Sei un “Super genitore”?

Qui ci sono 5 segni che potresti provare a fare più del dovuto.

Quando accolgo un nuovo bambino o un bambino nella tua famiglia, ci può essere una certa quantità di pressione autoinflitta per avere tutto a posto. Sia che tu stia dando il benvenuto a un neonato in famiglia o a un figlio maggiore, potresti avere grandi aspettative riguardo alla transizione, cura e alimentazione di questo nuovo membro della famiglia che si basano su una fantasia che hai creato o “gli arrivi idilliaci” che gli amici promuovono sui loro account di social media delle proprie famiglie in espansione.

Pur fornendo un nuovo membro della famiglia con la cura adeguata e l’alimentazione è essenziale e un requisito di base, ci sono 5 segni che sei caduto nella trappola “Super genitore” e potrebbe dover ricalibrare le tue aspettative sul tuo comportamento:

  1. Sentimenti di colpa per aver bisogno di un’ora o due di distanza da tuo figlio.
  2. Dare la colpa a te stesso e credere che tu manchi bene al genitore quando piange il tuo bambino.
  3. Temendo che qualsiasi decisione che prendi riguardo alle cure del tuo bambino (allattamento al seno, co-sleeping, pannolini contro i pannolini usa e getta e così via) avrà conseguenze negative e permanenti sullo sviluppo del tuo bambino.
  4. Essere sopraffatti dalla necessità di “misurarsi” con le aspettative non realistiche che hai impostato per te stesso.
  5. Credendo che non importa quanto tu cerchi di bilanciare la tua vita familiare, sociale e professionale, non riuscirai mai a “farlo bene”.

Quando una madre partorisce in Cina, sua madre e sua suocera possono piombare e fornire assistenza strumentale alla nuova madre secondo l’usanza tradizionale di “fare il mese”. Durante questo periodo, le sue attività, la dieta e lo stato emotivo sono tutti al centro della regolamentazione con l’obiettivo di aiutare la madre e il bambino a iniziare bene. Viaggiando un po ‘più in giro per il mondo, c’è una pratica un po’ simile seguita in Giappone. Chiamato il parto satogaero, la pratica comporta il ritorno della nuova madre e del figlio nella casa dei suoi genitori. Qui, sua madre cura i bisogni della nuova madre e trasmette le abilità della cura del bambino. Nei paesi occidentali, il tempo che circondava il periodo di lavoro e di consegna veniva definito storicamente “periodo di riposo” e tradizionalmente è stato un momento in cui la madre è limitata a ben oltre il riposo a letto e rimane isolata con il suo neonato dal mondo esterno.

Sfortunatamente, la transitorietà geografica odierna spesso pone le coppie in attesa lontano dalla rete familiare estesa di sostegno. Con i nuovi genitori che devono capire come prendersi cura del proprio neonato senza generazione più anziana e più esperta in giro per offrire supporto e incoraggiamento, saltare in paternità può presentare una ricchezza di dubbi, paure e ansie. E le ansie possono indurre i genitori a sentirsi incompetenti nella loro capacità di prendersi cura del proprio bambino mentre cercano di gestire le loro vite fuori e dentro la casa partendo dal presupposto che nessun genitore di successo avrebbe mai dubitato delle proprie capacità genitoriali.

Molti di noi hanno difficoltà a riconoscere la vastità dei cambiamenti che le nostre vite subiranno con la nascita di un bambino. Potrebbe essere un po ‘più semplice se hai mai fatto da baby-sitter a un bambino per un fine settimana o se ti prendi cura dei fratelli più piccoli. Questo può darti un’idea delle sfide in questione, ma nulla è esattamente come essere spinto nel ruolo di genitore e rendersi conto che questa nuova vita è totalmente una tua responsabilità.

Sta per essere travolgente, non importa quale, ma quando viviamo in un mondo in cui i genitori sono praticamente incoraggiati ad insegnare ai loro neonati come preparare o mantenere il loro bambino dall’obesità regolando l’alimentazione o il vasino addestrare il loro bambino in un giorno, il le opportunità di fallimento sembrano moltiplicarsi.

La cosa più importante da fare se ti senti “non abbastanza bravo” è capire che cosa è “abbastanza buono”. Quindi, prendi le tue aspettative di un grado o due. C’è una regola sull’imballaggio di una valigia per una vacanza: impacchetta tutto ciò che pensi di voler prendere, quindi estrai metà di ciò che avevi incluso. Questo sarà “sufficiente” per il viaggio.

Quindi, pensando a tutte le cose che vuoi fare bene per tuo figlio: il giusto programma di alimentazione, la giusta dose di stimolazione, la giusta dose di affetto, la cura giusta per il giorno, la scuola materna, i distretti scolastici, la squadra sportiva, la musica lezioni, attività doposcuola, opportunità di servizio, tutoraggio, corso di preparazione SAT, università, scuola medica, opzioni di borsa, strategie di investimento e così via ….

