Self-Sabotage e Your Outer Child (Pt 4 di 5)

Scream and Shout/Flickr
Fonte: Scream e Shout / Flickr

Il tuo bambino interiore , o bambino dentro , è un termine popolare nel cosiddetto "campo di recupero" (recupero, cioè, dall'essere cresciuto in una famiglia disfunzionale). Questa frase generica si riferisce tipicamente a quella parte ferita di te che è rimasta indietro – il frammento di sé trascurato o abusato che, sebbene tu non possa sentire la sua voce ovattata, continua a chiedere riconoscimento, comprensione e sostegno. In una parola, per il nutrimento che non ha mai ricevuto. È spaventato e solo, e si sente debole, vulnerabile e abbandonato.

Ma che ne dici di cosa, non convenzionalmente, potrebbe essere definito come il tuo bambino esterno , o bambino senza ? Queste sono designazioni destinate a descrivere il segmento di sé che nel qui-e-ora può "recitare" – irragionevolmente e illogicamente – bisogni e desideri passati. O sentimenti potenti che prima non potevano mai essere espressi (per non dire risolti). In realtà, tutti i comportamenti di "acting out" sono ideati per ridurre le tensioni o le ansie del giorno dopo dando sfogo non monitorato a pensieri, sentimenti, desideri e bisogni.

Sfortunatamente, tuttavia, un rilascio potenzialmente sano è alla discrezione discutibile del tuo bambino esterno. E questa è la parte impulsiva, incurante, incensurata di te che è capace di esprimersi con poca o nessuna considerazione per le possibili conseguenze. Quindi, quando il tuo bambino esterno si manifesta spiacevolmente, può farlo in modi che ti portano in tutti i tipi di problemi e genera una varietà di problemi spinosi. Problemi che servono solo a peggiorare le cose e ad aumentare le tue frustrazioni. Dopo tutto, è la parte più indiscriminata e indisciplinata di voi: indisciplinati, esigenti, auto-indulgenti e sfrenati.

Sotto la sua influenza ribelle, sei seriamente a rischio di cedere a dipendenze immediatamente gratificanti; andare in rabbia insensata (possibilmente diretta verso coloro a cui tieni di più); ritardare – e persino abbandonare – i progetti che richiedono la tua auto-disciplina e perseveranza; e così via, e così via. In questi momenti, la tua impetuosa parte infantile prende letteralmente il tuo sé adulto e agisce di sua spontanea volontà, anticipando o annullando il modo in cui tu, l'adulto, preferiresti comportarti. Anche quando conosci molto bene ciò che è nel tuo miglior interesse, se rimani ignaro di questo bambino esterno può emergere dal nulla e diventare il tuo sabotatore, sottomettendo volontariamente i tuoi interessi al suo.

In precedenza, ho pubblicato un post in due parti intitolato "Feeling Good-Vs. "Sentirsi bene con noi stessi", che suggeriva che quando agiamo, auto-indulgentemente, per sentirci meglio in questo momento, alla fine non ci sentiamo meglio ma peggio di noi stessi . E il problema con il permettere involontariamente al tuo bambino esterno di trionfare sul tuo miglior giudizio è che, per una gratificazione immediata, finirai per sacrificare ciò che in realtà è molto più soddisfacente e significativo per te.

Inutile dire che è cruciale che il tuo bambino – o emotivo – sia governato (anche se non schiacciato) dal tuo sé adulto più razionale. Perché quando i sentimenti e gli impulsi sono autorizzati a svolgere il ruolo di protagonista nel tuo dramma della vita, rischi di prendere decisioni che sono malamente considerate o appena considerate. E tale imprudenza può compromettere il tuo benessere, indebolire le tue relazioni chiave e alla fine compromettere il tuo rispetto personale. Il tuo "bambino interiore" ha bisogno di essere ascoltato e curato – e questo è in realtà ciò che l' auto-nutrimento è tutto (vedi, per inciso, un mio post più vecchio su questo argomento). Al contrario, tuttavia, il tuo "bambino esterno" deve essere regolato, controllato e sottomesso. Come già suggerito, permettere ai tuoi impulsi di regnare liberamente può portare a ripercussioni che potresti rimpiangere in seguito. Ripercussioni che nella tua recitazione (o reazione) troppo frettolosamente, semplicemente non potresti riconoscere, tanto meno valutare.

Questo è il motivo per cui quando ti senti fortemente interessato a qualcosa, è saggio fare un passo indietro e chiediti se puoi permetterti di agire su questo sentimento. È probabile che tu abbia appena premuto un pulsante o che la tua immaginazione scappi con te. O che ti senti sconvolto-straordinariamente arrabbiato, spaventato o depresso. Questi sono tutti stati emotivi in ​​cui il tuo giudizio migliore e più logico potrebbe non essere più disponibile, quindi devi fare tutto ciò che è in tuo potere per ristabilire l'equilibrio. Sia che organizziate una sessione spontanea di yoga o Qigong, fate jogging in giro per il blocco, o intraprendete una sessione di autoipnosi, meditazione, visualizzazione o immaginazione guidata, è essenziale riuscire a calmare le vostre emozioni. Ricorda, il ragionamento emotivo del bambino può mascherarsi come razionale, ma da una prospettiva adulta non è altro che.

