Sei sicuro che ciò che è sbagliato con me ?: 5 modi per ricontrollare la diagnosi psichiatrica (parte 1)

"Non voglio spaventare il mio cliente o farla sentire stigmatizzata da un'etichetta".

"Dire al mio cliente qual è la sua diagnosi abbasserà il suo morale e la farà sentire ancora peggio."

"Sono preoccupato che dare un feedback diagnostico al mio cliente renderà più difficile per noi stabilire una buona relazione."

Tutti questi sono motivi ben intenzionati ma errati, i medici non dicono ai clienti la loro diagnosi. Sfortunatamente, questa pratica sembra essere fin troppo comune. Ad esempio, in un sondaggio, meno della metà degli psichiatri ha riferito di rivelare sistematicamente diagnosi di demenza o disturbi della personalità e quasi il 40% degli psichiatri ha dichiarato che non avrebbero divulgato informazioni diagnostiche per determinati disturbi ai clienti, anche se il cliente lo avesse richiesto!

Uno studio che ha esaminato 53 pazienti ambulatoriali (molti dei quali rispondono ai criteri per più di una diagnosi), tuttavia, ha rilevato che i clienti si sentivano più convinti e più fiduciosi in seguito alla fornitura di feedback diagnostici. Questo era vero anche quando la persona ha ricevuto più diagnosi psichiatriche. Apparentemente, quando si tratta di malattie mentali, meglio il diavolo che conosci di quello che non conosci. Ma come fai a sapere se il tuo medico ha identificato il "diavolo" giusto?

Prima di tutto, è difficile valutare l'accuratezza della tua diagnosi a meno che tu non capisca di cosa si tratta e come l'hai ottenuta. Quindi, se il tuo professionista della salute mentale non lo ha offerto, chiedi:

Qual è la mia diagnosi?

Come sei arrivato a quella conclusione?

Quali altre diagnosi hai preso in considerazione?

\ Perché hai escluso quelli?

Sono possibili altre diagnosi?

Qual è il corso tipico del trattamento?

Quando posso aspettarmi di sentirmi meglio?

Una volta che hai preso una decisione sul punto di vista del tuo psicologo / psichiatra, è tempo di fare una piccola indagine per conto tuo. Nella parte 2, daremo un'occhiata a cosa è possibile fare per assicurarsi che le risposte a tutte le domande diagnostiche siano basate su una buona ragione piuttosto che su un'ipotesi plausibile.

Solutions Collecting From Web of "Sei sicuro che ciò che è sbagliato con me ?: 5 modi per ricontrollare la diagnosi psichiatrica (parte 1)"