Questi ultimi articoli sono così esagerati, ma è quello che potrebbero pensare alcuni nuovi genitori – continuano ad ampliare gli obblighi che sentono di avere per il loro bambino e ad essere così presi da ciò che dovrebbero fare o potrebbero è necessario che un giorno facciano in modo che dimentichino che tutto ciò di cui hanno bisogno oggi è nutrire, vestire e prendersi cura del loro bambino.

La sindrome di Super Parent è guidata da una società che trascorre troppo tempo concentrandosi su produzione e output, piuttosto che input e qualità del prodotto. Le neomamme hanno un disperato bisogno di sentirsi convalidate nel loro nuovo ruolo, ma quando guardano attorno a siti di social media o notizie, vedono madri che catturano e commemorano i loro “momenti Kodak” che sono brevi e fugaci. Vediamo video del primo sorriso, la prima risata e il primo passo. Nessuno pubblica un video dell’incantesimo di pianoforte di 3 ore con esperienza di 2 mesi!

Anche noi cadiamo nella trappola di pensare che tutti possano essere sopra la media. Ciò riguarda i neo-genitori in termini di monitoraggio milestone dello sviluppo. Sfortunatamente, c’è un bambino che si troverà nel 5 ° percentile di qualcosa – e quando un nuovo genitore incolpa se stesso per il ritmo di sviluppo assolutamente normale del loro bambino, può essere portato rapidamente in “Sono un fallimento perché il mio il bambino è una mentalità media. I nuovi genitori devono riconoscere che il loro bambino è sicuramente straordinario per loro, ma non deve essere altro che “ordinario” fuori dalla casa.

Come mitigare la tua sofferenza in 4 semplici passi

  1. Accetta che la follia che un nuovo bambino porta in una casa sia totalmente “normale” ed è del tutto normale soffrire per la paura paralizzante che potresti non essere in grado di soddisfare quelle che sembrano essere le esigenze assolutamente schiaccianti di un nuovo bambino. Lo stress di prendersi cura di un neonato non ha precedenti per la maggior parte delle coppie ed è normale sentirsi come se stessimo affogando, all’inizio.
  2. Ricorda che la tua priorità numero uno si concentra sul qui-e-ora, non sul cosa-se e su cosa-poi. I bambini felici si verificano quando i genitori sono attenti, soddisfano i bisogni di base e si collegano emotivamente con il loro bambino.
  3. Ricorda a te stesso che la maggior parte delle “scelte” sono proprio questo: “scelte”, non “mandati”. Lavoro, non lavoro, attività di arricchimento infantile o passeggiate pomeridiane nel passeggino, nel seno o nella bottiglia. Queste sono tutte decisioni altamente individuali e personali. Rafforzare con i genitori che le loro scelte sono le scelte giuste per la loro famiglia è utile. Ogni puzzle genitoriale avrà una soluzione unica per la famiglia.
  4. Infine, ricorda che nessun bambino può sfuggire all’infanzia senza un assaggio di una genitorialità non perfetta. Ognuno farà una scelta che in seguito potrebbe desiderare di non avere. Potrebbe essere uno spreco di soldi per un prodotto per bambini ben pubblicizzato che non è migliore della versione generica o che desiderano aver trascorso solo una settimana in più per un congedo di maternità. Parenting è pieno di opportunità per farlo bene o perdere un po ‘il marchio. E ogni genitore mancherà il marchio ogni tanto. Questo è assolutamente normale.

Alcune cose semplicemente non sono “grandi” cose: superatevi!

Ciò che conta di più non è cercare di impressionare i tuoi vicini, i tuoi colleghi di lavoro o i tuoi amici di Facebook; ciò che conta di più è essere lì per il tuo bambino il meglio che puoi ogni volta che puoi e costruire un legame duraturo con il tuo bambino – ed essere in grado di accettare che nessun genitore è perfetto, sebbene tu sia totalmente il genitore perfetto per tuo figlio.

Riferimenti

Holroyd, E., Lopez, V., e Chan, SW (2011). Negoziare “fare il mese”: uno studio etnografico che esamina le pratiche postnatali di due generazioni di donne cinesi. Scienze infermieristiche e sanitarie, 13 , 47-52.

Leung, SSK, Arthur, D., & Martinson, IM (2005). Stress percepito e supporto del rituale post-partum cinese “fare il mese”. Health Care for Women International, 26 , 212-224.

Kobayashi, Y. (2010). Assistenza ricevuta dalle madri delle partorienti durante ‘satogaeri’ (la loro visita perinatale e soggiorno con i genitori) e sviluppo della relazione madre-bambino e identità materna. Journal of Japan Academy of Midwifery, 1 , 28-39.

Solutions Collecting From Web of "Sei un “Super genitore”?"