Separazione 101: cosa dovrebbe sapere ogni genitore di un bambino in età prescolare

Nelle ultime due settimane, sono stato seduto su una panchina viola, fuori da una stanza viola, ad aspettare. In chat con altri genitori e operatori sanitari. In attesa. Guardando attraverso la finestra di osservazione. In attesa. A volte mi sento un po 'impaziente. Poi sentirsi in colpa per sentirsi impaziente. E in attesa.

Vedi, il mio bambino di quasi tre anni ha iniziato l'asilo in autunno. E come in molte scuole materne ben pensate e ben gestite in tutto il paese, stiamo attraversando un processo chiamato "phase-in". Ogni giorno che vanno a scuola, mio ​​figlio e i suoi compagni di classe rimangono in classe un po 'più a lungo fino a diverse settimane lungo la strada, sono pronti per il programma completo, tre giorni alla settimana, per tre ore. Sembra ragionevole, se non addirittura indulgente, giusto? Qualunque non genitore potrebbe chiedersi quanto può essere difficile?

In realtà, molto. Per i bambini, alcuni dei quali sono appena oltre i bambini. Anche per i loro genitori e coloro che si prendono cura di loro, che potrebbero avere sentimenti sorprendentemente forti e ambivalenti nei confronti del bambino che sapevano fare il prossimo grande passo e diventare un pre-scolare. Per non parlare dei responsabili, che ci sono passati prima e che devono guidarci attraverso il processo, spesso trattenendo non solo le mani dei nostri figli, ma anche le mani degli adulti.

Nel mio caso, la giornata inizia spesso con me che dico a mio figlio che presto ci dirigeremo verso la stanza viola, e lui che risponde "Potrei piangere" o "Non andrò" o "Rimango qui e gioco con il mio treni. "Mio figlio sta nascondendo le sue scommesse, negoziando con me e se stesso, provando su come tutto questo potrebbe svolgersi. Certo, abbiamo letto il libro sulla stanza viola e guardato la foto dei suoi insegnanti che se ne sono andati quando hanno fatto la loro visita a casa una settimana prima dell'inizio della scuola. Tutto ciò aiuta. Semplicemente non aiuta ogni giorno, ogni volta.

"La mamma non mi lascia", dice a se stesso mentre attraversiamo il parco. "Nessuna mamma. Non sederti sulla panchina viola! Vieni con me ", ammonisce quando arriviamo e mi preparo a prendere la mia posizione. In tutti questi momenti, non solo nel momento in cui trova la sua motivazione e entra in classe, "separazione", entra in gioco un aspetto cruciale del processo di transizione, per non parlare dello sviluppo del bambino. La separazione, si scopre, è molto più della somma delle sue parti, molto più di un bambino che si allontana da un genitore o da una badante per un'ora o due.

Allega, poi separa

Si scopre che non è possibile pensare e comprendere la separazione finché non si pensa e si comprende l'attaccamento, una strada a doppio senso di coming-to-care, una serie di comportamenti che si sviluppano nel tempo tra il bambino e il caregiver. La sua valuta è guardare, tenere e tubare nelle primissime fasi, una cura affidabile e un nutrimento in corso. Se tutto va bene, ora sappiamo che il genitore o il caregiver diventeranno "una base sicura" da cui il bambino e il bambino esplorano il mondo.

Di ritorno quando, per esempio, nella separazione dei giorni dei nostri genitori e dei nonni tra bambino e genitore o caregiver non era qualcosa a cui abbiamo pensato molto. L'abbiamo appena fatto. I bambini andavano a scuola o, in alcuni casi, a lavorare. I bambini dei ricchi andavano in collegio, a volte all'età di sei o sette anni. Andarono all'ospedale se ne avessero avuto bisogno, con poche o addirittura nessuna visita da parte dei genitori

I nostri concetti di relazione genitori / figli hanno sempre informato le nostre pratiche di separazione. Durante il diciannovesimo e verso la metà del ventesimo secolo, psicologi, filosofi e altri opinionisti concordarono ampiamente sul fatto che l'attaccamento – un legame tra genitore o caregiver e bambino – era una semplice questione di un bambino che necessitava di cibo e di una madre che lo riforniva. Il legame di un bambino con sua madre, questa convinzione sostenuta, era poco più di una gratificazione diretta verso l'unità. Per quanto riguarda i sentimenti di attaccamento della madre o del caregiver, molti credevano che il tatto, l'affetto e l'amore avrebbero "rovinato" i bambini. E in effetti, negli ultimi secoli, alle madri è stato chiesto di nutrire i loro bambini e poi di metterli subito a terra, con il rischio di creare un bambino e un bambino "eccessivamente dipendenti".

