Sensazione di insicurezza vs. empatia

Lori Freeland@Crosswalk.com
Fonte: Lori Freeland@Crosswalk.com

Un amico mi ha detto che una cosa strana gli è successo la settimana scorsa. Stava correndo verso il supermercato locale prima di chiudere per scambiare alcune fragole che aveva acquistato in precedenza, ha ottenuto l'OK dalla persona del servizio clienti, una donna di mezza età, e mentre stava andando via, lei lo guardò e chiese: "Che cosa fai pensa a questo accordo con l'Iran? "

Fu colto alla sprovvista, esitò e disse: "Non lo so, ma immagino che un cattivo affare sia meglio di nessun accordo." Sembrò preoccupata, acciambellò le labbra e rispose "Ma sono così cattive! ”

Ha sparato a destra, "ma non è tutti", e ha continuato andando per la sua strada. Mentre guardava indietro, la tensione sul suo viso era sparita. Sospirò e disse, "Immagino che tu abbia ragione."

Quando tornò alla sua auto, non poteva credere a quello che era appena successo. Ha chiesto perché l'ha scelto? Sì, era sembrata preoccupata, stanca e stressata. Ma perché ha lasciato andare tutto e girare così velocemente? Dubitava che lei sentisse di essere malvagia come aveva creduto agli iraniani. Francamente, disse, non aveva una risposta. Ma concluse che in qualche modo si sentiva sollevata dal non dover credere che alcune persone, per natura, sono intrinsecamente malvagie, come se fossero nel loro DNA.

Ho detto che doveva essersi sentita insicura. "Ma non sono tutti", ha risposto. Abbiamo entrambi riso. Ha poi aggiunto: "La maggior parte dei problemi di salute mentale non sono solo una parte della natura umana, un effetto collaterale di imperfezioni umane e insicurezze?"

Ho risposto che è una domanda profonda, poiché ruota intorno all'essenza del nostro essere: siamo noi stessi selvaggi di guerra o innatamente pacifici e cooperativi? Rousseau pensava che fossimo innati nobili, da qui il termine nobili selvaggi. Altri credevano fossero selvaggi innaturalmente assetati di sangue e inclini a uccidere gli altri per il brivido di esso. Può essere discusso da entrambi i punti di vista. Mi chino verso Rousseau poiché l'umanità non sarebbe potuta sopravvivere senza un elemento di cooperazione innata, come sembra che gli altri mammiferi posseggano.

Detto questo, ho continuato, c'è una componente della competizione aggressiva tra i mammiferi, come il clacson di bloccaggio per vedere chi riesce ad accoppiarsi con la femmina. Ma quando non sono nella stagione degli amori, sono i loro migliori amici. Vedo anche l'aggressione tra le tribù preistoriche come ampiamente competitiva sui territori. Ma allo stesso tempo molti uomini di tribù trattavano singoli estranei come ospiti e accolgono a letto con le loro mogli.

"Sì," rispose il mio amico, "ma che ne dici di cosa sta succedendo nel mondo oggi?"

Sì, devo ammettere che i nostri sentimenti di insicurezza possono portare a ogni tipo di comportamento aggressivo verso gli altri. Allora, ho chiesto retoricamente, la malattia mentale è innata o un effetto collaterale di imperfezioni umane e insicurezze? Tendo ad ammettere che l'aggressività umana è in gran parte dovuta alle insicurezze umane, eppure siamo anche imperfetti quando si tratta di rinnovamento cellulare, con i suoi geni aberranti e comportamenti disfunzionali. Sì, alla fine, si può sostenere che le insicurezze umane sono alla base di ciò che chiamiamo malattia mentale, il tipo curabile che è.

La mia amica ha risposto: "Perché gli uomini vanno in giro a fare il macho con tanta insicurezza. Perché gli americani vogliono dominare il mondo, sia economicamente che militarmente, insicurezza. Perché l'ISIS decapita coloro che hanno credenze religiose diverse: l'insicurezza. Perché andiamo fino ai confini della terra, ora anche nello spazio esterno, cercando il significato esistenziale-insicurezza ".

Ha continuato, "Da parte mia, stiamo tutti cercando sicurezza, anche nella morte. Siamo insicuri perché ci rifiutiamo di assumerci la responsabilità personale per noi stessi. Vogliamo essere curati dai nostri genitori, dallo stato, dalla chiesa e così via. Inoltre, siamo inclini a punire gli altri che mostrano libertà di pensiero e comportamenti che non sono conformi ai nostri. Questo è ciò che considero essere una malattia mentale. "

"Quello che dici potrebbe essere vero", risposi. "Ma la domanda è se sia o non curabile? Non lo so davvero, ma lo spero. Se no, le probabilità sono, prima della fine di questo secolo, finiremo per distruggere il pianeta e noi stessi. Penso che il modo migliore per imparare a vivere con le nostre insicurezze sia quello di entrare in empatia con i nostri nemici percepiti come un'estensione di noi stessi dato che siamo stati esposti, in un modo o nell'altro, a simili auto-giustizia, simili ingiustizie istituzionali e simili ipocrisie “.

Cosa intendi con "empatia con"? "Bene," risposi, "penso che la donna al servizio dei clienti, che era così sconvolta per l'accordo con l'Iran, eppure in grado di riacquistare la pace della mente girando per una frazione di secondo e vedendo il mondo attraverso gli occhi del percepito avversari di cui era stata tanto agitata. "

"Sì," il mio amico sorrise e rispose, "Immagino che tu abbia ragione."

*

Questo blog è stato co-pubblicato online con PsychResilience.com