Sei un bravo ragazzo, ma …

Nel film "Il Padrino" c'è una scena in cui Michael Corleone convoca suo cognato, Carlo Rizzi, per spiegare il tradimento

che ha provocato l'omicidio del fratello di Michael. Nonostante le rassicurazioni del Padrino sul contrario, è inevitabile, anche a Carlo, che non sopravviverà al giorno e poco dopo sarà ghermito mentre si reca all'aeroporto.

C'era un'aria simile di fredda inevitabilità nel modo in cui il manager dei New York Mets Willie Randolph era stato recentemente licenziato. Anche lui è stato convocato a un incontro dal capo, in questo caso Mets GM Omar Minaya, e spietatamente inviato, anche se con molto meno spargimento di sangue e finalità.

Le franchise sportive professionali sono nel business del vincere e del fare soldi e quindi la spietatezza è accettata come un attributo organizzativo necessario, specialmente quando le squadre nei mercati dei grandi media, come New York, Chicago o Los Angeles, non stanno andando bene. I Mets non stavano andando bene e Randolph fu lasciato andare.

Questo di per sé non è particolarmente degno di nota, succede sempre. Ciò che era interessante, tuttavia, era la sensazione condivisa che il carattere elevato di Randolph, piuttosto che la sua abilità, rendesse insostenibile la sua posizione. Un mese prima che Randolph venisse licenziato, il miglior scrittore di baseball, Peter Gammons, aveva detto:

"C'è una crescente critica che Randolph possa essere troppo tranquillo, troppo dignitoso, troppo sensibile alle schegge intorno a lui e che la mancanza di energia della squadra possa essere un riflesso del manager"

In questo caso e in altri la professionalità dello sport sembra dettare che l'efficacia competitiva sia valutata al di sopra di quelle qualità apparentemente "deboli" o indesiderabili come dignità, calma e sensibilità. Così si è concluso che Randolph, nonostante la sua ovvia conoscenza del baseball e la sua popolarità con i media e i fan, non è stato visto abbastanza duro nella clubhouse ed è diventato una vittima di essere troppo onesto per il suo stesso bene.

Sarebbe ingenuo pensare che gli atleti professionisti, specialmente quelli che non si comportano bene, sembrano sovraffollati o che si divertono nel narcisismo e nella petulanza, non richiedono una mano ferma e spesso rispondono meglio all'approccio duro di un "alfa" maschio "tipo leader.

Che Randolph fosse adatto o che avrebbe dovuto essere lasciato andare è discutibile, ma ciò che è chiaro è il grande divario che esiste in quei valori ritenuti importanti alla base degli sport e ai più alti livelli. Gli sport giovanili valorizzano in genere l'insegnamento delle abilità fondamentali insieme a gradi crescenti di competitività basati sull'età e sulle capacità. Gli aspetti sociali, interattivi e cooperativi delle attività sono visti come benefici per lo sviluppo e spesso vengono poste le basi del carattere sportivo. I risultati non sono la misura esclusiva del successo.

Al liceo e al college c'è indubbiamente un focus più ristretto sull'importanza dei risultati e il mantra "vincente non è tutto" comincia a diluire come orgoglio scolastico, rivalità civiche, potenziali borse di studio e la possibilità di farlo al "livello successivo" "Diventare più significativo.

Tuttavia, gli allenatori nella maggior parte delle scuole, anche quelli più motivati, aspetteranno comunque di coltivare almeno alcune delle qualità interpersonali e sociali associate allo sviluppo del personaggio come duro lavoro, pensiero centrato sulla squadra, vincere con umiltà, perdere con grazia, giocando secondo le regole, sviluppando l'autodisciplina e mantenendo la prospettiva.

Se l'orientamento ai risultati e lo sviluppo del personaggio fossero due strade, quasi certamente si vedrebbero divergere nei boschi degli sport professionistici. Se qualcuno è una brava persona o no è spesso molto meno importante di ottenere risultati.

Le pagine di sport e i talk show sono pieni di storie di atleti superbo di talento ma riluttanti, ossessionati da se stessi, alcuni dei quali intraprendono comportamenti criminali recidivi o anti-sociali.

Possono essere lealizzati quando vincono e vengono spesso perdonati quando non lo fanno a prescindere dai loro difetti di carattere e la società più ampia è lasciata a chiedersi quali sono i valori in gioco.

Willie Randolph era quasi universalmente apprezzato come un grande giocatore, un manager di talento e (a differenza di Carlo Rizzi!) Un cittadino solido. Nel mondo di "vinci-vinci subito" si è rapidamente svalutato e tutti gli attributi positivi erano buoni per nulla.

Il suo licenziamento è stato impopolare con i fan di Mets e ha portato molti altri osservatori obiettivi a chiedersi se abbiamo i nostri valori e le nostre priorità.

La giuria è ancora fuori e potrebbe non tornare più da un po 'di tempo.

Solutions Collecting From Web of "Sei un bravo ragazzo, ma …"