Sette motivi per essere orgogliosi di essere un introverso

Lopolo/Shutterstock
Fonte: Lopolo / Shutterstock

Gli introversi hanno avuto un brutto colpo. Considerando che costituiscono da un terzo a metà della popolazione – compresi alcuni degli individui più dotati del mondo – questo è tanto sfortunato quanto sconcertante.

Secondo Carl Jung, ognuno ha un lato introverso e un lato estroverso, con uno più dominante dell'altro. Quelli sul lato più estroverso tendono ad essere stimolati dalla stimolazione sociale, con poca necessità di tempi di fermo. Apprezzano il mondo esterno e l'approvazione sociale e sono più adatti a conformarsi alla società. Chi si avvicina al lato introverso può sentirsi svuotato da una eccessiva stimolazione sociale, quindi richiede una certa quantità di tempo da solo per ri-energizzare. Non devono essere confusi con i solitari o essere considerati antisociali – la maggior parte degli introversi non lo sono. Sono semplicemente più concentrati sul mondo interiore di idee e concetti, come evidenziato da menti brillanti come Sir Isaac Newton e Albert Einstein.

Allora perché tutto il flak? Gli psicologi e i teorici della personalità hanno storicamente patologizzato l'introversione, collegandolo con attributi all'estremità più estrema e negativa dello spettro. L'estroversione, tuttavia, è solitamente associata ai suoi attributi più positivi , come la socievolezza o la chattiness. Mentre queste qualità sono diventate molto apprezzate nella società americana, non è sempre stato così. In effetti, ci fu un tempo in cui i privilegiati e gli umili erano riveriti, e "parlare dolcemente e portare un grande bastone", come ha detto Teddy Roosevelt, era la chiave del successo. Il "bastone" nel caso degli introversi sarebbe il loro silenzioso potere di osservazione, idee innovative e altri doni di cui raramente ottengono credito.

Una delle più grandi frustrazioni che l'esperienza introversa sta soffocando questi doni. Considera questa tipica esperienza:

Sei seduto in una riunione o in un grande gruppo quando all'improvviso ti viene una grande idea. Mentre stai lavorando per dar voce a questa idea ad alta voce, l'estroverso seduto accanto a te prima sbotterà, ottenendo tutto il merito. Sei devastato e arrabbiato con te stesso perché ancora una volta non parli.

Sebbene la maggior parte degli introversi non si occupi di dare via i riflettori, preferendo essere l'osservatore silenzioso del gruppo, ciò non significa che non vogliono essere riconosciuti o riconosciuti. Lo psichiatra Marti Olsen Laney, nel suo libro The Introvert Advantage , parla eloquentemente della sua dolorosa esperienza crescendo come un introverso, o "innato", come dice lei. Descrive di sentirsi come una "strana papera" in un mondo a cui non apparteneva, un fenomeno familiare a molti introversi e una ragione in cui si cimenta con sentimenti di colpa e vergogna.

Per fortuna questo sta cominciando a cambiare, come sempre più viene scritto sull'argomento. In Quiet: Il potere degli introversi in un mondo che non può smettere di parlare, l'autrice Susan Cain mirava a cambiare il modo in cui il mondo vede gli introversi e, cosa più importante, come si vedono. Lei tenta di sfatare alcuni miti comuni, come tutti gli introversi sono timidi, o non gli piacciono gli altri, o non hanno buone idee.

Sebbene alcuni introversi possano essere timidi, la maggior parte semplicemente ha una soglia più bassa per le chiacchiere e le superficialità. Preferiscono conservare la loro energia per interazioni significative che li stimolano, piuttosto che quelle superficiali che li drenano. Per quanto riguarda le persone non gradite, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità; molti prosperano su una conversazione profonda e significativa, preferibilmente uno contro uno. E non avere idee? Per la loro stessa natura, gli introversi vivono in un mondo di idee. Come scrive Cain, "C'è una correlazione zero tra l'essere i migliori oratori e le migliori idee."

Nonostante ciò che l'opinione popolare può farci credere, ci sono altrettanti benefici nell'essere introversi quanto nell'essere estroversi; ogni tipo ha la capacità di prosperare nei loro rispettivi ambienti ottimali. Secondo Jung, "Gli introversi … hanno più modi di proteggersi e vivere più a lungo. Apprezzano una vita più semplice, pianificano e riflettono sui nuovi modi di fare le cose, e incoraggiano gli altri a sviluppare auto-riflessione e pensare prima di agire ".

