Sesso, romanticismo e relazioni degli anziani

Lo stato di benessere degli anziani non sembra migliorare. Un recente rapporto AARP ha confrontato sesso e benessere nel 1999, 2004 e 2009. Sebbene nel complesso, la mezza età e gli anziani abbiano attualmente una visione positiva della vita, questo è meno che nel 2004. Sia la frequenza dei rapporti sessuali che i rapporti sessuali generali la soddisfazione è scesa di dieci punti dal 2004. Poco più di quattro su dieci dicono di essere soddisfatti delle loro vite sessuali, giù dalla metà del 2004. Mentre la frequenza dell'auto-stimolazione e dei pensieri sessuali rimane invariata. È più probabile che i giovani intervistati, gli uomini e gli ispanici in generale riferiscano di essere soddisfatti.

Perché gli anziani dovrebbero segnalare un calo del benessere generale, in particolare l'esperienza sessuale? Diversi fattori chiave influenzano l'attività sessuale, inclusi salute, farmaci, stress, finanze ed esercizio fisico. La salute, come si evince dall'aumentato uso di farmaci da prescrizione, sembra rispecchiare questo declino nella soddisfazione e nel benessere sessuale generale. I farmaci più diffusi sono per il colesterolo, preso dal 36% di tutti gli adulti più anziani – un numero che è raddoppiato dal 1999. Un aumento simile appare nell'uso di farmaci per la pressione del sangue, che il 43% della popolazione più anziana prende dal 36% nel 1999. C'è stato un aumento della diagnosi di disfunzione erettile per il 23% degli uomini nel 2009, rispetto al 17% nel 2004.

Gli uomini continuano a pensare al sesso più spesso delle donne. Lo considerano più importante per la loro qualità di vita, si impegnano più spesso nelle attività sessuali, sono meno soddisfatti senza un partner e hanno il doppio delle probabilità che le donne (21 contro 11%) ammettano attività sessuali al di fuori della loro relazione. Differenti differenze uomo-donna esistono tra i gruppi di età.

Gli uomini riportano meno rapporti sessuali, baci o abbracci, toccando e accarezzando, auto stimolazione, sesso orale e anale con l'aumentare dell'età (da 45 a 70+). Le donne – sebbene la percentuale complessiva sia quasi la metà di quella per gli uomini – tendono a riportare un picco di attività all'età di 50-59 anni, con abbracci e baci che rimangono stabili su tutte le età.

La buona notizia è che coloro che fanno sesso almeno una volta alla settimana, l'84 percento, sono soddisfatti. Quelli meno soddisfatti riferiscono di fare sesso meno frequentemente. La metà di tutti i maschi single e datanti riferisce di non usare o meno la protezione durante il rapporto sessuale. Questo tasso scende al 29% per le donne. La statistica è ancora preoccupante, dato che una persona su quattro con HIV / AIDS era un adulto più anziano nel 2005. Un paradosso affascinante è la qualità della valutazione della vita. Sebbene sia il maschio che la femmina – con o senza partner attuali o recenti – mostrino una diminuzione nel riportare una qualità della vita complessivamente elevata rispetto a cinque anni fa (48% dal 50%), tutti si aspettano che la loro qualità aumenti in cinque anni, in alcuni casi sopra il picco di cinque anni fa (57%). A 70 anni, questo ottimismo per il futuro diminuisce, anche se uno su tre riferisce ancora che il futuro sembra più positivo!

L'attività sessuale e il benessere si intrecciano. Dovremmo essere consapevoli dell'impatto che farmaci, stress, situazione finanziaria ed esercizio hanno sulla nostra salute e sul nostro benessere generale.

© USA Copyrighted 2013 Mario D. Garrett

Solutions Collecting From Web of "Sesso, romanticismo e relazioni degli anziani"