Sentire voci: cosa sta succedendo nel cervello degli schizofrenici

Ti sei mai chiesto perché non puoi solleticarti? Il problema è che il tuo cervello sa sempre dove stanno andando le tue dita prima che arrivino davvero. Quindi se solletichi il tuo ventre il tuo cervello pensa che non stia succedendo niente di strano o di sorprendente. Tuttavia, se qualcun altro solletica la tua pancia usando gli stessi movimenti e la stessa pressione, inizierai a ridere. La ragione per cui il solletico funziona solo quando gli altri sono coinvolti è dovuto al modo in cui il cervello è cablato. Quando decidi di muovere le dita, inizi una serie di contrazioni e rilassamenti muscolari che consentono alla tua mano di raggiungere e toccare qualcosa. Durante questo movimento, il tuo cervello ha bisogno di sapere dove si trovano la tua mano e il tuo braccio in relazione al resto del tuo corpo in modo da non esagerare e perdere l'oggetto che stai cercando di toccare. Pertanto, il senso del movimento, dai sistemi sensoriali della pelle e dei muscoli, fornisce al cervello informazioni vitali durante il movimento per assicurarsi che tutto avvenga nella giusta sequenza al momento giusto. Quindi, non puoi solleticarti perché non puoi mai sorprendere il tuo cervello.

La stessa cosa è vera con la parola. Mentre ti senti parlare, puoi regolare il tono e il pattern del tuo discorso in modo che corrisponda a ciò che il tuo cervello intende dire. Si introduce più volume se la stanza è rumorosa; tu metti l'accento su certe sillabe per trasmettere le tue emozioni; a volte potresti cambiare il modo in cui una parola viene espressa in risposta alle reazioni della persona con cui stai parlando. Questa complessa elaborazione avviene molto rapidamente grazie alle connessioni che si sono formate all'interno del tuo cervello ancor prima che tu nascessi. Mentre ascolti le parole che stai dicendo risuonano nelle tue orecchie, una cosa è certa; sai che è la tua voce. E se tu non lo sapessi? E se il tuo cervello generasse parole nella tua mente e tu le sentissi ma non le riconosci come tue parole? Questa condizione, un'allucinazione uditiva, è spesso una delle molte esperienze di sintomi invalidanti da parte delle persone con diagnosi di schizofrenia.

Scienziati nei Paesi Bassi hanno recentemente studiato come le allucinazioni uditive potrebbero essere prodotte dal cervello di questi pazienti. La prima cosa da sapere sull'udito è che è per lo più elaborato all'interno del lobo temporale del cervello. Questa parte del tuo cervello si trova appena dentro le orecchie. Gli scienziati hanno scoperto che alcune regioni del lobo temporale sinistro erano più attive durante un'allucinazione uditiva, rispetto a quando il paziente non era allucinato. Essenzialmente, il cervello dei pazienti allucinati si comportava come se stessero vivendo un'esperienza "reale" uditiva. I loro cervelli stavano generando "voci o suoni" e stavano "ascoltando" i suoni allo stesso tempo! In qualche modo i pazienti non hanno mai stabilito che stavano sentendo la propria voce. I pazienti credevano che le voci provenissero da qualcun altro.

Per capire come ciò accade, confronta producendo e ascoltando la tua stessa voce producendo e sentendo il tuo solletico. In circostanze normali, vanno sempre insieme – mai nessuna sorpresa. Il tuo cervello dice sempre a se stesso cosa sta per sperimentare. Nel cervello delle persone con schizofrenia questo processo sembra funzionare male. Gli scienziati hanno concluso che i segnali cerebrali provenienti dalle regioni del cervello che generano la parola non si preoccupavano di dire alle regioni uditive che il pensiero imminente era in realtà autogenerato. Se la parte uditiva del cervello non si aspetta di sentire la propria voce, allora tutte le voci che vengono ascoltate DEVONO appartenere a qualcun altro.

Il vero problema, per le major della psicologia nel pubblico, che è stato scoperto, era un errore anatomico all'interno del fascio di fibre che collega le aree generatrici di discorso nel lobo frontale con la corteccia uditiva nel lobo temporale-parietale. In sostanza, se non sai con certezza che stai parlando, allora assumerai che le voci ti stiano parlando. Tristemente, e talvolta tragicamente, a causa della paranoia di fondo che anche questi pazienti sperimentano, le voci istruiscono i pazienti a svolgere compiti spiacevoli.

© Gary L. Wenk, Ph.D. Autore di Your Brain on Food (Oxford University Press, 2010)

Solutions Collecting From Web of "Sentire voci: cosa sta succedendo nel cervello degli schizofrenici"