso elaborare una strategia appropriata per farlo, o non c'è, in tal caso basare il proprio decisioni dietetiche su altre cose, e sfidare le tue ragioni per chiedersi sulla perdita di grasso. Ma se non arrivi mai al punto di pormi questa domanda, allora puoi rimanere vagamente insoddisfatto di te stesso, prendere un'azione vaga ma vagamente rassicurante, e non dover mai fare il lavoro scomodo di sfidare le abitudini mentali radicate. La promessa inespressa è potente quanto la minaccia inespressa.

Le scorciatoie cognitive

La cortocircuitazione della riflessione critica in modi come questo è ciò che fa meglio "mangiare pulito". Incoraggiare un modo di pensare predefinito è l'essenza del suo nucleo metaforico, ei suoi tentacoli si spalancano. Sono ciò che genera il fascino della "non dieta" e ciò che lo rende pericoloso. Siamo sempre più paralizzati dalla punizione di una scelta quasi infinita, eppure continuiamo ad esigere una scelta ancora maggiore perché il sostegno della proliferazione memetica (per cui il capitalismo è un compagno ideale) è di tenerci affamati di novità e variazioni, per quanto inutili. Ma sappiamo anche che avere il diritto di scegliere tra 50 diversi shampoo o fornitori di energia domestici non ci rende più felici; questo principalmente ci rende più stanchi. Quindi siamo pronti e in attesa di essere attratti da qualcosa che ci dà l'illusione che il cibo possa ridiventare un regno in cui le decisioni non hanno bisogno di fare, dove la nostra logica guida è così trasparente da essere sinonimo di istinto.

Certo, il problema dell'istinto è che non è né trasparente né infallibile, e il problema particolare di "mangiare pulito" è che distorce i nostri istinti in una versione irriconoscibile di "buon senso". 'Pulire il cibo' offre risposte già pronte alle domande eterne su come meglio mangiare per renderci sani e felici. Ma offre risposte tanto restrittive quanto pretende di essere espansive. E poiché la logica non è stabilita da nessuna parte in termini coerenti (perché non esiste una logica coerente), la restrizione priva di significato può facilmente diventare un'abitudine senza passare attraverso i consueti canali di valutazione critica (OK, quanta evidenza c'è davvero, di quali tipi, che una dieta a basso contenuto di carboidrati andrà bene per me, in x, yo z?). A differenza del digiuno a basso contenuto di carboidrati o del digiuno intermittente, Google Scholar non può "mangiare pulito" e ottenere qualcosa di utile, perché non esiste una base di prove definibili o persino un territorio definito in cui tale base potrebbe essere presente. E così dimentichi quali sono le tue ragioni originali, se ce ne sono, e ti ritrovi a scacciare il burro o le patatine a causa di un senso vago ed emotivo di essere impuri .

chefkeem, on Pixabay, CC 2.0
Fonte: chefkeem, su Pixabay, CC 2.0

Ciò che i profeti "mangiano bene" hanno elaborato è che la maggior parte delle persone non si preoccupa veramente di essere in salute. Finché non sei gravemente malato o sei seriamente a rischio di problemi di salute, probabilmente la salute non è ciò che guida le tue decisioni sullo stile di vita; non te ne accorgi finché non se ne va. Ciò che la gente vuole, in realtà, è più come vitalità, o vitalità, o forse la sensazione di essere al di là di ogni rimprovero, di aver fatto tutto ciò che ci si può aspettare, forse di essere al sicuro. Qualunque cosa sia, questa affinità emotiva sarà difficile da definire. Ma se invitato a farlo, puoi facilmente inserirlo nella forma traslucida di pulizia, leggerezza, purezza e il resto, e convincerti che questa era la forma che aveva sempre avuto. La ricerca nutrizionale viene praticata con tale rigore incoerente (alcuni ottimi esempi sono citati nelle "10 ragioni per mangiare pulito" di Clean Eating Mag) ed è così soggetto agli effetti distorsivi di gruppi di lobbisti estremamente ricchi e di giornalisti scientificamente analfabeti (o indifferenti), e ogni settimana produce risultati così inutilmente contraddittori, che è più facile prendere le distanze da dibattiti scientificamente tesi sulla risposta all'insulina o sul colesterolo HDL e HDL, e dire: mangio solo pulito .

