Sentirsi bene-Vs. Feeling Good About Ourselves (Parte 2)

Concentrarsi meno su sentirsi bene e più su sentirsi bene su di noi

Una volta riconosciuto ciò che ci consente di stare bene solo temporaneamente, possiamo iniziare a cercare alternative più soddisfacenti. Questo potrebbe prendere la semplice forma di cambiare la nostra dieta da cibi spazzatura (o "comfort"), ad uno più sano per il cuore. Oppure rinunciare alla routine quotidiana di fumare un'articolazione o di bere birra o vino, dedicandoci invece allo sviluppo di un interesse personale, talento o abilità, o forse anche ripensando il nostro percorso di carriera. Oppure potremmo rinunciare a un'abitudine ai videogiochi e reindirizzare la nostra energia verso la coltivazione di un'amicizia che non riempirà semplicemente un vuoto interiore, ma rinvigorirà o ispirerà veramente. O meglio, se davvero realizzeremo il tipo di lavoro personale che alla fine trasformerà il nostro senso di sé, potremmo decidere di affrontare un problema difficile, che potremmo aver rimandato indefinitamente per paura di fallire.

In generale, il percorso verso il sentirsi veramente bene con noi stessi richiede molta più riflessione, autocontrollo e –disciplina di quanto potremmo aver dimostrato fino ad ora. E sviluppare queste qualità inizia con un impegno quasi spirituale verso il sé che in precedenza potrebbe esserci sfuggito: l'impegno a diventare la persona migliore, più completa e "realizzata" che possiamo essere. Qui la nostra preoccupazione fondamentale è quella di apprezzare di più noi stessi, essere più fieri di ciò che siamo, più auto-accettando, -prevedendo e -nurturing- e, naturalmente, più empatico, compassionevole e comprensivo verso gli altri. Diventare più felici (come è regolarmente notato dagli esperti del settore) implica andare oltre la semplice gratificazione personale per vedere noi stessi come una piccola parte dell'universo più grande, e così motivati ​​a dare un contributo non solo alle nostre vite, ma alla vita di anche gli altri.

Infine, imparare a sentirsi veramente bene con noi stessi è una parte importante di ciò che riguarda la crescita personale e l'evoluzione. E i nostri progressi in questa impresa ci impongono di diventare più adulti nel nostro modo di pensare. Che è difficile dire più serio e cupo. Perché, per quanto paradossalmente, il tipo di sviluppo che ho in mente può avere ogni sorta di elementi gioiosi (anche infantili). Il piacere di scoprire e di auto- scoprire, di essere più spontanei, avventurosi e auto-stimolanti può essere molto più soddisfacente – e persino eccitante – del più elettrizzante diversivo che potremmo fare (pensate ai concerti rock, ai roller-coasters, o vari tipi di baldoria).

La maggior parte di ciò che affronterò i collegamenti intimamente al concetto centrale di autostima. E la mia raccomandazione chiave su come rinunciare a perseguire sentimenti transitori di euforia e cercare invece quelle cose che culminano in sentimenti positivi di sé molto più duraturi è quella che aumenterà anche la nostra autostima. E promuoverà un amor proprio che è totalmente separato da ogni semplice gratificazione narcisistica.

Qui, in poche parole, è la mia "ricetta". E lasciatemi aggiungere che mentre è abbastanza facile per me articolare, potrebbe essere (certamente a volte, sarà ) tutt'altro che facile da implementare, o piuttosto impegnarsi a implementare. Perché questa formula potrebbe volare di fronte a difese inconsce ma saldamente radicate che hai adottato nel corso degli anni per proteggerti dal disagio emotivo.

Il principio comportamentale che sto sostenendo è questo. Prima di intraprendere azioni di qualsiasi tipo, chiediti se è probabile che ti faccia sentire meglio con te stesso o, peggio. Il tuo unico criterio per determinare se andare avanti con un particolare comportamento è decidere se farlo è in linea con l'auto-stima più positiva che stai cercando di coltivare. Quindi, indipendentemente da quanto possa essere piacevole o gratificante il comportamento in esame, se lo giudichi come non suscettibile di contribuire al tuo sentirsi bene con te stesso, sei costretto a respingerlo.

violino Questo potrebbe significare dire "no" a qualsiasi numero di comportamenti che siano divertenti ma in grado di offrire solo soddisfazione immediata (portando a rimpianti in seguito). O potrebbe significare dire "no" al tipo di richieste ingiuste o sfrattive che hai accettato in passato perché (se sei stato un gradito pubblico) hai sentito di non osare declinare. O potrebbe implicare dire "sì" ad affrontare sfide che prima la tua ansia, o fastidiose paure di rigetto o fallimento, ti costringevano a rifiutare, anche se affrontare simili sfide poteva essere inestimabile nell'aiutarti ad andare oltre i limiti irrazionali o il sé – credenze limitanti.

