Sei un Schlepper o uno Schlepee?

Pixabay
Fonte: Pixabay

In questo blog, continuo un dialogo con un collega israeliano, Ayellet Vider-Cohen, che abbiamo iniziato il mese scorso sulla natura delle relazioni impegnate.

Cara Ayellet:

Ho pensato molto al nostro interscambio il mese scorso mentre osservavo uomini e donne, sia nella mia vita privata che nella mia pratica privata. La nostra discussione mi ha sensibilizzato a cose uniche per ogni genere. Ho visto quante volte è difficile per una donna dire direttamente ciò che vuole, la tenuità con cui propone i suoi desideri se pensa che possano entrare in conflitto con quello del suo partner. Ho visto come chiaramente un uomo lotta – non solo per entrare in empatia con un altro, come suggerito – ma anche per immedesimarsi con se stesso, per avere sufficiente compassione per il suo mondo interiore per dare ai suoi sentimenti la possibilità di emergere e di essere nominato.

La domanda che voglio sollevare oggi è che cosa fai quando i coniugi sembrano avere appetiti diversi per la crescita e l'esplorazione? Ho un insegnante che descrive questa dinamica come un " schlepper " e un " schleppee " – il che significa che una parte sta costantemente cercando di indurre l'altra parte nella crescita e nello sviluppo, attraverso la terapia, i seminari, i libri di autoaiuto o conversazioni animate. Tipicamente – ma non sempre – è la donna che è la schlepper e l'uomo che è la schleppee . Come fai a lasciare lo schleppee in questa situazione, in modo che (s) abbia un posto al tavolo relazionale?

Caro Josh:

Ho anche continuato a pensare alla nostra corrispondenza. Mi sono ritrovato ancora e ancora a cercare di capire cosa spinga le donne a investire così tanta energia nel creare o almeno a cercare di creare armonia intorno a se stesse, e quanto spesso sono deluse quando non riescono in quello che di solito è un compito impossibile. Perché il mondo nel complesso non è armonioso, ma pieno di conflitti e bisogni in collisione.

Penso che questo sia collegato a ciò di cui stai parlando: la tendenza a investire in workshop e terapie deriva dal desiderio di cambiamento, dal desiderio di migliorare lo spazio relazionale. Quando una coppia entra in terapia, cerco di capire quali dinamiche li hanno portati lì: chi ha iniziato? In effetti, di solito è la donna che inizia e coordina e l'uomo arriva con un segno invisibile che recita "Sono qui per mia moglie".

Questo non è un buon punto di partenza per la terapia perché deve esserci una motivazione interna e un forte desiderio di cambiamento. La posizione " schleppee " non consente il lavoro reale. In queste circostanze cerco di trovare una scintilla interna di motivazione nel " schleppee ". Cosa lo ferisce? Il dolore è il fulcro su cui possiamo sfruttare il cambiamento e quando arrivo alla fonte del dolore so di aver raggiunto una potente fonte di energia. La schlepee che descrivi ha molte potenziali mine terrestri dentro di lui e ci sono molti terapeuti che si sviano allineandosi con lo " schlepper" e quindi perdendo il partner, che si sentirà come un estraneo o uno studente speciale, facendolo sentire difensivo o agire in modo aggressivo. Ci sono terapeuti che si allineano con la schlepee , mostrando grande empatia e vedendo lo schlepper come rigido e controllante, o cercheranno di arruolare lo schlepper per aiutarli a lavorare con la schleppee .

by author
Ayellet Vider-Cohen
Fonte: per autore

Per evitare queste trappole mi piace lavorare con i concetti e gli esempi del mondo professionale di Schleppee e inizialmente stare lontano dalla discussione diretta della relazione. Speriamo che entrambe le parti abbiano sperimentato il successo professionalmente o con hobby, quindi mi piace usare queste esperienze per illustrare aspetti della loro relazione. Se la donna è un chirurgo, userò degli esempi dalla sala operatoria. Se l'uomo ama le immersioni, userò degli esempi da sott'acqua. Sto cercando di creare uno spazio comune in cui entrambe le parti si sentano al sicuro, uno spazio in cui la discrepanza nella motivazione che hanno portato con sé alla terapia viene neutralizzata.