I collegamenti al mangiare disordinato

Soprattutto, quindi, #eatclean è un invito a non pensare. Dovrebbe essere chiaro ora che questo invito è pericoloso per tutti, ma anche che se hai un passato o un presente che include un disturbo alimentare, dovresti armarti con particolare attenzione contro di esso. I legami tra strutture dietetiche come il "mangiare pulito" ei disturbi clinici dell'alimentazione sono stati esaminati altrove, in particolare come mediati dal concetto di "ortoressia", o preoccupazione malsana per il cibo considerato sano (vedi un articolo per The Independent e uno per il La rivista studentesca di Oxford The ISIS C'è molto da dire qui, ma come ho detto prima, una delle cose più terrificanti è come questa dieta, che non si inserisce nello spazio tra te e le altre persone.

"Sono abbastanza fortunato ora che molte persone cercano di cucinare in modo sano quando vengo qui, ma all'inizio dovevo essere onesto e spiegare cosa stavo cercando di ottenere con le mie scelte alimentari. Il mio consiglio è di dare un avvertimento ai tuoi amici in anticipo, o magari offrirti di portare un piatto con te. Ricorda, se non chiedi, non ottieni: se sono veri amici sosterranno ciò che stai facendo. […] In questa situazione [se non c'è alternativa al mangiare ciò che gli altri ti offrono] devi solo rilassarti: un pasto cattivo non farà male. Invece di sentirsi in colpa, perché non prendere ispirazione da ciò che ti è stato servito e provare a ricreare una versione "pulita" di questo a casa? "(Shaw, Ready, Steady, Glow , p.10)

La versione digerita: non è OK mangiare ciò che i tuoi amici cucinano per te. È cattivo. È sporco. Se succede una volta, sopravviverai, ma assicurati che non funzioni di nuovo, e rivedi ciò che è successo con i tuoi amici da solo in seguito, ma con lo sporco rimosso. Inoltre, chiunque si preoccupa veramente di te acquisterà nel tuo sistema di valori. Se non lo fanno, e insisti a rimanere amici con loro, assicurati di portare con te il tuo cibo quando lo visiti, per evitare di essere sottomesso ai loro.

Poi ci sono tutte le aspirazioni onnicomprensive di "mangiare pulito". Le diete possono assorbire i fastidi. In effetti, tutti sanno che le diete non durano. Ed è perché sono diventati più una fonte di derisione Bridget-Jones che una legittima scelta d'aspirazione, hanno dovuto adattarsi, ad esempio definendosi come stili di vita. (Hanno avuto a lungo un elemento di questo, semplicemente perché più ampia è la portata, più cose c'è da vendere: abbonamento alla rivista, cyclette, ecc.) Ma il guaio con lo stile di vita è che non hanno confini. E se non stai attento, anche questo li porta nel territorio del disordine.

"Potresti cucinare una quinoa, tagliare delle crudité di verdure, arrostire una zucca e far bollire un paio di uova in modo da avere qualche snack nel frigo per afferrare e andare. Tendo sempre ad avere un lotto di Mango crudo e Morso di cocco (pagine 104-5) a portata di mano per tenere a bada il mostro di zucchero! ' ( Pronto, fisso, bagliore , pagina 11)

Questo consiglio suona come un vecchio consiglio dietetico: non farti prendere la voglia di comprare una barretta di cioccolato – porta con te una scatola di deliziosi cubetti di zucca arrostiti ovunque tu vada. Ma qui la posta in gioco è più alta, perché, dopo tutto, non miriamo alla perdita di peso, stiamo cercando di essere puliti. E la sporcizia ha una sensazione piuttosto diversa dal peso. (Anche se siamo stati a lungo addestrati ad associare i due.) Il mostro di zucchero non ti farà solo ingrassare, ti farà imbrogliare. Poco dopo, Shaw dichiara che "Fidati di me, le diete non funzionano, quindi smetti di privarti e di iniziare a vivere". Tuttavia, ci consiglia anche che tre pasti al giorno siano tutti da mangiare (a meno che tu non abbia un lavoro attivo o eserciti molto, nel qual caso uno spuntino extra è legittimo); in una brillante dimostrazione di un ragionamento errato, suggerisce che un corpo che lavora duramente per convertire l'insalata di quinoa in energia ha bisogno di essere tagliato, quindi non sovraccaricarlo con più pasti di quello. Ti consiglia anche di masticare ogni boccone di cibo tra le 10 e le 15 volte: 'rilassati mentre mangi, non aver fretta. Guarda il tuo ventre gonfio scomparire, il tuo corpo si sente più calmo e il tuo desiderio di afferrare qualcosa di dolce diminuire '(pagina 15). La giustapposizione delle frasi qui – rilassandoti mentre mangi e guardando il tuo ventre si restringe – è a dir poco sfortunata. Tagliare la carota cruda la sera prima, impacchettarla in un tupperware e masticarla 10 volte in uno dei tre pasti designati, e guardare e aspettare che la pancia sembrasse più piccola – è questo che aspetto ha la vita di partenza ?