Differenti punti di vista (anche se complementari) sull'auto-sabotaggio

Vari autori hanno scritto sul tema controverso dei comportamenti autolesionisti. E molti di loro alludono specificamente alla loro emanazione dalla parte infantile, impulsiva di noi stessi – quella parte incapace, o non voluta, di vedere oltre il momento presente. Come ho più volte sottolineato, la logica del bambino (cioè la "logica" della gratificazione immediata o "Se ci si sente bene, fallo!") Diventa l' illogico dell'adulto. Qui, ho spazio per discutere solo tre di questi scritti. Tuttavia, la mia copertura altamente selettiva dovrebbe essere suggestiva.

Your Own Worst Enemy: Understanding the Paradox of Self-Defeating Behavior (1993) di Steven Berglas e Roy F. Baumeister sostiene che ci sono più spiegazioni sul perché gli individui si sabotano da soli. Questi racconti spaziano dal calcolo errato dei rischi futuri, alle sensazioni irrazionali di invincibilità, al soffocamento sotto pressione, all'auto-handicap, alla vendetta eccessivamente onerosa (o pirronica). In genere, tali individui non sono destinati a distruggersi ma piuttosto a cercare di:

• salvarsi dai successi che temono di non poter sostenere (cfr. La credenza negativa dell'infanzia, "fallirò", menzionata nella Parte 3);
• prevenire l'umiliazione pubblica (vedi lo stesso elenco "Sono spregevole");
• rettificare i torti dell'infanzia; o semplicemente
• massimizzare il piacere, anche se in modi non udenti o altrimenti fuorvianti.

Esempi che includono Berglas e Baumeister includono: donne maltrattate che tornano regolarmente ai loro partner violenti; atleti, i cui corpi sono assolutamente essenziali per il loro successo, abusando di droghe e alcool; imprenditori che assumono rischi illogici e rovinosi quando si sono già assicurati la loro fortuna; e politici ed evangelisti che si impegnano in comportamenti scandalosi che garantiscono virtualmente la loro caduta. Per non parlare, naturalmente, di gente più popolare che (ben consapevole dei pericoli) guida senza cinture di sicurezza, indulge in relazioni extraconiugali e, contro gli ordini del dottore, mangia dolci zuccherati che esacerbano i nostri problemi colesterolo.

Dopo aver iniziato a lavorare su questo post, ho scoperto il lavoro della psicoterapeuta, Susan Anderson, più specificamente il suo libro Taming Your Outer Child: Un programma rivoluzionario per superare i modelli di autodifesa (2011). Molto prima, avevo digitato su Google la frase "bambino senza" (contro "bambino dentro") e non ricevevo citazioni, portandomi provvisoriamente a concludere che la mia designazione fosse stata nuova come avevo sperato. Ma quando, molto più recentemente, ho ri-cercato l'argomento, questa volta utilizzando il titolo alternativo, "figlio esterno", sono stato immediatamente indirizzato al lavoro pionieristico di Anderson, che in realtà si era evoluto da oltre un decennio. (Così tanto, quindi, per la mia originalità!)

Anche se sviluppati molto più a lungo, i punti di vista di Anderson sono estremamente simili ai miei. Il materiale qui riportato dovrebbe suggerire alcune delle sue idee chiave:

• "Il bambino esterno è un concetto generale [di auto-sabotaggio] che comprende meccanismi di difesa, tratti caratteriali, reazioni istintive, abitudini e compulsioni, tutti i tuoi modelli comportamentali disadattivi."
• "Considerando che il bambino interiore è tutto basato sui sentimenti, il bambino esterno riguarda esclusivamente il comportamento".
• "Il bambino esterno è la parte egoista, ostinata, impulsiva, egocentrica di tutti noi".
• "Outer vuole ciò che Outer vuole ORA e ti sovrascrive, l'adulto, nel farlo."

• "Outer Child è il" Chuckie "nascosto della personalità. Anche le persone più belle che conosciamo possono comportarsi come un bambino di otto anni con un completo disturbo della condotta (forse non in pubblico) quando si sentono rifiutati, licenziati, abbandonati. "
• "Il bambino esterno nasce dall'abbandono irrisolto. Distrugge le tue relazioni quando mette in atto la paura primordiale dell'abbandono del tuo bambino interiore ".
• "Quando il tuo sé adulto e il tuo bambino interiore sono fuori allineamento, il bambino esterno guadagna potere e fa fuori i tuoi bisogni e sentimenti trascurati, come vuole, al diavolo i tuoi obiettivi. In conclusione: se la tua testa e il tuo cuore restano scollegati, puoi aspettarti che Outer Child diventi sempre più incoraggiato ad entrare nella tua vita. "
• "L'antidoto è creare un legame interno più profondo [e più amorevole] [cioè, tra il tuo bambino interiore e adulto]".