Penso che questo sia un buon modo per modellare il rispetto e l'apprezzamento per i talenti e le abilità che ognuno porta in tavola. Penso che sia più facile raggiungere i punti di vulnerabilità quando le persone sentono di essere in grado di esprimere i punti di forza e i loro successi. Il pericolo qui è che è possibile essere indotti in lunghe conversazioni con gli schleppee sulle barriere coralline o sui delfini ….

Ciao Ayellet:

Che panoramica deliziosa del tuo lavoro con questa dinamica! Sono sicuro che molti terapeuti che leggeranno questo trarranno beneficio dalle tue intuizioni. Vorrei aggiungere alcuni punti per il laico – e siamo onesti qui, il laico che sta leggendo questo sarà indubbiamente il " schlepper ".

Quando il tuo coniuge ti grida o rifiuta categoricamente quando dici che vuoi che voi due parlate / andiate alla terapia di coppia / partecipate a un seminario / lezione o qualcos'altro legato alla crescita, vi consiglio di compilare il campo vuoto alla seguente frase : "La storia che sto raccontando della tua risposta è_____________."

Ecco cosa sento quando chiedo ai frustrati schlepper di completare questa frase:

"La storia che sto raccontando a me stesso è che se mi amavi davvero / mi importa di questa relazione vorrai andare e non dovrei trascinarti."

"La storia che mi sto raccontando è che sono sposato con la persona sbagliata perché quando apro i miei amici / colleghi mi capiscono immediatamente e alcuni mi dicono che dovrei lasciarti se non ti aprirai".

"La storia che sto raccontando a me stesso è che porto tutta la responsabilità della relazione e sono stufo di fare tutto il duro lavoro qui."

"La storia che sto raccontando a me stessa è che saresti felice se volessi solo stare zitto e sorridere e non porre alcuna richiesta su di te, mai. Vuoi una pianta in vaso, non una sposa. "

C'è una miniera d'oro di informazioni in ciascuno di questi, e sono sicuro che molti dei lettori che stanno leggendo questo potrebbero fornire molte più risposte. Ma ecco la cosa: è importante ricordare che questa è una storia che stai raccontando a te stesso. Che ne dici di verificare se è vero? Non intendo in uno scambio arrabbiato dove naturalmente l'altra parte negherà e difenderà. Voglio dire semplicemente dire al tuo partner: "La storia che sto raccontando della tua risposta è______________." Quando la inquadra in questo modo è facile per il tuo partner sentirti senza essere difensivo e per darti un feedback tanto necessario.

Questo è il suggerimento n. Suggerimento n. 2 – e questo non può essere sempre operativo, ma spesso è: chiediti: è questo il mio lavoro relazionale a fornire questa energia motivante? Forse il tuo partner sta contribuendo in altri modi che non apprezzi, e questa è una parte importante del tuo contributo.

Il suggerimento n. 3 è di riconoscere che in alcuni (ma non in tutti i casi) lo schleppee si sveglierà a qualcosa di importante una volta che avranno ottenuto il counseling di coppia / il workshop / la lezione. L'ho visto succedere ripetutamente.

Suggerimento n. 4: se il tuo partner rifiuta ripetutamente di accompagnarti, vai da solo o con un amico. Non essere un martire.

Mi rendo conto che non ho suggerito nulla che possa risolvere questa dinamica, ma spero che possa spostarlo il prossimo passo in avanti. Fatemi sapere cosa ne pensate.

Josh

Ayelet Cohen Wieder è psicologa clinica e ipnoterapeuta. È la fondatrice e responsabile dei servizi psicologici per la salute delle donne a Gerusalemme, insegna psicologia al college Ono Academic e scrive un blog su "Psicologia ebraica" che integra l'interpretazione psicologica nei testi biblici. Può essere raggiunta su ayellet185@gmail.com.

Solutions Collecting From Web of "Sei un Schlepper o uno Schlepee?"