Sei psicologicamente pronto a ritirarti?

Questo non ha nulla a che vedere con le finanze – lo lascio al tuo pianificatore finanziario, ma la decisione sulla pensione è tanto (o forse più) psicologica di quanto non sia finanziaria.

Esploriamo la psicologia dietro la tua scelta di ritirarti (o meno) e l'impatto che può avere sulla tua salute e sul tuo benessere. Le domande chiave qui sono: Sarai più felice in pensione o lavorando? Sarai psicologicamente e fisicamente più sano in pensione o lavorando? Sei psicologicamente pronto a ritirarti? Vivrai più a lungo se andrai in pensione?

Innanzitutto, ci sono molti miti culturali sulla pensione.

I nostri nonni sono cresciuti nell'era dopo l'introduzione della sicurezza sociale e quando i programmi pensionistici e le pensioni stavano diventando la norma in molti posti di lavoro. Ciò ha determinato l'aspettativa che i nostri nonni stessero "lavorando verso" la pensione. L'obiettivo era quello di accumulare più denaro possibile per vivere bene durante la pensione. L'età di pensionamento "atteso" era 65 anni, e le storie che attiravano l'attenzione della gente erano quelle che erano in grado di "battere il sistema" e andare in pensione a 60, 55, anche a 50 anni. Mio fratello, il dentista, "si è ritirato" a 40 anni – ma lavora più duramente nella sua carriera post-pensionamento che mai. Si scopre che non era un pensionato precoce, ma un dentista infelice. Ora è un manager molto contento dei sistemi sanitari, senza un piano immediato di ritiro.

Quindi ecco le domande che dovresti fare per determinare se sei pronto psicologicamente a ritirarti:

1. Ti piace il tuo lavoro? Fornisce un senso di significato e uno scopo nella tua vita?

Questo è fondamentale. Ad alcune persone piace quello che fanno così tanto che non sarebbe saggio ritirarsi a meno che non si riesca a sostituire quel senso di significato con qualche altra attività o passione. Un amico che aveva aderito al Peace Corps dopo il college, ha avuto una carriera di successo come dirigente nel settore. Quando si ritirò dal suo lavoro aziendale, si unì a una grande organizzazione non profit come volontario. A causa della sua passione per la loro missione, questa è diventata per lui una seconda "carriera" – in molti modi, è ancora un "dirigente" laborioso, perché è quello che è.

2. Se il tuo lavoro è stressante, è la pensione che cerchi o un cambiamento nelle carriere?

Mio fratello ha trovato l'odontoiatria stressante e insoddisfacente. È molto più felice nella sua nuova carriera. Il mio amico esecutivo era appassionato del suo lavoro, ma è altrettanto appassionato della sua carriera di volontario. Il punto è che la decisione di ritirarsi riguarda ciò che apprezzi. Sei un tipo di lavoro o un tipo di svago creativo? Il mio amico Tom, in pensione l'anno scorso. È un esempio di "pensionamento di successo". Ha sempre avuto una vita attiva molto attiva (durante il suo tempo non lavorativo, ha navigato, giocato a tennis, giocato a golf, volontario, e ha un grande social network e un amore per i viaggi … ). Da ogni account, è felicemente e in buona salute in pensione.

3. Il tuo lavoro fornisce bisogni sociali critici nella tua vita?

La maggior parte dei tuoi amici lavora con i tuoi colleghi? Una buona parte della tua vita sociale ruota attorno al lavoro e alle persone al lavoro? Se la risposta è "sì", potresti voler rinviare la pensione fino a quando non coltiverai i social network di supporto al di là degli amici sul posto di lavoro. Puoi farlo iscrivendoti a club e organizzazioni, offrirti volontariato se hai tempo e ricollegarti con amici, familiari e conoscenti.

4. Sei preparato psicologicamente al ritiro?

Hai un piano pensionistico? Hai hobby o interessi che riempiranno il tuo tempo? Hai realisticamente considerato come sarà la tua vita da pensionata?

Molte persone hanno aspettative non realistiche circa le loro vite in pensione. Immaginano che prenderanno il golf o il tennis, inizieranno gli hobby, impareranno a suonare la chitarra, i viaggi, ecc. Un buon test è valutare quella parte della tua vita al momento. Sei coinvolto in sport, hobby o musica e sei appassionato di questo? In caso contrario, potrebbe essere irragionevole aspettarsi che improvvisamente svilupperai quella passione il giorno dopo il pensionamento. I pensionati di maggior successo pianificano le loro vite post-lavoro.

Che mi dici della longevità? Vivrai più a lungo come pensionato o come lavoratore? Le ricerche di Howard Friedman e Leslie Martin, come parte del loro "Longevity Project", mostrano che le persone che hanno carriere significative e sono particolarmente produttive hanno la vita più lunga. Come affermano Friedman e Martin: "Sforzarsi di raggiungere i propri obiettivi, stabilire nuovi obiettivi quando vengono raggiunti traguardi e rimanere impegnati e produttivi sono esattamente ciò che tendono a fare coloro che seguono gli orientamenti di una lunga vita. Il longevo non ha esitato dal duro lavoro per paura che lo stress di esso portasse ad una prematura scomparsa; l'esatto contrario sembra vero! "

Riferimento

Friedman, HS & Martin, L. (2012). The Longevity Project: sorprendenti scoperte per la salute e la lunga vita dallo studio di riferimento a otto decadi. NY: Plume.

Seguimi su Twitter:

http://twitter.com/#!/ronriggio

immagine: Wikimedia

Solutions Collecting From Web of "Sei psicologicamente pronto a ritirarti?"