Self-Reg e Holiday Stress: ripristinare l'equilibrio

http://7te.org/5982915/christmas-movie-jingle-all-the-way.html
Fonte: http://7te.org/5982915/christmas-movie-jingle-all-the-way.html

Sospetto piuttosto che la foto sopra sia così iconica che tutti riconosceranno immediatamente il film da cui proviene. Ma anche se ce ne sono alcuni che non lo fanno, sono sicuro che avranno ancora ragione. Perché in un modo o nell'altro, abbiamo tutti sperimentato una versione della frenesia delle vacanze così vividamente catturata qui.

Nel 2006, la società di sondaggi GQR ha pubblicato un'analisi dettagliata di "Holiday Stress" [Holiday Stress]. La loro grande scoperta è stata molto simile a quanto ti aspetteresti: una grande percentuale (38%) riferisce che il loro stress aumenta durante le vacanze, per tutte le ovvie ragioni: troppo da fare; eccesso di spesa; preoccuparsi della commercializzazione del Natale; le pressioni del dare e ricevere regali; faida con i familiari; mangiare e bere troppo. Ma ciò che colpisce di più dello studio è il numero di casi che segnalano una diminuzione del loro stress (8%) o nessun cambiamento (54%).

In una certa misura, ciò che abbiamo qui è semplicemente un esempio del precetto di base del Self-Reg: Devi essere calmo per godere di essere calmo . Se siamo troppo stressati per andare in vacanza, è probabile che siamo troppo stressati a venire fuori. Ma se ci pensate, il risultato del GQR è ancora un po 'sorprendente; dopo tutto, le vacanze dovrebbero permettersi un grande tuffo nello stress.

Questo sembra essere stato il punto centrale delle antiche feste del solstizio d'inverno. Questi hanno avuto luogo quando è freddo e buio e la terra è sterile e dura. Queste condizioni sono difficili per le menti e i corpi umani. Da qui l'enfasi sulla luce intensa e la celebrazione della natura – che, con la nostra tipica efficienza moderna, combiniamo stringendo le lampadine attorno ad un albero di Natale. È proprio perché la troviamo energizzante che decoriamo le nostre case con archi di luci luminose e colorate (anche se questo sta diventando una sorta di competizione in questi giorni, che annulla i benefici della riduzione dello stress).

Il punto è che le feste invernali costituivano una rottura rispetto alle dure esigenze dell'esistenza quotidiana. Ma era molto più che una tregua: era un'esperienza condivisa che doveva servire a uno scopo più alto: nutrire i bisogni spirituali e psicologici del gruppo. Ottieni il giusto equilibrio e ci sentiamo rivitalizzati e pronti ad affrontare un nuovo anno con ottimismo e vigore. Questo è esattamente ciò che la neuroscienza ci sta dicendo: che l'altruismo e l'armonia sociale sono tanto importanti quanto il riposo e il rilassamento per il benessere [Il cervello altruistico]. E poi i romani presero il sopravvento.

I romani erano un po 'troppo entusiasti della parte "festiva" delle loro feste. Saturnalia, Natalis Invicti e gennaio Kalends divennero una scusa per una settimana di dissolutezza. Luciano, un satirico del secondo secolo, si lamentava del fatto che: "Il serio è vietato; nessuna impresa permessa. Bere e ubriacarsi, rumore e giochi e dadi, nomina di re e banchettare schiavi, cantare nudi, battere le mani tremanti. "Libano, scrivendo nel quarto secolo, descrisse come" L'impulso di spendere coglie tutti. Colui che per tutto l'anno ha avuto piacere nel salvare e accumulare il suo penny, diventa improvvisamente stravagante. …. Il festival di Kalends bandisce tutto ciò che è collegato alla fatica e consente agli uomini di concedersi un divertimento indisturbato ".

Qui abbiamo pensato che il problema oggi fosse semplicemente dovuto a tutto il clamore e al materialismo dilagante. Questo è senza dubbio un elemento significativo nello stress che sentiamo, ma il problema va più in profondità; per i rivenditori non è tanto creare come plasmare – e, ovviamente, amplificare – il nostro impulso all'acquisto o alla baldoria (e ci sono tutti i tipi di fattori psicologici in gioco qui [Regali come segnali economici e simboli sociali]. Eddie Bernays capì: come capitalizzare i desideri nascosti [The Father of Spin]. Ma più questa mancanza di mente prende il sopravvento, più il delicato equilibrio tra beneficio prosociale e psicologico viene respinto.

