Sensibilità inimmaginabili, parte 8

Il racconto del ricercatore di delfini Denise Herzing di un branco che la sua squadra aveva familiarità con la recitazione stranamente nello stesso momento in cui un cadavere è stato trovato sulla sua barca – qualcosa che né lei né il suo equipaggio conoscevano all'epoca ma forse i cetacei, in qualche modo, . (Safina, pp. 363-4) Non è esagerato considerare questo rapporto allo stesso modo in cui consideriamo le straordinarie capacità di elaborazione delle informazioni di altri animali. Questo include i pipistrelli che vivono in oggetti lontani in completa oscurità, elefanti (come abbiamo osservato) che comunicano tra loro tramite vibrazioni sotterranee a bassa frequenza e uccelli che migrano stagionalmente a distanze precise in posizioni precise.

Il defunto autore Guy Murchie attirò l'attenzione su questo argomento e identificò 32 sensi discreti posseduti da creature viventi che egli divise in cinque categorie principali. (Murchie, pp. 178-80) Uno di questi ha definito i sensi di radiazione, che includono la vista (cioè la sensibilità degli occhi alla luce visibile) ma anche una sensibilità alle radiazioni diverse dalla luce visibile, un senso di temperatura e una sensibilità alla corrente elettrica e al magnetismo. Riguardo a quest'ultimo, si è scoperto che così tante specie diverse possiedono un senso elettromagnetico che, come suggerisce un osservatore, sarebbe più sorprendente scoprire che gli esseri umani non hanno uno straccio di questa sensibilità che scoprire che lo facciamo. (Robin Baker, come citato da Bauer, p.130) Chiaramente, però, altri animali lo hanno in picche. Il mio suggerimento è che, al di là dei 5 sensi provati e veri che noi umani diamo per scontati, alcune delle capacità sensoriali che sono più altamente sviluppate in altre creature possono essere intimamente connesse alla salute, al pericolo e all'emozione in generale.

Abbiamo già visto come gli elefanti reagiscono alla morte dei loro compagni – anche a 90 miglia di distanza. (Safina, pagina 92) Più vicino a casa, alcuni cani sono in grado di anticipare quando una persona sta per subire un attacco. Sia che facciano questo attraverso il loro odore notevolmente acuto, la loro attenzione ai segnali corporei dell'individuo, una combinazione di questi o qualche altro modo, non è ancora nota. (Grandin e Johnson, pagina 288) Altri cani sono stati in grado di "annusare" il cancro in un paziente prima della diagnosi medica. (Weintraub e Micozzi, pp. 115-124) E in uno dei casi più notevoli mai registrati, un gatto di nome Oscar che vive nell'unità di demenza avanzata di una casa di riposo a Providence, nel Rhode Island, ha giustamente "predetto" il passaggio di circa 50 pazienti (a partire da gennaio 2011) scegliendo di rannicchiarsi con loro nelle loro ultime ore. Il curriculum di Oscar è più accurato dei professionisti addestrati che lavorano lì. Oscar non è un gatto particolarmente amichevole, quindi il suo mentire accanto a un paziente per ore alla volta è fuori dal personaggio. Ma "non fa troppi errori" e il suo caso è stato pubblicato nel prestigioso New England Journal of Medicine . (Dosa, pp. 328-32)

Nessuno sa come Oscar scelga i pazienti con cui fare compagnia. È possibile che raccolga profumi rivelatori (una sostanza chimica rilasciata poco prima della morte, per esempio), nota come alcuni pazienti stiano diventando, leggendo qualcosa nel comportamento dello staff medico, o tutto quanto sopra.

Ciò che potrebbe essere molto rilevante qui è la stretta connessione tra odore ed emozione nel cervello dei mammiferi. Solo due sinapsi separano il lobo olfattivo dall'amigdala, una parte del cervello critica alla percezione del sentimento. Questo è il motivo per cui, in noi umani, i ricordi che sono venati di odori portano un "wallop" più grande dei ricordi innescati dagli altri nostri sensi. (Watson, pp. 180-81) Marcel Proust ha fornito un'illustrazione duratura della relazione tra odore, memoria e sensazione quando ha creato un aroma centrale nei ricordi d'infanzia del suo narratore nel romanzo Au Recherche du Temps Perdu (Riflettendo sui tempi Passato). Questa connessione tra sentimenti e odori si manifesta in modo più intenso nell'esperienza che alcune persone (in particolare le donne) hanno quando sembrano odorare la colonia, il tonico per i capelli o il dopobarba di un marito o di un padre defunto. (Moody e Perry, pp. 137-8). Intrigante, alcune posizioni presumibilmente infestate hanno anche odori pungenti.

Solutions Collecting From Web of "Sensibilità inimmaginabili, parte 8"