'Sexting' e Suicide

testo adolescente Uno studio è stato appena pubblicato ieri e indica che la pratica del "sexting" (l'invio di messaggi di testo e foto sessualmente allusivi) è in aumento tra gli adolescenti statunitensi. Un ricercatore è stato citato come spiegazione di questo fenomeno come segue: "Queste immagini sono condivise come parte di o al posto di un'attività sessuale, o come un modo per iniziare o mantenere una relazione con un altro significativo, e sono anche passate insieme agli amici per il loro valore di intrattenimento, come uno scherzo o per divertimento. "Questo" divertimento "è in realtà molestie sessuali e può avere conseguenze tragiche. Quest'anno due casi di suicidio sono stati attribuiti a sessi virali. Cosa possiamo fare per aiutare a educare gli adolescenti su testi sicuri?

Il Pew Internet & American Life Project è un gruppo di ricerca senza scopo di lucro, che ha intervistato 800 adolescenti e ha riferito che il 15% degli adolescenti che possiedono una cellula (età 12-17) ha "ricevuto per telefono foto nude o quasi nude. Il 4% degli adolescenti ha dichiarato di aver inviato foto o video sessualmente espliciti di se stessi. "(Cnn.com) Un altro sondaggio ha riportato che 1/3 degli studenti universitari si impegnano in questa attività (wcbstv.com). Anche se molti adolescenti e giovani adulti possono essere blasé riguardo al sexting, altri riconoscono che può essere molto pericoloso e oltre a creare "dramma" è stato anche letale. Il caso di Jessica Logan è tragico, ma istruttivo.

Logan La signora Logan e alcuni amici hanno preso foto di se stessi nude durante le vacanze di primavera del 2008 e lei ha scelto di mandare la sua al suo fidanzato in quel momento. Ha prontamente inoltrato la foto e si è diffusa in tutta la sua scuola. Ciò ha portato a molestie sessuali frequenti e persistenti da parte dei suoi pari e ha iniziato a saltare la scuola. È riuscita a laurearsi di fronte a questa umiliazione sociale, ma le cicatrici sono state profonde. Un mese dopo la laurea, dopo aver partecipato a una visita per un'amica che si era suicidata, Jessica Logan si è impiccata nella sua stanza. I suoi genitori stanno facendo causa alla sua scuola per non agire contro gli studenti responsabili delle molestie. (Cincinnati.com)

Whitsell In un caso a parte, una giovane di 13 anni, Hope Whitsell, ha inviato spontaneamente alcune foto "filanti" per attirare l'attenzione della sua cotta. Apparentemente, un "rivale romantico" ha trovato il telefono del ragazzo incustodito e ha inoltrato le foto a compagni di classe e amici. Whitsell è stato sospeso per la foto e quando è tornata a scuola è stata sottoposta a molestie sessuali gravi e pervasive. Un consulente scolastico notò che Hope si stava facendo del male a causa di alcuni segni sulle gambe e fece firmare un contratto di "non-danno". Ironia della sorte, si impiccò il giorno dopo. (Inquistr.com)

Condivido queste storie tragiche per informarti degli impatti mortali delle molestie sessuali sugli adolescenti. Ogni emozione che sentono è così intensa e spesso sembra che non ci sarà fine al dolore e al dramma. Gli adulti devono prendere sul serio queste situazioni e gli educatori devono intervenire in modo più proattivo per evitare che queste tragedie accadano. Nel mio libro, Gender, bullismo e molestie: strategie per porre fine al sessismo e all'omofobia nelle scuole , scrivo delle definizioni legali di varie forme di molestie di genere, incluse le molestie sessuali e le responsabilità delle scuole in tali situazioni. In caso di molestie sessuali come queste, ci sono quattro criteri principali che devono essere soddisfatti ai sensi dell'applicazione del titolo IX :

  1. I funzionari scolastici devono avere una conoscenza effettiva delle molestie
  2. I funzionari scolastici dimostrano deliberata indifferenza nei confronti delle molestie o intraprendono azioni che sono chiaramente irragionevoli
  3. I funzionari scolastici hanno un controllo sostanziale sia sul molestatore che sul contesto in cui si verificano le molestie note
  4. Le molestie sono severe, pervasive e oggettivamente offensive che si può dire che privino le vittime dell'accesso alle opportunità educative delle prestazioni fornite dalla scuola. ( Davis v. Monroe , 1999)