War Children di Anna Freud, Bowlby's Notions e Harlow's Monkeys
Negli anni '30, queste teorie sulla "dipendenza" e sulla "rovina" guidata dal guidare venivano messe in discussione e poi smantellate da psicologi dello sviluppo come Ian Suttie e William Blaz, che affermavano che il bisogno di affetto e amore era primario, non solo un affioramento o effetto secondario del disco per il cibo. Le relazioni sociali, a cominciare dalla diade madre / figlio, erano cruciali per uno sviluppo sano, insistevano questi psicologi.

Osservando i bambini piccoli che erano stati separati dai loro principali badanti durante la seconda guerra mondiale, Anna Freud scoprì che, anche se potevano essere stati esposti a meno orrori della guerra, non andavano bene come quei bambini rimasti con i loro genitori, persino in circostanze terribili. E nel 1951, John Bowlby pubblicò il punto di riferimento e la controversa Maternal Care and Mental Health , subito seguita da Child Care e Growth of Love . Qui ha affermato che "il bambino e il bambino dovrebbero sperimentare un rapporto caldo, intimo e continuo con sua madre (o sostituto materno permanente) in cui entrambi trovano soddisfazione e divertimento." Se questi bisogni non fossero soddisfatti, sostenne Bowlby, ci potrebbe essere conseguenze sulla salute mentale significative e irreversibili.

La filosofia dell'assistenza all'infanzia è stata quindi ribaltata. Lungi dal "viziare" i bambini, le cure affettuose, l'amore, le coccole e i baci, è stato fondamentale per il loro sviluppo mentale, la loro felicità e salute e la loro capacità di separarsi e di funzionare lungo la strada.

Incuriosito dal lavoro di Bowlby, lo psicologo Harry Harlow ha cercato di dimostrare i suoi inquilini centrali. Collocando le scimmie rhesus infantili in gabbia con due madri surrogate – una fatta di filo spinato che offriva il latte, l'altra senza latte, ma costruita con un tessuto di spugna tangibile – Harlow determinò che i bambini erano dentro per molto più del latte. Le scimmie preferivano fortemente la "madre" di spugna e quelle con un solo filo potevano avere stomaco pieno, ma sviluppavano anche diarrea e altri marcatori di stress (studi di follow-up con madri di topo e i loro cuccioli hanno scoperto che la mancanza di tatto era negativa effetti tra cui elevati livelli di cortisolo e indebolimento del sistema immunitario). Harlow ha concluso che l'assenza di contatto è profondamente stressante psicologicamente per le giovani scimmie e, presumibilmente, per i bambini umani.

Lungi dal viziare i nostri bambini con il tatto, l'affetto e l'attenzione, questi teorici hanno affermato, stiamo incontrando uno dei loro bisogni più basilari e cruciali. E nel non riuscire a incontrarli, mettiamo la loro salute psicologica a grave rischio.

Quando è il momento di lasciar andare – e il bene che ne deriva
Cosa c'entra tutto questo con la panchina viola fuori dalla stanza viola o ovunque genitori e assistenti si siedono ansiosamente ogni autunno mentre i bambini in età prescolare vanno insieme per camminare attraverso la porta verso l'aula e tenerlo insieme per un'ora o due o tre a parte? Prima di Bowlby, c'era la sensazione che i bambini potessero essere rimossi dai loro genitori con poche conseguenze. Avanti veloce a oggi, e potremmo essere stati troppo selettivi in ​​ciò che abbiamo preso da Bowlby, et. al.

"Era malsano quando abbiamo negato che le emozioni e le sensazioni di connessione – e in realtà di essere connessi – fossero importanti", dice Elizabeth Kandall, Ph.D., psicologa in uno studio privato a Manhattan che è anche a capo del gruppo di discussione "2 × 2" per genitori di bambini piccoli al 14 ° St. Y. Ora, osserva Kandall, c'è "un'eccessiva sensibilità, quasi un sentimento fobico, circa la separatezza." Nota che attualmente assistiamo all'intensità della separazione – tu ed io sentiamo quelle fitte sul panchina viola – ma concentrandoci esclusivamente su questo, ci manca un grande pezzo del puzzle. Kandall spera che genitori e tutori possano ripensare alla separazione come "un processo veramente dinamico ed eccitante, qualcosa che può stimolare la crescita nella relazione genitore / figlio". La separazione, si scopre, idealmente ci avvicina anche se ci richiede di essere separati.