Ci sono molti piccoli giri di parole che si attaccano alla gola, anche se hai una sensibilità ai modelli di mangiare in modo disordinato. Fai domande e risposte su Amelia Freer a Deliciously Ella.

Q: qual è il tuo dessert preferito?

A: Stranamente, i dolci non sono la mia cosa, ma se dovessi veramente indulgere potrebbe essere qualcosa come la torta banoffe! Non l'ho fatto per circa 15 anni, ma ci penso 😉 Forse puoi fare una versione sana per me Ella? 😉

Qui, ciò che si prova è che la paura del cibo si veste come semplicemente non piaccia, ma la maschera che scivola e il desiderio si fanno conoscere. L'ingannevolezza e l'autoinganno si confondono con l'umiltà del suo libro:

D: Qual è il tuo più grande successo finora?

A: Il mio libro Eat. Nutrire. Bagliore Sono stato sopraffatto dal suo successo e dalle meravigliose e-mail che ho ricevuto da lettori le cui vite sono state migliorate dai miei principi. Sono costantemente umiliato dall'impatto che mangiare bene può rendere il benessere fisico ed emotivo delle persone.

Allo stesso modo, la passione esagerata per il cibo in generale è scomoda accanto alla lista ristretta di ingredienti che Freer menziona:

D: Quali sono gli ingredienti per cui non puoi vivere senza?

A: Tutte le cose cocco! Avocado, limoni, peperoncino, verdure verdi, uova, olio d'oliva …. Potrei andare avanti e avanti, adoro il cibo!

Questi modi di pensare e parlare sono ben adattati per scivolare sotto le difese di qualcuno che ha una relazione vulnerabile con il cibo o il loro corpo. Sostenuto dalle potenti strutture metaforiche della pulizia e da tutti i suoi compagni di stalla e nemici, queste piccole diramazioni del discorso del "mangiare pulito" faranno soffrire o guarire qualcuno da un disturbo alimentare del tutto insignificante. Ma una volta che sei in sintonia con loro, sono sottili come una mazza in faccia.

I confini nebulosi

Come ho notato all'inizio, e inevitabilmente per un concetto così vago, i confini del "mangiare pulito" non sono ben regolati. Ci sono alcuni nomi di celebrità con libri di cucina matte alla moda da abbinare. Ci sono un sacco di siti di dieta e blog e siti di notizie online mainstream che saltano temporaneamente sul carro dei vincitori. Ciò significa che una critica livellata a un affioramento di "cibo pulito" non si applicherà necessariamente a un altro; alcune iterazioni sarebbero innocue se non fosse per il nome.

Ella Mills (nata Woodward), o "Deliciously Ella", rientra nella categoria degli scrittori associati al mangiare pulito, ma chi rifiuta la metafora:

"È bello uscire e gustare il cibo che ami, e non dovresti mai sentirti in colpa per questo. Non dovremmo mai vergognare noi stessi o chiunque altro per mangiare e gustare il cibo, non importa quale sia il cibo – non importa se si tratta di un deep mars mars o di un budino di chia con burro di anacardi. Ciò che mangiamo è la nostra decisione e non è qualcosa su cui dovremmo giudicarci. Inoltre, non condivido il concetto di mangiar sano riguardo al "mangiare pulito", penso che sia un modo davvero negativo di guardare al cibo, e ritengo sia un vero peccato che il concetto di pulizia sia sinonimo di salutare per alcuni persone: per me i due non hanno niente a che fare l'uno con l'altro. Non penso che dovremmo mai categorizzare ciò che mangiamo in "buono" e "cattivo" – questo non renderà mai felice nessuno. Tutto il cibo va bene finché ti diverti e ti senti bene. "(" Perché un'alimentazione sana non significa stare a dieta ")