Questi principi sono emersi dal primo caso di molestie sessuali peer-to-peer, Davis v. Monroe , deciso dalla Corte Suprema nel 1999. In questo caso, un compagno di classe di quinta elementare di LaShonda Davis ha cercato di toccarle il seno e le ha detto "I voglio andare a letto con te "e" Voglio sentire le tue tette ". Ha riferito questo a sua madre e all'insegnante, ma la scuola non ha fatto nulla per sostenere LaShonda o punire il colpevole. Queste molestie continuarono: provocazioni verbali, malcontenti in classe e comportamenti indesiderati. Una volta ha infilato una porta nei pantaloni e si è avvicinata a lei spingendo il suo cavallo. Un'altra volta si strofinò il corpo contro LaShonda nel corridoio della scuola. LaShonda ha segnalato ciascuno di questi incidenti ai suoi insegnanti, ma doveva ancora sedersi accanto a questo studente in classe e non è stato fatto nulla per fermare le molestie. Gli incidenti si sono interrotti sei mesi dopo, quando i suoi genitori hanno deciso di accusarlo di avere una batteria sessuale. Si è dichiarato colpevole di questa accusa. Durante questo periodo i precedenti voti di LaShonda erano diminuiti, e suo padre scoprì di aver scritto una lettera di suicidio ( Davis contro l'amministrazione della contea di Monroe , 1999).

Questi eventi hanno portato a una decisione decisiva della Corte Suprema che applicava il Titolo IX degli emendamenti educativi del 1972 a casi di molestie sessuali da studente a studente. Sebbene il Titolo IX sia più conosciuto per il suo impatto nel ridurre le disparità tra uomini e donne nella partecipazione atletica a livello collegiale, è stato scritto per proteggere le persone dall'assenza di benefici educativi sulla base del sesso (Roth, 1994, 472). . È stato applicato per la prima volta con successo nel contesto di una richiesta di molestie sessuali nel caso di Franklin v. Gwinett County Public Schools (1992). Questa decisione della Corte Suprema stabilì il precedente per usare il Titolo IX per difendere gli studenti dalle molestie basate sul sesso, ma in questo caso l'imputato era un dipendente del consiglio scolastico (Roth, 1994).

Queste linee guida legali forniscono una serie di standard di base minimi per le scuole da seguire di fronte a casi gravi di molestie sessuali – sia che si tratti di telefoni cellulari, note passate o faccia a faccia, gli impatti sono gli stessi. Le scuole non possono guardare dall'altra parte e fingere di non avere un ruolo da svolgere. I genitori devono avere conversazioni aperte con i loro figli sulla sessualità, le relazioni e il processo decisionale. Queste sono le basi della buona genitorialità. Anche gli insegnanti e il personale scolastico devono sintonizzarsi su segnali di allarme e collaborare con consulenti, assistenti sociali, familiari e altri sostenitori della comunità per fornire sostegno e istruzione agli studenti. Inoltre, MTV ha recentemente lanciato una campagna di educazione "A Thin Line" per aiutare a educare il proprio pubblico e ridurre le forme di abuso digitale. Nel giorno di San Valentino 2010, stanno progettando di mandare in onda uno spettacolo sul sestismo intitolato "La vita vera: I Have Digital Drama." Il sito web correlato: http://www.athinline.org/ è molto amico dei ragazzi e una risorsa educativa utile per genitori ed educatori da utilizzare nei loro sforzi per ridurre gli impatti dannosi di tutte le forme di molestie di genere, in particolare quando si diffonde nel cyberspazio. Alcune altre grandi risorse online includono siti Web e blog come:

  • Esperto genitore: Michelle Borba
  • Esperto di cultura ragazza: Rachel Simmons
  • Esperto bullismo: Rosalind Wiseman

Come con tutti i pericoli del mondo, non possiamo avvolgere i nostri bambini in bolle d'aria e proteggerli completamente dai danni. Quello che possiamo fare è creare un ambiente in cui si sentano sicuri e supportati facendo domande e confidando in adulti fidati quando stanno attraversando qualcosa di difficile. Come membri della famiglia, il nostro compito è fornire loro guida, supporto e informazioni e aiutarli a imparare dai loro errori. Come educatori, il nostro compito è segnalare molestie quando lo vediamo, conoscere e applicare leggi e politiche pertinenti, nonché individuare e utilizzare le risorse sociali ed educative a nostra disposizione per creare ambienti di apprendimento più sicuri e senza molestie per tutti i giovani.

Solutions Collecting From Web of "'Sexting' e Suicide"