Come, esattamente? Non è semplicemente "hanno bisogno di una sfida, hanno bisogno di diventare grandi e andare nel mondo lontano da mamma e papà", o che essere soli in una scuola "li rasserena", una convinzione che potrebbe essere stata radicata in noi da una cultura che pone un alto valore di individualità e indipendenza. No, sottolinea Kandall, il punto è che una volta che il bambino è pronto, se si separa si ha la possibilità di riunirsi di nuovo in un modo completamente nuovo.

Ad esempio, un bambino che si è separato ed ha avuto esperienze che tu non hai avuto con lui o lei ora ha qualcosa da dirti, certamente. Ma lui o lei sa anche qualcosa che non conosci. "Quella separatività mentale è un'opportunità per migliorare l'un l'altro", sottolinea Kandall. Nel raccontare quello che ha fatto, il tuo bambino modifica la sua percezione di chi è e di cosa è capace. E mentre lei è lì a dipingere e giocare con il plastilina e ad ascoltare una storia, anche il tuo bambino sta vivendo lo scorrere del tempo in un modo nuovo: "Papà sarà qui dopo il tempo della storia per prendermi." Con questa realizzazione ne arriva un'altra: "Papà non è qui, ma sta pensando a me e sto pensando a lui." Ti tengo a mente è un'abilità che sposta profondamente il concetto di te e te stesso di tuo figlio. "Diventi la mamma non-qui, la 'mamma-lì'", sottolinea Kandall, e per un bambino che è pronto per lo sviluppo, questa realizzazione stimola la crescita e la sicurezza, che a sua volta spiana la strada a ulteriori esplorazioni. Il punto di separazione non è un progressivo svezzamento nel nulla, quindi. È migliorare la connessione e sperimentarla in modi nuovi. Sì, ci sono momenti delicati per la separazione, il dolore di lasciare tuo figlio, ma c'è molto di più.

Qualunque cosa tu faccia nel tuo viaggio di separazione, gli esperti avvertono, non commettere l'errore comune di aspettarsi che sia una linea retta e ordinata. "Lo sviluppo è disordinato", osserva il dottor Kandall, paragonandolo a una scala a chiocciola. Potrebbe sembrare che siamo nello stesso posto, sulla panchina viola, mentre il nostro bambino si aggrappa ancora una volta alla nostra gamba, ma siamo di fatto in un altro posto, un livello più alto. Ogni giorno ci separiamo e così impariamo un nuovo modo per ricollegarci.

Venendo in Parte 2: Consigli pratici per la separazione dei genitori

Ulteriori letture / fonti:

Bowlby J. Child Care e la crescita dell'amore. Londra: Penguin Books, 1953.

Freud A, Burlingham DT (1943). Guerra e bambini. Libri di guerra medica.

Jutapakdeegul N, Casalotti SO, Govitrapong P, Kotchabhakdi N.
"La stimolazione postnatale al tocco altera acutamente i livelli di corticosterone e l'espressione del gene del recettore glucocorticoide nel ratto neonatale", Dev Neurosci 2003; 25: 26-33 (DOI: 10.1159 / 000071465)

Laudenslager ML, Rasmussen KLR, Berman CM, Suomi SJ e Berger CB. "Livelli specifici di anticorpi nelle scimmie Rhesus libere: relazioni con gli ormoni plasmatici, parametri cardiaci e comportamento precoce", Developmental Psychology 1993; 26: 407-420.

Schanberg S e Field T. "Privazione materna e stimolazione supplementare", "Stress and Coping Across Development", Field T, McCabe P, e Schneiderman N, eds. Hillsdale, NJ: Erlbaum; 1988.

Suomi SJ. "Touch e il sistema immunitario nelle scimmie rhesus", in Touch in Early Development, Field TM, ed. Hillsdale, NJ: Lawrence Erlbaum Assoc .; (in stampa).

Solutions Collecting From Web of "Separazione 101: cosa dovrebbe sapere ogni genitore di un bambino in età prescolare"