Questo è più o meno dove siamo oggi: seguendo risolutamente le orme dei romani. Qualcosa di così stupido come l'abitudine di tirare i cracker di Natale è un residuo persistente di una pratica che risale al lontano festival di Kalends in tarda antichità. (La corona di carta all'interno del cracker rende omaggio alla corona che indossava il Signore del malgoverno.) Le celebrazioni moderne sono in realtà piuttosto tranquille rispetto a quanto accadeva allora, e ancor più nel Medioevo. In effetti, era perché le cose stavano diventando così fuori controllo che i Puritani intrapresero una guerra a Natale [La guerra puritana a Natale].

Fino ad oggi rimaniamo in conflitto tanto quanto le vacanze come lo erano nel 17 ° secolo. Da un lato, abbiamo a cuore i valori prosociali che gli "haligdæges" portano alla ribalta: pace, carità e benevolenza. Secondo lo studio GQR, l'aspetto più importante delle vacanze rimane l'opportunità di connettersi o riconnettersi con amici e familiari. D'altra parte, premiamo le emozioni positive generate dalle vacanze: i sentimenti di amore, felicità ed eccitazione. Ma oscillare troppo verso il lato della ricerca del piacere e sacrificare il prosociale; perché l'ultima cosa che senti quando sei sovraccaricato è pacifica, caritatevole e benevola.

La domanda che Libanio ha trovato così sconcertante è altrettanto importante per il Self-Reg: perché, dopo essere stati così disciplinati nel corso dell'anno, c'è questo improvviso impulso a spendere o mangiare troppo? La risposta sta nel fatto che l'autocontrollo è esso stesso uno stress, e più lo esercitiamo, più impoverito diventiamo [Ego Depletion]. Questo è un grande motivo per cui le vacanze rimangono un momento in cui allentiamo i vincoli: una momentanea tregua dai costi dell'autodegradazione e dell'autodisciplina. Ma allentare troppo e c'è un prezzo da pagare.

Per fare un esempio fin troppo noto, la persona media guadagna tra i 3 ei 5 chili durante le vacanze, e ci vogliono circa 4 mesi per perdere quel peso in più. Ma allora, forse è davvero positivo nel lungo periodo? Cioè, forse uno degli effetti salutari di un periodo di auto-indulgenza è che questo serve come promemoria dei benefici a lungo termine dell'esercizio dell'autocontrollo (che è il punto di ritardo degli studi di gratificazione). Da qui l'usanza delle risoluzioni di Capodanno, che, ancora una volta, possono essere fatte risalire al festival dei Kalends di gennaio dei romani.

Ma allora, perché sono così sollevati quando le vacanze sono finite, se non lottando con qualcosa di più cupo (come è dimostrato dal forte aumento dei disordini interiorizzanti subito dopo le vacanze)? Perché la gratificazione immediata seguita da una gratificazione ancora più immediata ci lascia frazzati piuttosto che ricaricati? Irritabile piuttosto che morbido?

La risposta sta negli effetti dell'eccitazione limbica a spirale. Mentre l'eccitazione aumenta le cadute di inibizione e le impulsività salgono: cerchiamo il prossimo stimolo, che si tratti di cibo, bevande o una festa rumorosa e rumorosa. Troppa parte di questo e affondiamo in profondità in bassa energia e alta tensione. In questo stato, il tempo trascorso con la famiglia inizia a sentirsi chiuso dentro un barattolo da stress. Prima che tu lo sai, stai gridando ai tuoi figli e loro si stanno urlando l'un l'altro.

Così molti degli stress fisici, emotivi, cognitivi, sociali e prosociali che identifichiamo nel Self-Reg sono tutti presenti nelle vacanze, rimbalzando e intensificandosi a vicenda. Ogni stress da solo può essere positivo, anche rinvigorente; ma uniscili tutti insieme e puoi ritrovarti presto coinvolto in un ciclo di stress in cui gli stress positivi diventano effettivamente negativi.

