Sei sicuro di sapere cosa ti senti?

Le tue emozioni sono più complesse di quanto ti rendi conto.

Immagina il seguente scenario: arrivi a un evento sociale, eccitato di vedere amici che non vedi da un po ‘, ma mentre entri senti per caso due di questi amici che dicono cose negative su di te. Prenditi un momento per rispondere alla seguente domanda:

Cosa proveresti in questa situazione?

Rabbia Vergogna Tristezza Disprezzo Worry Guilt Good Humor Fear

 Mauro_grigollo/Shutterstock

Fonte: Mauro_grigollo / Shutterstock

In uno studio su 3.000 adulti in diversi paesi, la risposta più comune a una domanda simile è stata la rabbia (42,8%), seguita dalla tristezza (38,3%). Le persone hanno anche indicato disprezzo (23,8%), buon umore (14,2%), preoccupazione (5%), vergogna (4%), senso di colpa (2,3%) e paura (0,7%). Gli autori dello studio osservano che le loro risposte sono state ottenute fornendo un elenco predeterminato e limitato di opzioni (quelle sopra). Ci sono certamente altre possibili risposte a questo scenario, come il rifiuto, il risentimento, la sorpresa, la delusione, lo sgomento, l’irritazione, la solitudine, l’imbarazzo, e una sfilza di altri sono tutti buoni candidati.

Ora consideriamo la tua risposta: hai risposto alla domanda scegliendo una singola emozione? La maggior parte delle persone lo farebbe Alcuni potrebbero scegliere due emozioni, e alcuni potrebbero scegliere diversi. In effetti, è così che la maggior parte di noi pensa alle emozioni: risposte discrete che sperimentiamo una alla volta. Tuttavia, questo è raramente il caso.

Come psicologa, la domanda più comune che chiedo ai miei pazienti è “Come ti ha fatto sentire?” Che apparentemente (data la risposta che ottengo) è anche la domanda più fastidiosa che pongo ai miei pazienti. Ciò che rende fastidiosa questa domanda è che identificare come ci sentiamo è un compito molto più complicato di quello che tendiamo a realizzare. I bambini piccoli tendono a rispondere usando solo due opzioni, “buone” o “cattive”. Con l’avanzare dell’età, spesso estendiamo la nostra risposta includendo arrabbiato, triste, felice, sorpreso, spaventato e disgustato. Queste sei emozioni erano state considerate cablate (le abbiamo tutte, e tutti rispondiamo in modo riflessivo alla maggior parte delle situazioni con una di esse). Tuttavia, oggi sappiamo che la nozione è significativamente sopravvalutata, poiché le nostre emozioni sono molto più complesse e sfumate, e sono generate dal contesto tanto quanto “hardwiring”.

Ora considera lo stesso esperimento mentale come sopra, ma con una svolta (il set-up è lo stesso): arrivi a un evento sociale, eccitato di vedere amici che non vedi da un po ‘, ma mentre entri, senti due di questi amici dire cose negative su di te. Prenditi un momento per rispondere alla seguente domanda:

Su una scala da 1 a 7 (1 = nessuno e 7 = molto), cosa proveresti in questa situazione?

Rabbia 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Vergogna 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Rifiuto 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Tristezza 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Disprezzo 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Risentimento 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Sorpresa 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Delusione 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Dismay 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Worry 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Guilt 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Irritazione 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Buon umore 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Imbarazzo 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

Solitudine 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7

La maggior parte delle persone è in grado di rispondere a questo tipo di domande indicando un mix di diverse emozioni che eseguono la scala da lieve a intensa. Questo ha senso, perché una tale sfortunata situazione sociale è suscettibile di suscitare ogni tipo di emozione, non solo una. Tuttavia, se non ci viene presentata una serie di possibili risposte in un questionario (o un terapeuta che fa una fastidiosa domanda su di loro), potremmo pensare di sentire solo una cosa, e così facendo, non prendere in considerazione una parte sostanziale della nostra paesaggio emotivo.

Dobbiamo anche considerare che possiamo provare emozioni sia positive che negative allo stesso tempo. Per esempio, alcune persone nella situazione di cui sopra potrebbero sperimentare un certo sollievo, perché non si sentivano bene con uno di quegli amici, e ora capiscono perché (e hanno una ragione per cedere da quell’amicizia dovrebbero scegliere di fare così).

Diventare più emotivamente istruiti e sofisticati è importante per la nostra salute emotiva (così come per le nostre relazioni e le azioni che intraprendiamo su di loro). Per esempio, ci sono tecniche che possiamo impiegare per lenire il dolore emotivo provocato dal rifiuto (leggi “Cosa fare quando ti senti respinto”) o affrontare la solitudine (leggi “Perché la solitudine è una trappola e come liberarsi”), ma per fallo, dobbiamo prima renderci conto che ci sentiamo respinti.

La linea di fondo è, la prossima volta che ti trovi in ​​una situazione che evoca una forte risposta emotiva, prova a considerare la gamma di emozioni che potresti provare. Tutte le azioni che prendi o le tue riflessioni sulla situazione saranno meglio informate prendendo in considerazione tutti gli aspetti della tua esperienza emotiva.

Copyright 2018 Guy Winch

Riferimenti

Klaus R., & Scherer, AM (2019) The Emotion Process: valutazione di eventi e differenziazione dei componenti. Rassegna annuale di psicologia 70: 1

  • 13 lezioni per invecchiare bene lezione 7
  • Il suo "cazzo biologico": in tre decenni di raccolta di slitte freudiane (parte 3 di 7)
  • In che modo la paura del cyberbullismo potrebbe influenzare Tweens e Teens
  • Il segreto dietro la risata delle donne
  • Emoji: strumenti per le emozioni
  • Parole con amici: un altro gioco stupido o un'ossessione?
  • La psicologia della polizia
  • Umorismo consapevole?
  • Il tuo Comeback Toolkit
  • Succhiare il succo dalla vita
  • Le 3 fasi di incontri
  • Boys to Men: Ed Hardy incontra Ernest Becker
  • Trovare un compagno
  • Ciao, bambola di dimensioni reali; Arrivederci, Freakish Barbie
  • È ora disponibile la classifica delle razze di classificazione per popolarità
  • Il legame tra razzismo e PTSD
  • Imprenditori: 8 consigli per raccontare la tua storia di eroe
  • Il potere dell'essere
  • Don Rickles, il Master Roaster, muore a 90 anni
  • La solitudine dei social media, terza parte
  • Quanto buone intenzioni ci rendono stupidi e cattivi
  • Costumi "sexy" di Halloween per ragazze: buoni o cattivi?
  • The Doctor Is In: New Web Series esplora il mondo di Kink
  • Umorismo: il dono umano per affrontare e sopravvivere
  • 5 Consigli sorprendenti per prendere il pungiglione dal rifiuto
  • Selfie o Disinteressato? 6 Top Abitudini di Happy Social Networkers
  • L'uomo che ha inaugurato l'era dell'effettiva psicoterapia
  • Sono abbastanza talento?
  • The Positive Psychology Movie Awards del 2015!
  • Sposarsi e rimanere sposati
  • Mantenere un senso dell'umorismo quando genitori adolescenti
  • La scuola dei duri colpi: quando è il momento di crescere?
  • Lasciando consapevolmente le nostre eredità
  • Linee guida per la copertura del suicidio: quante persone abbiamo violato?
  • The Workaholic Breakdown - La perdita dell'umorismo e la capacità di giocare
  • Di vulnerabilità e arcobaleni