Self-Perdono: tre Controversie

Alcune persone esitano a perdonare se stessi quando sentono queste obiezioni ad esso.

 Maryna Kriuchenko | Dreamstime

Fonte: Maryna Kriuchenko | Tempo di sognare

Molte persone con cui parlo mi dicono che l’auto-perdono è vitale per loro. In altre parole, hanno innalzato il loro standard morale, si sono offesi e ora hanno bisogno di andare avanti senza colpa. Altre persone mi dicono che l’auto-perdono è un’illusione, che il perdono deve essere diretto verso le altre persone che hanno offeso. Coloro che si oppongono all’idea di auto-perdono, mi dicono che si può alleviare la colpevolezza attraverso la confessione del male e cercare il perdono da coloro che hanno offeso quando i loro standard morali sono stati risolti.

Pertanto, abbiamo una scissione nella decisione se l’auto-perdono sia buono o addirittura appropriato. Vorrei soffermarmi su tre comuni critiche di auto-perdono per aiutarvi a decidere: l’auto-perdono è una risposta appropriata o un’illusione da evitare o persino un pericolo per il sé? Prendiamo ciascuno dei tre a sua volta, iniziando con una delle obiezioni più comuni.

KuanShu Deisgns

Fonte: KuanShu Deisgns

1. L’ auto-perdono è impossibile perché l’autore-perdonatore diventa sia il giudice che l’imputato nel decidere l’ingiustizia. Questa è un’impossibilità logica perché, in un tribunale, non si prendono mai entrambi i ruoli. Quindi, questa conoscenza rende l’auto-perdono incoerente. Il falso assunto qui è che l’auto-perdono è analogo a ciò che accade in un tribunale. Eppure, questo è un falso assunto. L’auto-perdono non è nel contesto della giurisprudenza, ma è invece nel regno della connessione interpersonale e intrapersonale. È nel regno della misericordia, dell’accoglienza, del protendersi, e non nel regno dei registri e delle condanne giudiziarie. Pertanto, l’obiezione si basa su una falsa analogia. L’auto-perdono rimane un’azione percorribile quando una persona ha bisogno di un sollievo interiore dagli standard morali infranti.

2. L’ auto-perdono potrebbe non essere logicamente impossibile, ma non è pratico perché le persone non hanno chiare prospettive quando sono emotivamente ferite. In altre parole, l’auto-perditore manca del senso di ciò che deve essere fatto per rendere le cose giuste con se stessi e con gli altri, che potrebbero essere stati offesi dalle azioni. Non sto negando che può essere difficile per una persona, in senso oggettivo, accertare l’esatto grado di errore e l’esatto grado di danno emotivo inflitto agli altri e al sé. Eppure, non è anche questo il caso – la lotta per vedere chiaramente – quando due persone, che potrebbero essere entrambe ferite internamente, decidono come risolvere una questione di ingiustizia tra loro? Le persone arrabbiate, per esempio, possono chiedere più di quanto sia ragionevole. Le persone che vengono picchiate dalle aggressioni altrui possono chiedere molto meno di ciò che è ragionevole. Tuttavia, due persone possono discutere, discernere e infine concordare un equo compenso o un modo equo per andare avanti. Perché, allora, non concedere questo stesso imperfetto processo e soluzione per l’auto-perdono? L’auto-perdonatore può essere imperfetto nella valutazione delle infrazioni esatte, ma è diverso da due persone che prendono una tale decisione? Anche se dici “sì”, allora l’autoreferente non può chiedere consiglio agli altri con la domanda: sono troppo severo con me stesso? Mi sto lasciando fuori dai guai? Sembra che con il tempo, la riflessione interiore e la discussione con gli altri fidati, un autoreferente possa vedere qual è il problema, la profondità del dolore verso se stessi e gli altri, e la via d’uscita da questo per entrambe le persone. L’imperfezione in questo processo non invalida l’auto-perdono.

Ahidden | Dreamstime

Fonte: Ahidden | Tempo di sognare

3. Poiché l’auto-perdono è auto-focalizzato, troppo facilmente può degenerare in auto-preoccupazione narcisistica. Sono d’accordo che l’auto-perdono, se fatto eccessivamente, potrebbe degenerare in narcisismo. Eppure, non è questo il caso di tutto ciò che riguarda il sé? Ad esempio, la cura di sé è importante, ma cosa succede se una persona trascorre 15 ore al giorno in auto-cura? L’attenzione alla propria salute è importante, ma cosa succede se una persona diventa ossessionata dalla salute e trascorre 18 ore al giorno a prendere integratori alimentari, ad allenarsi e, in generale, a prendersi cura di sé piuttosto che lavorare o interagire con gli altri? Il mio punto è questo: gli esempi sono quelli di una mancanza di temperanza o di equilibrio. Il problema non è la cura di sé stessa o l’attenzione alla propria salute. Invece, il problema sta nel superarlo. Non è lo stesso con l’auto-perdono? Una certa attenzione all’auto-perdono può essere buona in quanto riduce la colpa e dà al sé l’importante seconda opportunità. Tuttavia, un’eccessiva concentrazione sull’auto-perdono, la forma intemperante, è ciò che può indurre il narcisismo.

Self-perdono? Finora, con le tre obiezioni di cui sopra, offrire il perdono al sé sembra essere ancora vivo e vegeto. Come ultimo punto, l’auto-perdono non dovrebbe mai essere un focus esclusivo sul sé, ma anche un contatto con coloro che potrebbero essere stati danneggiati dalle azioni che richiedono auto-perdono.

Solutions Collecting From Web of "Self-Perdono: tre Controversie"