Sexting e Gomorra

Quando gli amici europei visitano me e mia moglie, spesso commentano quanto incredibilmente repressiva e ipocrita sia la cultura americana sul sesso. Da un lato, lo usiamo per vendere tutto, dalla birra ai fondi comuni di investimento, e d'altra parte impeachiamo il nostro presidente a causa di un pompino.

Da nessuna parte questa contraddizione è più evidente che nei nostri atteggiamenti sulla pedopornografia. Mentre le pubblicità di Calvin Klein e gli slasher film che descrivono francamente la sessualità nubile proliferano impunemente, una vera adolescente, Marissa Miller della Tunkhannock Area High School in Pennsylvania, è stata recentemente minacciata di accuse di pornografia infantile per una foto scattata con reggiseno a un pigiama party 2 anni fa, una foto apparentemente scoperta sui telefoni cellulari di adolescenti nella sua scuola. Giusto. La foto aveva 2 anni. L'ha mostrata a 13 anni con un reggiseno. E qualcun altro lo ha mandato sms senza la sua conoscenza. Ma ora Marissa Miller è minacciata dalla contea del Wyoming, procuratore distrettuale della Pennsylvania, con accuse che potrebbero farle finire in prigione e il privilegio speciale di essere un trasgressore sessuale registrato per il resto della sua vita.

Come società, siamo andati in profondità quando si parla di pornografia e in particolare di pornografia infantile. Guarda, la pornografia infantile è sempre stata illegale per una semplice ragione – si presumeva che gli adulti facessero del male ai bambini veri nella sua produzione. Ma siccome il sesso è stato sempre più politicizzato (ho bisogno di menzionare i dibattiti sull'istruzione per l'astinenza e il matrimonio gay, o il brutto scherzo per l'uso di escort da parte di Elliot Spitzer o del messaggio civettuolo di un parlamentare Mark Foley?), Sembra che i pensieri sessuali siano pericolosi quanto le azioni. Il Congresso ha recentemente messo fuori legge il possesso di immagini sessualizzate di bambini completamente generati dal computer. Mentre nessun bambino è stato ferito nella loro produzione, la titillazione che hanno creato è stata, quindi, criminalizzata in modo efficace.

La contea di Wyoming DA pensava che la foto di Marissa Miller fosse oscena e voleva insegnarle una lezione. Le questioni, tuttavia, vanno ben oltre questo tipo di cattiva condotta giudiziaria. Il recente aumento di quello che viene chiamato "sexting" – la trasmissione di immagini sessuali tramite il cellulare – è pieno di problemi mai affrontati prima da adolescenti e genitori e deve essere affrontato in modi che non rendono i bambini paranoici, guidano la loro sessualità ancora più sotterraneo, e accentuare ulteriormente il divario tecnologico tra le generazioni. Divi proibiti e negativi rendono le conversazioni reali impossibili. Il problema legittimo potenzialmente associato al sexting deve fare, non con il sesso, ma con la privacy e l'autonomia. Man mano che si individuano e rivendicano la loro indipendenza, gli adolescenti spesso non capiscono i potenziali pericoli di rivelare questioni personali nel cyberspazio, sia attraverso i loro cellulari o le pagine di Facebook. C'è un detto che "l'informazione vuole essere libera", il che significa che ciò che esce su Internet o sulle reti SMS rimane lì per sempre e non è più sotto il controllo individuale di nessuno. Eppure il controllo è esattamente ciò che gli adolescenti stanno cercando. È fondamentale che i genitori e le scuole aiutino i loro figli a capirlo. La divulgazione involontaria di immagini o scritti personali su Internet è scomoda per chiunque, ma soprattutto dannosa per i bambini e gli adolescenti.

Gli adulti in posizioni di responsabilità devono aiutare a proteggere i bambini da questo pericolo, non dal sesso.

Solutions Collecting From Web of "Sexting e Gomorra"