Quando superi la tua riluttanza a fare qualcosa che fa bene a te – nonostante inizialmente non sia incline a farlo, o abbia paura di farlo – quello che noterai è che con ogni azione positiva presa in considerazione, ti sentirai meglio su di te. Ogni volta che riesci a fare qualcosa che giudichi utile, o ogni volta che trionfi sulla tua resistenza per affrontare un problema o un conflitto (piuttosto che prendere la linea di minor resistenza ed evitarlo) – sarai in grado di crogiolarti nei tuoi coraggio nuovo ritrovato, la tua volontà di correre i rischi necessari e il tuo prendere il sopravvento su paure antiche sull'inadeguatezza, la disapprovazione, il ripudio o la sconfitta.

Frequentemente, ricorriamo a cose che ci fanno sentire bene come un modo per sfuggire a ciò che si sente minaccioso. Il modo in cui "affrontiamo" le sfide è dedicare il nostro tempo e le nostre energie a non affrontarle. Noi procrastiniamo, ci pieghiamo i pollici, o altrimenti ci distogliamo dal lavoro a portata di mano, perché (per quanto fuori consapevolezza) è scoraggiante per noi.

Se vogliamo finalmente superare queste barriere interne e elevare il modo in cui vediamo noi stessi, dobbiamo semplicemente decidere di scegliere i nostri comportamenti sulla base di come – non immediatamente ma alla fine – è probabile che ci facciano sentire. E, francamente, essere onesti con noi stessi in questo modo richiede una notevole disciplina e forza d'animo. Ma offre anche notevoli premi. Ogni volta che possiamo rifiutare a noi stessi l'opzione di prendere la via più facile e fare ciò che – in fondo – riconosciamo come meglio per noi, possiamo sperimentare una fiducia, apprezzamento e simpatia per noi stessi che superano di gran lunga qualsiasi "massimo" che potremmo derivare da concentrandosi principalmente sul sentirsi bene in questo momento .

Quindi, per esempio, se ci mettiamo a contattare qualcuno – diciamo, per massimizzare le possibilità che un progetto su cui stiamo lavorando avrà successo – allora (anche se potremmo aver provato una tremenda resistenza nel fare una tale chiamata) siamo probabilmente a sentirsi meglio con noi stessi in seguito. Ed è fondamentale notare che questo dovrebbe essere vero – merita di essere vero – indipendentemente da come l'altra persona risponde a noi. Siamo riusciti a farci fare ciò che avevamo deciso di fare, e l'innata lodevolezza del nostro sforzo (cioè, fare la chiamata difficile) in realtà non deve essere influenzata dalla reazione dell'altra persona. Poiché abbiamo deciso in anticipo che la chiamata era necessaria, possiamo affermare in modo autoaffermativo che l'atto stesso di renderlo rappresenta un trionfo personale. Cioè, indipendentemente dal risultato (che potrebbe anche essere al di fuori del nostro controllo), ci siamo guadagnati il ​​diritto di vedere il nostro comportamento, la nostra prendere l'iniziativa, come un successo.

Prendere l'abitudine di scegliere di fare qualsiasi cosa ci aiuti a crescere ed espanderci, oltre a decidere contro comportamenti che alla fine ci tengono bloccati, praticamente garantisce che saremo sulla strada giusta per sentirci meglio e meglio di noi stessi. Assicura che nel tempo saremo in grado di dire addio alle vecchie paure – quelle ansie nervose e apprensioni che potrebbero aver governato troppe delle nostre azioni in passato. E prendere congedo da questi ultimi comportamenti autolesionistici ci consentirà, infine, di sentirci costantemente bene con noi stessi. Ciò consentirà un senso di benessere che, dopo tutto, è o dovrebbe essere il nostro diritto di nascita.

Nota: come indicato dal sottotitolo, la prima parte di questo post riguarda "Sentirsi bene, ma non necessariamente riguardo noi stessi".

E, infine, vorrei invitare i lettori a seguirmi su Twitter. (Ma devo confessare che non faccio tweet su quello che sto facendo, ma che cosa – psicologicamente – sto pensando. Http://twitter.com/drlee1)

Solutions Collecting From Web of "Sentirsi bene-Vs. Feeling Good About Ourselves (Parte 2)"