Sentirsi grati e 'pagarlo in avanti'

Siamo costituiti in modo che semplici atti di gentilezza, come dare alla carità o esprimere gratitudine, abbiano un effetto positivo sui nostri stati d'animo a lungo termine. La chiave per la vita felice, a quanto pare, è la bella vita: una vita con relazioni sostenute, lavoro stimolante e connessioni con la comunità . Paul Bloom

Di tutte le emozioni positive che gli umani sperimentano, è la gratitudine che sembra giocare il ruolo più forte nel promuovere il modo in cui interagiamo con le altre persone. Definito come "la qualità dell'essere grati; disponibilità a mostrare apprezzamento per e a restituire gentilezza, "la gratitudine può riflettersi in molti modi diversi. Mostrare gentilezza nei confronti di qualcuno in una situazione sociale non solo aiuta a garantire che l'atto di gentilezza sia restituito, ma può anche rendere le persone più inclini a "ripagarlo" e aiutare completamente qualcun altro.

Secondo la teoria della gratitudine "trova, ricorda e lega" prima proposta dalla psicologa Sara B. Algoe, la gratitudine gioca un ruolo nel cementare i legami sociali che abbiamo con le altre persone. Ad esempio, sentirsi grati a qualcuno per un atto gentile ci porta ad avere sentimenti più forti su quella persona e vogliamo passare più tempo con lui o lei. Questo porta le persone che ricevono l'atto di gentilezza ad essere più inclini ad interagire socialmente con il loro benefattore e aumenta la probabilità di sviluppare una relazione di alta qualità. Algoe suggerisce persino che la gratitudine può alterare la nostra percezione di base di altre persone, sia che si tratti di un estraneo totale o di qualcuno con cui abbiamo già una relazione forte. Essere grati ci fa sentire più inclini a rimborsare questo favore, direttamente o indirettamente.

La gratitudine è anche la pietra angolare della maggior parte delle religioni del mondo. Esprimere grazie a Dio è il tema centrale della maggior parte delle preghiere cristiane, ebraiche e islamiche e la gratitudine è vista come una preziosa caratteristica umana anche nelle tradizioni spirituali buddista, indù e nativo-americana. Non solo la gratitudine è considerata essenziale per essere un buon essere umano, ma essere chiamati ingrate è considerato offensivo in qualsiasi società.

Tuttavia, la gratitudine non è la stessa cosa dell'indebitamento, in cui le persone si sentono obbligate a ripagare il favore, sia attraverso un compenso finanziario o qualche altro vantaggio materiale. In molti casi, questa sensazione di indebitamento spesso rende le persone a disagio abbastanza da voler evitare la persona che sentono di dover, mentre la gratitudine ci rende più propensi a cercare il nostro benefattore e trascorrere del tempo con loro.

Ma c'è un altro tipo di comportamento che è spesso collegato alla gratitudine: mimetismo. Le persone che si sentono grate per un atto gentile tendono a imitare il comportamento del loro benefattore. Questo tipo di mimetismo può essere intenzionale, perché vedono il loro benefattore come un buon modello di ruolo, o completamente inconscio, nel quale non sono consapevoli di farlo. La ricerca sul tipo di mimetismo comportamentale legato alla gratitudine suggerisce che aiuta a costruire una relazione più forte tra le persone riconoscenti e i loro benefattori poiché rafforza il sentimento positivo che può portare all'amicizia.

Un nuovo studio di ricerca pubblicato sulla rivista Emotion prende in esame il mimetismo comportamentale e la gratitudine. Scritto da Lile Jia e un gruppo di colleghi ricercatori dell'Università Nazionale di Singapore, lo studio ha utilizzato 101 studenti universitari (55 donne) che sono stati visti nel laboratorio psicologico dell'Università Nazionale dove hanno preso parte allo studio sperimentale.

Nella prima fase dell'esperimento, gli studenti hanno avuto l'opportunità di vincere chip e, apparentemente a causa di casualità, finirebbero con meno chips rispetto ad un altro soggetto (in realtà un ricercatore che si atteggia a soggetto). Questo è stato seguito da una condizione di gratitudine in cui il ricercatore ha trasmesso un gran numero di fiches al soggetto, insieme a una nota scritta che diceva: "Ho visto che non hai ottenuto molto negli ultimi turni. Deve essere stato un peccato. "Questo fece sembrare che il ricercatore stesse cercando di aiutare l'argomento. Nella condizione di non gratitudine, il soggetto ha ricevuto la stessa quantità di chip anche se sembrava essere dovuto a casualità.

Nel compito di mimetizzazione che seguì, i soggetti furono informati su un nuovo compito insieme al ricercatore che aveva dato loro i chip o un confederato neutrale. Durante lo svolgimento del compito sperimentale (discutendo di un'immagine che è stata loro mostrata), il confederato avrebbe compiuto comportamenti specifici come lo sfregamento del collo o del ginocchio. I soggetti sono stati monitorati su una videocamera per vedere se imitavano i movimenti dell'altra persona durante l'operazione. Nel dibattito che ne è seguito, i soggetti sono stati interrogati per assicurarsi che non avessero alcun sospetto su cosa fosse effettivamente l'esperimento.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti alla condizione di gratitudine erano più propensi a copiare i movimenti del corpo del confederato che li aiutava rispetto ai partecipanti alla non gratitudine. Non c'era altro segno di mimetismo a parte quello che era collegato alla gratitudine. Questa scoperta sembra sostenere la scoperta, ricordare e legare la teoria della gratitudine mostrando che la mimica, sia essa conscia o inconscia, è un passo importante nella costruzione di una relazione di qualità con qualcuno a cui le persone si sentono grate.

Sebbene si tratti di un esperimento artificiale che tenta di replicare qualcosa che si verifica per lo più al di fuori del laboratorio, lo studio sembra evidenziare che il mimetismo inconscio è fortemente legato alla gratitudine. Questa è una scoperta importante poiché la ricerca precedente si è concentrata principalmente su come la gratitudine influisce sul comportamento consapevole. Tuttavia, è necessario fare ulteriori ricerche per vedere se questo tipo di mimetismo può rendere le persone più propense a fare atti gentili anche per gli estranei.

Oltre ad essere molto apprezzato, la gratitudine è stata anche collegata alla salute mentale e al benessere. Gli psicologi positivi hanno sempre più considerato la gratitudine come qualcosa che deve essere incoraggiato per contribuire a rafforzare il nostro senso di ottimismo e felicità. Come mostra questo nuovo studio di ricerca, sentirsi grati può avere un impatto molto più profondo su come ci comportiamo di quanto non ci rendiamo nemmeno conto.

Solutions Collecting From Web of "Sentirsi grati e 'pagarlo in avanti'"