Questa filosofia suona alla grande. È un peccato che Mills mina la cosa sollecitando la pubblicità che si accompagna a "mangiare pulito", ad esempio ospitando le domande e risposte citate sopra con Amelia Freer. Mills descrive Freer come "un'enorme fonte di ispirazione per così tante persone", "per condividere un messaggio così accessibile e positivo per il mondo". Ma questa è la stessa donna che offre '10 modi per ripulire la tua dieta '- e non un' approccio dolce e gentile ', ma una' pulizia primaverile completa 'per preparare il tuo corpo all'estate' ('Revisione di Amelia Freer : 10 modi per ripulire la vostra dieta ').

La risposta sensata

Come ho detto all'inizio, la mia prima introduzione a "mangiare pulito" era sotto forma di Facebook e commenti reali da parte di altri powerlifter. In effetti, quelli che ricordo più chiaramente erano quelli in cui le persone simultaneamente sottoscrivevano e invertivano il suo sistema di valori, per esempio riferendosi con un orgoglio scherzoso ai loro 'guadagni sporchi' – forza / muscoli costruiti su kebab e chip di formaggio, per esempio. Non sono completamente sicuro che questo faccia più male o bene; è 'bonifica' sporco alla fine ancora rinforzo pulito? Anche se mi piace molto il concetto di 'sporco hamburger' (un hamburger di dubbia provenienza e / o con tutti i ripieni), magnificamente promosso da un rutto Adele. Ci sono certamente modi per liberare la dicotomia pulito / sporco del suo pungiglione, anche se dobbiamo stare attenti a non provare avvelenati. L'ironia non è un protettore sicuro.

L'alternativa è di andare dritti: analizzare il "mangiare pulito" e simili in modo chiaro e convincente, e agire di conseguenza. Altri hanno scritto valutazioni e esposizioni eccellenti di "mangiare pulito" che mi hanno aiutato a pensare mentre pianificavo questo pezzo. Ruby Tandoh's "La malsana verità dietro" mangiare pulito "e" benessere "è la più schiacciante di loro. In un altro di loro, "Perché 'mangiare pulito' è totale BS", citato anche sopra, Jaclyn London fa una proposta con la quale finirò.

Londra dice che desidera che la parola "trasparente" decolli come un modo per valutare il valore del cibo: non lento, non reale, non pulito, solo trasparente. Questa cosa stai pensando di comprare quello che dice che è?

"Il tuo candy bar è una barretta o sta fingendo di essere una barretta energetica ?! Se è il secondo, rimettilo e vai per il vero. "

È un bel modo di pensare al cibo. È anche un buon modo di pensare alla consulenza dietetica stessa, o addirittura a qualsiasi idea o pretesa di confrontarsi online o su una rivista o altrove. Chiediti: sta fingendo di essere qualcosa che non è?

Un concetto pertinente dalla psicologia e dalla linguistica cognitiva è la "vigilanza epistemica" (Sperber et al., 2010): l'insieme di meccanismi evoluti mediante i quali valutiamo attentamente la fonte, la plausibilità e l'attendibilità generale di tutto ciò che apprendiamo. 'Pulire il cibo' dovrebbe far risuonare i nostri campanelli epistemici abbastanza forti e chiari da trattarli con diffidenza. Come qualcuno che insiste 'Non sono stato io, non ho fatto niente, onesto!' prima di aver fatto più che guardare nella loro direzione, "mangiare pulito" tradisce la sua sporcizia in ogni parola. Take a careful pause before you grant this particular meme space in your mind, your body, or any corner of your life. Practice the cognitive hygiene of weighing up its threats and promises, and deciding whether any of them can be trusted. If any use of the cleanliness metaphor is fitting in the weird world of dietary advice, it's this one.

Solutions Collecting From Web of "Sezionare il meme mangiabile pulito"