Selfitis: notizie false o malattie mentali?

Un nuovo studio afferma che l’assunzione di selfie potrebbe essere patologica.

Le vacanze invernali sono dietro l’angolo e stiamo già immaginando quali saranno le nostre cene in famiglia e le uscite dei resort sciistici attraverso gli ultimi filtri di Instagram, o quanti like e follower potremmo guadagnare durante la pausa. Nel frattempo, nel Regno Unito, un nuovo studio sull’impulso compulsivo di prendere selfie sembra dare un peso scientifico a un nuovo fenomeno chiamato selfitis , che inizialmente era stato segnalato come una burla che da allora è diventata virale.

faking news

Fonte: fa finta

Riferendo sullo studio di Janarthanan Balakrishna e Mark Griffiths pubblicato sull’International Journal of Mental Health and Addiction , la stampa è pronta a nutrire gli attuali panici morali sulle epidemie del narcisismo e la bassa fiducia in se stessi nella gioventù di oggi. Ma cosa dicono in realtà gli scienziati?

È importante considerare che gli studi scientifici riportati sulla stampa sono spesso semplificati in alcuni punti decontestualizzati, che il pubblico ricorderà in un modo ancora più semplificato. Dopo tutto, sono le voglie della mente umana a fornire informazioni semplici e meme, più che una cospirazione dei Big Media, che ci rende così vulnerabili alle notizie false.

Pochi tra noi hanno il tempo e le competenze per leggere in dettaglio gli studi scientifici e mettono in dubbio la validità dei costrutti e delle metodologie utilizzate dai ricercatori per fare affermazioni. Prima di chiedere se lo studio sull’autotismo è valido, allora, diamo un’occhiata a ciò che ha trovato.

Sei articoli sulla scala dell’autoitis

Mentre la stampa si è concentrata in gran parte sulla bassa autostima come fattore predittivo di presa di selfie, i ricercatori hanno identificato sei fattori che, in ordine di importanza, guidano l’impulso a condividere autoritratti sui social media. Il primo è quello che definiscono Miglioramento dell’Ambiente , legato all’idea che prendere un selfie ci aiuterà a conservare un ricordo migliore di un’esperienza. Segue la competizione sociale , o l’urgenza di apparire migliori di altri, seguita da ricerca di attenzione , modifica dell’umore , desiderio di migliorare la fiducia in se stessi e la conformità soggettiva . Bassa fiducia in se stessi, quindi, è stata segnalata come il secondo fattore meno importante dai 400 partecipanti dello studio, che erano tutti studenti universitari a Madurai, in India – un paese scelto come sito principale dello studio per vantare il più alto utilizzo di Facebook al mondo e numeri più alti di incidenti e morti legati ai selfie.

Lo studio è valido?

Mentre i risultati degli autori sono statisticamente validi, presentare i selfie come una malattia mentale che ha come obiettivo solo determinati individui è miope. Piuttosto, la pratica dovrebbe essere intesa come un fenomeno sociale relativo al nostro tempo. I selfie dovrebbero anche essere compresi alla luce dei meccanismi cognitivi e compulsivi radicati nell’evoluzione umana. La propensione al comportamento modellato che dà origine a norme culturali, significato, standard di comportamento e routine quotidiane ci rende unicamente inclini alle dipendenze, ma alcune esperienze sono più avvincenti di altre. Grasso e zucchero, ad esempio, sono preziose fonti di energia rare e difficili da ottenere nell’ambiente in cui ci siamo evoluti. Abbiamo sviluppato voglie speciali per queste sostanze, che le rendono straordinariamente difficili da resistere nei mondi moderni dell’abbondanza. Le attuali epidemie di obesità, diabete e malattie cardiache possono essere in gran parte attribuite a queste voglie evolute. Quindi se i selfie e i social media sono grassi e zuccheri, perché sono così avvincenti?

Dovremmo ricordare che, come esseri umani, siamo una specie fondamentalmente sociale. La competizione sociale non è semplicemente il desiderio di essere migliori degli altri, ma di confrontarci con gli altri. È attraverso il confronto sociale che ricaviamo una guida per il comportamento, ma anche il significato, gli obiettivi e un senso di sé. Il confronto sociale dà origine anche a meccanismi e rituali per l’autocontrollo . La vita sociale, in altre parole, offre la necessaria spinta per essere vista, monitorata, valutata e giudicata dagli altri e, a sua volta, per guardare, monitorare e giudicare gli altri secondo gli standard della nostra cultura.

Il “problema” con i social media e la cultura dei selfie, quindi, è semplicemente una questione di scala e di qualità dell’esperienza. Quando gli esseri umani interagiscono online attraverso l’astrazione delle immagini, l’illusione di velocità e iper-connessione viene superata da una sensazione disincarnata priva di altre ricompense sensoriali. Questo ci fa desiderare di più, non meno “connessioni” e convalide da parte degli altri, che a sua volta produce compulsioni che corrono in overdrive. Ricapitolare, quindi, prendere e condividere i selfie non è un comportamento raro, patologico ed egoista come fondamentalmente una, attività sociale prodotta per e in relazione agli altri .

La questione del sesso e del genere

I risultati dello studio riportati dall’India potrebbero non essere facilmente applicabili a tutte le culture. È interessante notare che nel campione indiano, gli uomini sembravano condividere i selfie più frequentemente rispetto al genere (il 57,5% contro il 42% dei partecipanti). Studi recenti da contesti occidentali sembrano indicare che le donne (ruoli di genere sociale) sono molto più inclini a prendere e condividere selfie rispetto agli uomini. Ma esaminando le prove interculturali, gli psicologi hanno anche scoperto che, in media, le femmine (sesso biologico) si comportano più in alto dei maschi nell’intelligenza sociale e nel comportamento pro-sociale, il che sembrerebbe renderle più vulnerabili alla dipendenza dai social media. Le donne (ruoli di genere sociale) nel campione indiano dallo studio sull’autotismo hanno riferito di aver speso tanto tempo quanto gli uomini sui social media, ma hanno condiviso meno selfie. In India, le norme sociali che impongono normative specifiche sul comportamento delle donne nella sfera pubblica possono quindi riflettersi in comportamenti legati ai selfie. Qualunque sia la causa, questa interessante scoperta sostiene la mia principale argomentazione sul comportamento umano online: Internet è uno spazio sociale che non è immune alle caratteristiche universali della psicologia umana e alle aspettative specifiche delle nostre culture.

Prima di puntare il dito contro pochi individui o comportamenti specifici che sembrano anormali, dovremmo ricordare le storie di grassi e zuccheri ed esaminare come la nostra psicologia evoluta, in relazione ai tempi e alle norme culturali, ci rende più inclini a qualche costrizione di altri.

Solutions Collecting From Web of "Selfitis: notizie false o malattie mentali?"