Serendipity e Serial Killer

Fonte: K.Ramsland

La domanda che mi viene posta più spesso sul mio prossimo libro, Confession of a Serial Killer: The Untold Story di Dennis Rader, il BTK Killer, è il modo in cui sono stato coinvolto nel lavorare con lui.

È una strana storia di percorsi che attraversano al momento giusto, insieme a un certo tipo di esperienza e volontà di essere completamente immersi in un mondo molto oscuro.

Avevo appena pubblicato un libro, The Mind of a Murderer, che descrive una dozzina di casi del secolo scorso di esperti di salute mentale (non giornalisti, autori di reati o avvocati) che hanno dedicato molto tempo all'apprendimento di un criminale estremo (massa assassini e serial killer) dal punto di vista del criminale. Pertanto, ho avuto un apprezzamento dei benefici della ricerca estesa sulla case history, che può produrre elementi che si presentano solo con un senso più profondo del soggetto.

Poi, mi è capitato di parlare con la persona che era stata in sintonia con Rader per cinque anni con la speranza di scrivere un libro. Ho saputo che stava cercando qualcuno che lo prendesse in consegna. Sapeva chi ero perché aveva uno dei miei libri precedenti sulla criminologia. Ho detto che era interessato.

Tuttavia, ci è voluto un po 'per passare attraverso il processo di approvazione, perché Rader aveva firmato i suoi diritti sulla vita delle famiglie delle vittime e il loro fondo fiduciario avrebbe ricevuto e distribuito i proventi. Questo ha aggiunto uno strato di complicazione. Ma tutto ha funzionato.

Ho quindi dovuto decidere il modo migliore per affrontare questo progetto unico. Avevo il set completo di lettere del primo scrittore da usare, ma volevo creare il mio frame personale. Le mie idee sono state in parte sviluppate dagli esperti del mio precedente libro e in parte dal progetto stesso. Ci sono voluti altri cinque anni per completare, ma quel tempo supplementare è stato significativo.

Chiamo Confessione un'autobiografia guidata: la narrativa di Rader come voleva dirlo, strutturata attraverso la ricerca criminologica e psicologica. Rader ha riflettuto sulle cose che gli ho mostrato e selezionato i fattori che credeva pesassero più pesantemente nella sua violenza. Ciò non lo rende giusto o persino particolarmente perspicace, ma le sue risposte hanno fornito materiale per la mia analisi.

Oltre ai documenti scritti, ho anche avuto regolari telefonate con lui. (Le visite alle carceri, oltre a socializzare, erano improduttive.) Rader offrì una rara opportunità di entrare nella mente di un serial killer predatore organizzato che progettò la sua carriera omicida da quello che sapeva su specifici modelli di ruolo, ad esempio, HH Holmes, Harvey Glatman , il Boston Strangler, Ted Bundy e Jack lo Squartatore.

Ha liberamente confidato i dettagli sulla sua compulsione ad uccidere e su come ha mantenuto con successo i suoi segreti per 30 anni vivendo come un normale padre di famiglia. A pochi passi da sua moglie e dai suoi figli c'erano "buchi di nascondiglio" pieni di numerosi oggetti incriminanti.

Introduco la mia narrativa con la parte più impegnativa di questo processo: capire il sistema di codice di Rader. Ha posto un test che dovevo superare. I lettori vedono i miei primi passi precoci, la mia confusione, il mio aha! momenti e le mie soluzioni.

Infine, raccogliere l'abbondanza di informazioni in una struttura accessibile ma educativa richiedeva un'attenzione particolare e un sacco di tempo ininterrotto. Rader aveva scritto lunghe lettere sconnesse sulla sua vita, le sue esperienze e le sue fantasie. Ho dovuto organizzare cronologia e temi. Ogni volta che aveva chiamato altri serial killer o descritto film o libri che lo avevano colpito, ho fatto ricerche sui soggetti e ho guardato i film. Quando ha descritto luoghi che avevano un significato per lui, li ho visitati. Abbiamo letto libri e articoli e abbiamo avuto diverse discussioni "accademiche", ma il contenuto era principalmente da lui.

Per me, è stata l'occasione per immergermi nella mente di un criminale estremo, che è oggetto di molti dei miei corsi universitari e post-laurea. Indipendentemente da quanta ricerca fai su un determinato caso, non è paragonabile all'ascolto di qualcuno che descrive i suoi atti violenti e che è in grado di fargli domande dettagliate. Sono rimasto molto affascinato dalla descrizione di Rader di "cubing", di come aveva sviluppato "frame di vita".

Quando sono entrato in questo progetto, sapevo che avrebbe approfondito la mia consapevolezza. Mi aspettavo che lavorare così a stretto contatto con qualcuno come Dennis "BTK" Rader avrebbe influenzato il mio modo di pensare e teorizzare. Lo ha fatto. Vedo meglio come qualcuno come lui vive il mondo. Considero la confessione un complemento significativo del lavoro che ho svolto.

La seconda domanda che sento più frequentemente è: in che modo una persona normale come lui diventa un serial killer? Ne parlerò in un altro blog.

Solutions Collecting From Web of "Serendipity e Serial Killer"