Sul suo sito web Outer Child, Anderson presenta una lista di controllo Outer Child con non meno di 60 elementi per aiutarti a determinare quanti tratti simili (e / o quelli vicini a te) possono incarnare. E l'autore sottolinea che tutti riflettono il "pensiero illogico" del bambino esterno (anche se io lo definirei "logicamente illogico" in quanto così tanti di questi comportamenti sono inventati – abbastanza razionalmente – dal bambino per proteggere il suo fragile ego ). Ho scelto solo alcune di queste caratteristiche negative per dimostrare quanto palesemente irrazionale – almeno da una prospettiva adulta a più lungo termine – queste tendenze possono essere:

• "Ai bambini non piace fare cose che fanno bene a te. Outer preferirebbe fare qualcosa che ti rendesse grasso, rotto o incinta ".
• "Il bambino esterno ama nutrire la sua fame emotiva [enfasi aggiunta] con cose come lo shopping, il sesso, lo zucchero che alla fine ti rende solo più affamato".
• "Outer proietta i suoi difetti sul tuo compagno. Allo stesso modo sui tuoi figli. "
• "Il bambino esterno si diverte a interpretare la vittima, cioè quando non gioca il martire".
• "Outer Child ha un chip sulla sua spalla, che maschera come assertività. . . . [Esso] sviluppa una "tude" per tenere a bada le persone. Sta cercando di proteggere i sentimenti di solitudine e vulnerabilità del bambino interiore [e, ancora una volta, ecco la logica autodifesa del bambino]. "
• "Il bambino esterno è altamente basato sul principio: obbedisce scrupolosamente al principio del piacere [!]".

Nel complesso, il ritratto poco lusinghiero che emerge dalle varie descrizioni di Anderson sono di quella parte di voi che pensa e parla in modo assoluto; non si assumerà la responsabilità per i suoi comportamenti; reagisce difensivamente; è impaziente, impulsivo, autoindulgente e ipocrita; è ignaro delle (o addirittura avventate) conseguenze delle sue azioni; e non è disposto a rispettare i diritti o ad accettare i punti di vista degli altri. In definitiva, può essere visto come il nemico più acuto di te: il tuo sé essenziale, più adulto, che include i tuoi obiettivi, i tuoi ideali e le tue aspirazioni. Anzi, il vero cuore e l'anima di voi (contro, cioè, il vostro sé indisciplinato, egocentrico, persino "brusco").

E a proposito di "brattish", il libro finale sul figlio esterno che menzionerò è di Pauline Wallin e in realtà reca il titolo Taming Your Inner Brat: Una guida per trasformare il comportamento di autodifesa (2004). Simile a Anderson, Wallin esplora le radici della prima infanzia di questo cosiddetto sé brufato. Ma guarda anche alle condizioni sociali e culturali negli Stati Uniti che forniscono i motivi di riproduzione di tale riprovevole egocentrismo, ostinazione e sentimenti di diritto. Avendo la propria enfasi, ma sovrapponendosi con la tesi e le caratterizzazioni di Anderson, questo lavoro considera sfortunatamente il tuo "marmocchio interno" come imbronciato, imbronciato, antagonista, irascibile e incolpare gli altri ogni volta che non riesce a farsi strada.

Infine, sono in realtà tutte le inclinazioni infantili e narcisistiche infantili di tutti noi che costringono questo comportamento egoista, che a sua volta porta alla nostra autodistruzione. Piuttosto meno simpatico di questi sfortunati resti infantili di quanto lo sia Anderson, Wallin si concentra su tali disonorevoli forze interne come fondamentalmente costituendo un "bambino viziato", chiedendo che i suoi bisogni e desideri siano immediatamente assistiti, senza considerare se la persona che li ospita possa essere disturbato, ferito o danneggiato nel processo.

Sia che preferiate vedere questo aspetto di voi stessi come il vostro "figlio esterno" o "moccioso interiore", Wallin e Anderson fanno entrambe le cose nel descrivere il modo migliore per "domarlo". Suggerirei quindi a tutti coloro che si relazionano troppo facilmente alle loro numerose caratterizzazioni per cogliere l'opportunità di approfondire ulteriormente il loro lavoro.

NOTA: per fornire un contesto più ampio per la comprensione di questo post in 5 parti sull '"illogico logico" della psico-logica, dovrei notare che la Parte 1 si concentra sull'illogico logico dei sogni, mentre la Parte 2 si concentra sulla logica curiosamente intrigante che sta dietro auto-sabotaggio. La terza parte ha quindi approfondito l'effettiva "programmazione" di tale comportamento autolesionistico; e la parte attuale ha spiegato l'autosabotaggio come espressione del tuo "figlio esterno". Infine, la sezione conclusiva – Parte 5 – affronterà l'auto-sabotaggio in quanto riflette (abbastanza "logicamente") atti di aggressione passiva verso il sé .

© 2011 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Invito i lettori a unirsi a me su Facebook e a seguirmi, e i miei meandri in qualche modo non ortodossi, su Twitter. Inoltre, se vuoi dare un'occhiata ad altri post che ho fatto per Psychology Today , clicca su questo link.

Solutions Collecting From Web of "Self-Sabotage e Your Outer Child (Pt 4 di 5)"