Di seguito sono 7 ulteriori regali che gli introversi offrono al mondo:

1. Le loro menti creative

Come diceva Albert Einstein, "La monotonia e la solitudine di una vita tranquilla stimolano la mente creativa." Mentre gli estroversi si affidano alla stimolazione dall'esterno, gli introversi preferiscono il mondo interiore della fantasia e dell'immaginazione. Essendo l'immaginazione il luogo di nascita dell'innovazione e della creatività, è ovvio che molti dei nostri più talentuosi scrittori, artisti, atleti e artisti tendono verso l'estremità introverso dello spettro. Steve Martin, Meryl Streep, Shonda Rhimes, JK Rowling e Steven Spielberg sono solo un campione di introversi famosi che hanno reso il mondo un luogo più colorato attraverso i loro talenti e talenti artistici.

2. La loro capacità di pensare fuori dagli schemi

Molti introversi non hanno alcun desiderio di conformarsi alle regole della società, preferendo fare il proprio. La mente di un introverso è terreno fertile per lo sviluppo di idee innovative. Mark Zuckerberg, Steve Wozniak e Bill Gates sono casi emblematici. Quindi senza introversi, praticamente non avremmo Microsoft, Facebook o (la metà) di Apple.

3. La loro sintonia con gli altri

Non sorprendentemente, molti introversi fanno terapisti di successo. La loro sintonizzazione con i sentimenti degli altri e l'attenzione al funzionamento interno della mente può renderli altamente empatici e compassionevoli. Questa maggiore sensibilità ai sentimenti è una delle ragioni per cui gli introversi fanno meglio nelle interazioni uno a uno. Dal momento che troppa stimolazione può diventare travolgente, spesso non fanno bene nei gruppi. Questo potrebbe far sembrare disinteressati o annoiati, ma non lasciatevi ingannare dal loro atteggiamento tranquillo.

4. I loro misteriosi poteri di osservazione

Mentre possono essere i silenziosi del gruppo, uno dei più grandi punti di forza degli introversi è un forte potere di osservazione. I migliori leader sono i migliori comunicatori e i migliori comunicatori sanno come ascoltare. Sia nel mondo degli affari o delle relazioni, la capacità di cogliere i sentimenti degli altri leggendo tra le righe e interpretando ciò che non è parlato, gli introversi sanno, ti farà andare oltre il bulldozer del tuo pubblico. Sanno che "la conoscenza non si ottiene sbattendo le labbra, ma rimuovendo la cerume". [1]

5. La loro capacità di superare le sfide

Che siano il ragazzo escluso in classe, l'ultimo a essere scelto per la squadra di calcio, o il dipendente passato per una promozione meritata, molti introversi hanno dovuto sviluppare le proprie strategie di coping per vivere come un piolo quadrato in un buco rotondo . Come con la maggior parte delle persone che non hanno avuto la facilità, sono in grado di entrare in empatia con chi soffre e di connettersi con gli altri a un livello più profondo, il che ci porta al punto successivo …

6. La loro capacità di formare connessioni autentiche

La loro sensibilità e sintonia con gli altri spiegano la loro inclinazione a creare legami significativi e duraturi. Poiché queste relazioni soddisfano adeguatamente il loro limitato bisogno di stimolazione sociale, raramente sono sole quando sono sole. Per un introverso, da solo non è una parola spaventosa – è dove possono abbassare la guardia. La loro solitudine è il loro santuario.

"Da solo mi sono sempre sentito come un posto reale per me, come se non fosse uno stato dell'essere, ma piuttosto una stanza in cui potevo ritirarmi per essere quello che ero veramente." -Cheryl Strayed

7. La loro capacità di cambiare tranquillamente il mondo

Poiché molti introversi tendono ad essere sul lato riservato, a volte vengono scambiati per wallflowers o violette restringenti. Rosa Parks era una donna tranquilla e riservata che era tutt'altro che un violento restringimento. Lo stesso vale per Eleanor Roosevelt, Abraham Lincoln e altri che hanno trasformato la società. Forse lottare con le proprie lotte ha alimentato i loro ostinati sforzi per sfidare e in definitiva cambiare le ingiustizie a cui hanno assistito. Sono la prova che la natura tranquilla dell'introverso non deve essere sottovalutata e che, come ha detto il Mahatma Gandhi, "In modo gentile, puoi scuotere il mondo".

Se sei stato abbracciato da un introverso, sentiti onorato; non lasciano entrare nessuno. Ma quando lo fanno, la loro accanita lealtà e natura empatica li rendono alcuni dei migliori amici, partner, colleghi di lavoro e capi che potresti chiedere. La loro presenza è un dono.

Solutions Collecting From Web of "Sette motivi per essere orgogliosi di essere un introverso"