Sentire le voci significa che sto diventando pazzo?

Una recente ricerca rivela che le allucinazioni sono molto più comuni di quanto sapessimo.

“Cosa ti porta dentro?”

Questa è la domanda con cui generalmente conduco quando incontro un nuovo paziente. Di solito ho una precedente valutazione della salute mentale che posso consultare, ma raramente nelle parole del paziente. Preferisco di gran lunga ascoltare la storia da loro per avere un’idea di come provano il loro disagio mentale e gli obiettivi che hanno (che possono differire da quelli che ho in mente). Penso che la domanda sia abbastanza banale, quindi sono rimasto sorpreso quando Sam, un uomo di 20 anni, ha iniziato a piangere.

Geralt/Pixabay

Fonte: Geralt / Pixabay

“Penso di avere la schizofrenia“, mi disse. Ho lavorato con diversi pazienti affetti da schizofrenia, e anche se la malattia ha preso un corso diverso con ciascuno di loro, i loro sintomi negativi di solito sono una delle prime cose che noto. La schizofrenia ha sintomi sia “positivi” che “negativi”. I sintomi positivi sono quelli che più si associano alla malattia: allucinazioni e delusioni. Sono chiamati positivi perché sono “aggiunti” alla personalità della persona. I sintomi negativi sono tutto ciò che porta via da ciò che era una persona, privandoli degli affetti emotivi, dell’energia e spesso anche del tono della voce. Sam non mostrava alcun sintomo del genere, quindi ho chiesto perché pensava di avere a che fare con la schizofrenia.

“Perché ho sentito queste voci e mi sento come se fossi sempre osservato”, mi ha detto tra le lacrime. Avevo visto la storia del trauma di Sam, ed era estesa. Per la maggior parte della sua infanzia era stato abusato sessualmente da una zia che viveva con loro, e la violenza tra i suoi genitori non era rara. Gentilmente, ho detto a Sam che non dovevamo parlare di tutto questo oggi, ma quei sintomi di essere osservati o seguiti, e anche a volte sentire voci negative, potrebbero anche essere spiegati dal disturbo da stress post-traumatico. Potrei dire che non mi credeva davvero, ma sembrava piuttosto confortato.

Sam non è solo; la maggior parte dei pazienti con cui ho iniziato a sperimentare allucinazioni mi dicono che temono di impazzire. Sia la ricerca che la mia pratica hanno dimostrato che le allucinazioni sono molto più comuni di quanto pensassimo, e la sola presenza di allucinazioni non merita una diagnosi di psicosi. Uno studio del 2015 della Harvard Medical School ha rilevato che il 5% della popolazione generale, compresi quelli senza una grave malattia mentale, sperimenta allucinazioni ad un certo punto della loro vita. La maggior parte delle persone che ho visto che sono in lutto per una persona cara li ha visti o sentito la loro voce dopo che sono morti, e questi pazienti non hanno mai avuto sintomi psicotici prima e di solito non lo fanno più. Mentre sono stigmatizzati nella nostra cultura, le allucinazioni non sono viste allo stesso modo in tutto il mondo e in effetti sono una parte importante delle credenze religiose o spirituali di alcune persone.

Il neurologo Oliver Sacks ha catalogato i numerosi motivi per cui le persone possono provare allucinazioni in un libro eccellente, semplicemente intitolato Allucinazioni . La sindrome di Charles Bonnet può far sì che ciechi e ipovedenti vedano cose che non ci sono. La mancanza di stimolazione sensoriale può far scatenare il cervello. Il morbo di Parkinson, la narcolessia, alcune forme di demenza e l’epilessia, tra gli altri, possono causare allucinazioni in assenza di problemi di salute mentale.

A causa del profondo stigma che circonda le allucinazioni, c’è ancora molto che non sappiamo ancora. La scienza ci ha fornito profondi progressi nella comprensione delle allucinazioni negli ultimi decenni, eppure molti sentono ancora come se le allucinazioni fossero un fallimento morale piuttosto che un casuale sparo neurologico del cervello.

Secondo Oliver Sacks, “molte culture considerano le allucinazioni, come i sogni, uno stato di coscienza speciale privilegiato, che è attivamente ricercato attraverso pratiche spirituali, meditazione, droghe o solitudine. Ma nella moderna cultura occidentale, le allucinazioni sono spesso considerate un presagio di pazzia o qualcosa di terribile che accade al cervello, anche se la stragrande maggioranza delle allucinazioni non ha implicazioni così oscure. “Le allucinazioni di Sam sono un aspettato, anche se triste risultato delle sue precedenti esperienze, ma anche se non lo fossero, non segnalerebbero necessariamente l’insorgere di una grave malattia mentale. Speriamo che la società in generale possa raggiungere la scienza per ridurre lo stigma che circonda coloro che vivono il mondo in modo diverso.

Riferimenti

McGrath JJ, Saha S, Al-Hamzawi A, et al. Esperienze psicotiche nella popolazione generale: un’analisi transnazionale basata su 31 261 intervistati di 18 paesi. JAMA Psychiatry . 2015; 72 (7): 697-705.

Sacks, O. (2012). Allucinazioni. New York, NY: Random House.

  • Avere l'ansia elettorale? Non sei solo!
  • Aiutare gli eroi e proiettare i turisti nei disastri
  • Non farti infettare i tuoi sentimenti
  • Lo stile di attaccamento influisce sul nostro interesse per il sesso?
  • The Women's March On Washington, The Attachment Theory & My Mom
  • Biscotti, latte e buste d'azione: un racconto prudente
  • Commozione cerebrale - Ancora fatica a funzionare?
  • Thomas Szasz: una valutazione
  • Radical Sabbatical
  • STOP Hatred and Indifference! .. #ICARE
  • Come le società moderne violano lo sviluppo umano
  • I tuoi cari "Out of Sight, Out of Mind"?
  • Disturbi alimentari negli uomini. Sì, negli uomini.
  • Grazie, Philip Roth
  • Una meditazione sulla meditazione
  • L'illusione della meritocrazia e la cultura del diritto
  • The Casey Anthony Trial and Family Dynamics
  • Popping The Happiness Bubble: The Backlash Against Positive Psychology (Parte 2)
  • Come un libro mi ha aiutato a riprendermi il cervello
  • Assalto sessuale al campus
  • Non è facile essere cresciuti
  • Tradurre il trauma: interpretare la lingua straniera in terapia
  • Manette a 8 anni
  • The Perfect Storm: perché le riprese scolastiche stanno aumentando
  • Cani stupendi, allegati e legami
  • Perché non puoi vedere qualcosa proprio di fronte a te
  • STOP Hatred and Indifference! .. #ICARE
  • Jennifer Maria Padron su Peer Support e Peer Services
  • Riapertura del trauma di gruppo: Governatore McDonnell e Confederate History Month
  • A volte la pallacanestro è più che pallacanestro: la psicoanalisi segna uno schianto!
  • Il Sud sale di nuovo
  • Una chiamata post-kavanaugh alle armi per adulti per aiutare gli adolescenti
  • Penso, quindi morirò
  • Cosa è successo al colloquio e al colloquio? La perdita della sessualità romantica
  • Quindi vuoi scrivere / modificare un libro di arteterapia
  • Sensibilità emotiva e il cervello in BPD