Sei pronto per la pensione?

Non è mai troppo presto per prepararsi per una meritata tappa nella vita di una persona.

La pensione è uno stadio che trasforma la vita di un individuo. Il pensionamento può essere considerato un momento in cui le persone cessano di lavorare e svolgono attività diverse da un lavoro o da un lavoro collegato alla carriera.

Quali problemi influenzano il pensionamento? Alcuni fattori motivano fortemente una persona a ritirarsi prima del previsto e quindi appaiono come se l’individuo si ritirasse controvoglia dal lavoro. Questi possono includere

  • Scarsa salute fisica o mentale del lavoratore o dei familiari che hanno bisogno dell’aiuto del lavoratore
  • Gli affari di un datore di lavoro stanno ridimensionando o chiudendo
  • I costi finanziari per continuare a lavorare superano il guadagno finanziario
  • Pressione da parte del datore di lavoro (o di se stessi) per andare in pensione a causa di non tenere il passo con il carico di lavoro o gli avanzamenti relativi al lavoro

D’altra parte, alcune persone scelgono volontariamente di andare in pensione. La loro decisione può essere basata su

  • Avere risparmiato abbastanza soldi e non essere più dipendente da uno stipendio
  • Credendo che a una certa età, ci si aspetti che si ritirino e che inizi una nuova fase della vita
  • Impegnarsi in più opportunità sociali (ad esempio, passare del tempo con la famiglia e gli amici, andare in luoghi che incoraggiano le interazioni sociali)
  • Avere il tempo di fare cose che non potevano fare quando lavoravano

Un recente sondaggio Gallop ha rilevato che l’età media del pensionamento è aumentata nel corso degli anni; cioè, da 58 anni tra il 1991 e il 2003, a 60 anni tra il 2004 e il 2010, a 61 anni dal 2011 (Newport, 10 maggio 2018). Questo aumento dell’età pensionabile può essere influenzato da persone che vogliono lavorare (che godono del loro lavoro o essere occupate) o da persone che devono lavorare (non possono permettersi di andare in pensione o sono necessari i loro servizi).

I fattori psicologici comuni che influenzano le decisioni di pensionamento sono stress e ansia oltre a sentirsi poco apprezzati o emarginati dai superiori e / o dai colleghi di lavoro. Se queste emozioni sono abbastanza gravi, potrebbe esserci un cambiamento significativo nell’atteggiamento del lavoratore nei confronti del continuare a lavorare. Ad esempio, “È questa la qualità della vita che sono disposto a continuare ad avere?”

Indipendentemente dal fatto che una persona scelga liberamente di andare in pensione o sia “costretta a uscire”, le persone possono trovare la pensione non essere come si aspettavano. Non è raro che dopo l’effetto “luna di miele” del pensionamento (in genere qualche mese dopo il pensionamento), le persone possano sentirsi in perdita o ambivalenza riguardo al loro stato e persino sviluppare sentimenti di depressione (Schultz & Wang, 2011). Potrebbero scoprirlo

  • La pensione non assomiglia a nulla che pensavano che sarebbe
  • Si sentono diseredati e non hanno alcun senso di scopo o identità (specialmente se il loro senso di sé era basato sulla loro occupazione)
  • Sono annoiati e non sanno cosa fare con tutto il tempo libero che hanno ora e quindi si sentono inutili e inutili
  • Devono adattarsi a nuovi fattori di stress nella loro vita quotidiana (ad esempio, più occasioni per litigi con un membro della famiglia, esecuzione di faccende che non hanno fatto quando erano impiegati, perdita di contatti quotidiani con “amici di lavoro”)

Per alcuni, il brusco cambiamento nella vita che conoscevano da anni potrebbe richiedere un difficile aggiustamento. Di conseguenza, possono decidere di tornare alla forza lavoro. Questo è noto come “bridge employment” (Beehr, 2014). Spesso, la persona cercherà un lavoro simile a quello che stava facendo prima del pensionamento. Ciò potrebbe comportare meno stress e maggiore soddisfazione della vita.