Prendi il dominio fisico. Tutto il frastuono, il rumore, la folla e le luci brillanti possono, nell'umore giusto, essere esilaranti; ma preso in eccesso o quando ti senti troppo stressato e inizia a diventare avversivo. Lo stesso con i regali. Potrebbe sembrare che non ti preoccupi di cosa comprare, ma dare regali è neurobiologicamente e non solo gratificante dal punto di vista emotivo [The Science Behind the Power of Giving]. Anche la neurobiologia entra in gioco dal lato ricevente, sebbene non in modo così positivo. Nel momento in cui l'effetto oppiaceo svanisce, c'è un improvviso picco di cortisolo (per compensare l'energia che è stata spesa), motivo per cui la frenesia di strappare regali aperti nella mattina di Natale spesso finisce in lacrime. Purtroppo, il comportamento stressante dei bambini lascia i genitori preda del messaggio di marketing secondo cui le fusioni possono essere evitate comprando qualcosa di ultra-costoso, o, come è raffigurato in quella scena alla festa di compleanno di Dudley in Harry Potter e la Pietra filosofale , accumulando i regali.

Gli stress cognitivi abbondano. Dobbiamo tenere traccia di tutte le commissioni che dobbiamo completare; prendere decisioni difficili di acquisto o di cucina; ricorda le simpatie e le antipatie di tutti. Ciò che è particolarmente interessante è il modo in cui gli stress cognitivi normalmente positivi diventano negativi a causa dell'aumento dell'eccitazione. Ricordo che mia figlia ha rotto un Natale mentre cercava di mettere insieme un modello Lego. Di solito questo era il suo modo preferito di autoregolarsi; e, in effetti, pochi giorni dopo l'ho vista costruire con calma la modella. Ma nel momento culminante del suo eccitamento del giorno di Natale, non fu in grado di elaborare le istruzioni e divenne così frustrata da scagliare i pezzi in uno scoppio di rabbia.

Lo stress che prolifera nel dominio sociale è particolarmente importante. La sovra-stimolazione porta al tipo di labilità emotiva associata a un disturbo come l'ADHD (prima che il DSM-III fosse la labilità emotiva e non i problemi di attenzione che rappresentavano il sintomo principale associato all'ADHD). Le oscillazioni emotive irregolari rappresentano un ostacolo particolarmente difficile alla coregolamentazione. Diventa più difficile leggere o monitorare l'impatto dei propri comportamenti sugli altri. È più difficile tollerare idee o opinioni contrarie o tenere i tuoi pensieri a te stesso.

Lo stress accresciuto nel dominio sociale è particolarmente importante per il momento presente nel tempo; perché stiamo andando in vacanza con livelli insolitamente elevati di stress comune. Il problema è che noi umani siamo benedetti con un cervello sub-corticale paleo-mammiferi che rende difficile rimanere coesi quando siamo troppo stressati. Diventiamo altamente polarizzati nel nostro modo di pensare. Trattiamo seriamente le espressioni limbiche l' una dell'altra. Diventiamo ipersensibili ai toni della voce, espressioni facciali, gesti, linguaggio del corpo. Siamo facilmente inciampati in lotta o fuga.

Ma ora più che mai abbiamo bisogno di trovare la pace, e dobbiamo farlo insieme, non in modo solitario. Questo, ovviamente, è l'intero punto delle vacanze. Il nostro bisogno di armonia sociale non è solo emotivo, ma neurobiologico. Dobbiamo disattivare il nostro allarme collettivo per sentirci al sicuro: solo allora saremo in grado di reclutare le nostre straordinarie cortecce prefrontali per affrontare insieme le sfide scoraggianti che ci attendono. Ma anche se la solidarietà sociale è la linfa vitale della nostra specie, non è affatto scontata: specialmente quando siamo troppo stressati!

Potrebbe non essere nient'altro che una nota a piè di pagina, ma ricorda che Libanio stava scrivendo proprio nel momento in cui l'Impero Romano d'Occidente stava crollando. Eppure le traiettorie inquietanti, sia personali che storiche, possono sempre essere cambiate. Il punto di partenza è praticare il Self-Reg. Dobbiamo riconoscere i segni dell'escalation limbica limbica: in noi stessi tanto quanto nella nostra famiglia e nei nostri amici. Identificare e ridurre i fattori di stress. Trova la calma in noi stessi e l'uno nell'altro. Trasforma le vacanze in ciò che possono e devono essere: un momento di rinnovamento spirituale e psicologico. Una possibilità per ripristinare l'equilibrio nelle nostre vite.

Solutions Collecting From Web of "Self-Reg e Holiday Stress: ripristinare l'equilibrio"