Il percorso verso la pensione può essere uno in cui il lavoratore riduce lentamente il suo o il suo programma di lavoro (semi-pensionamento), si ritira completamente, o si ritira da un lavoro e poi va a lavorare in un’altra impostazione. La scelta di quale percorso intraprendere è influenzata non solo da fattori finanziari e sociali, ma anche da quelli personali, compresi gli aspetti psicologici che promuovono il benessere. Tenendo presente questo, quali passi può prendere un individuo per prepararsi al meglio e fare durante la pensione?

  • Comprendere che il pensionamento non deve avvenire a una certa età o essere basato su un insieme arbitrario di circostanze. È dinamico e il processo decisionale dovrebbe basarsi su fattori salienti al momento.
  • La pianificazione è una componente essenziale del pensionamento.
    • Uno dei problemi più importanti è considerare la pensione come un processo di sviluppo che dovrebbe essere considerato e pianificato anziché prendere una decisione spontanea di cessare l’impiego senza aver fatto preparativi
    • Non è mai troppo presto per pianificare finanziariamente per la pensione. Oltre agli ovvi benefici, la pianificazione finanziaria offre anche una maggiore libertà nel fare una scelta volontaria su quando è possibile andare in pensione
    • Pianificazione per come vorresti trascorrere il tuo tempo durante il pensionamento e modificarlo man mano che gli anni passano e le circostanze cambiano. Questo ti aiuta a identificare un insieme di crescita e attività piacevoli (ad esempio, tornare a scuola, passare più tempo a fare gli hobby) in modo che la pensione possa essere più soddisfacente e meno ansia suscitare e annoiare
  • Considera le preferenze di pensionamento e le esigenze del tuo coniuge o altro significativo. Ad esempio, se la sua salute è un problema o se anche lui sta lavorando, come potrebbe la tua pensione influenzare entrambi?
    • Prendi in considerazione le necessità degli altri membri della famiglia se sono dipendenti da te o coinvolti attivamente nella tua vita e quale impatto può avere la tua pensione su di loro
  • Trova fonti in cui puoi nutrire il tuo “essere” (ad esempio, spirituale, sociale, intellettuale, creativo, fisico) in modo che tu possa vedere la pensione come una forma di sostentamento
  • Capire che il pensionamento dalla forza lavoro non è la pensione da una vita propositiva. Puoi dedicare tempo e impegno ad attività che promuovono un senso di utilità, come il lavoro di volontariato. Puoi anche svolgere attività che potrebbero avere un grande significato per la tua famiglia, come una storia orale di te stesso o di altri parenti
  • Comprendi che la pensione richiede un aggiustamento e che i suoi effetti benefici non sono sempre immediatamente evidenti

Potremmo tutti desiderare una vita piena e significativa. Per molte persone, il loro lavoro contribuisce in larga misura a questo obiettivo. Tuttavia, se uno deve andare in pensione, questi obiettivi possono ancora essere raggiunti in altre forme. La pensione può essere un momento in cui emergono esperienze e possibilità sconosciute che possono migliorare ulteriormente le nostre vite. Guardiamo con ottimismo alle nostre molte fasi della vita e raccogliamo il massimo che possiamo da ciascuna di esse.

Riferimenti

Beehr, TA (2014). Ritirarsi o non andare in pensione: non è questa la domanda. J ournal of Organizational Behavior, 35, 1093-1108. DOI: 10.1002 / job.1965

Newport, F. (10 maggio 2018). Istantanea: l’americano medio prevede un’età di pensionamento di 66 anni. Recuperato da https://news.gallup.com/poll/234302/snapshot-americans-project-average-retirement-age.aspx

Shultz, KS, & Wang, M. (2011). Prospettive psicologiche sulla natura mutevole della pensione. Psicologo americano, 66, 170-179. DOI: 10.1037 / a0022411

Solutions Collecting From Web of "Sei pronto per la pensione?"