Sei passaggi per alleviare il dolore emotivo

Dopo un periodo in cui si ha a che fare con la malattia mentale di una persona amata, la fatica della compassione può insinuarsi. Sì, le ami ancora. Sì, ti importa ancora che non si sentano bene. Ma può diventare difficile entrare in empatia dopo un po ', e potresti cominciare a chiedermi: "Quando finirà?"

Mentre non posso darti una risposta su quando – o se – la malattia si attenuerà, quello che posso dirti è che è essenziale che se la persona amata dice che soffre, credici. Il dolore potrebbe essere emotivo o fisico, e in entrambi i casi, è valido.

Solo perché non riesci a vedere qualcosa come un osso rotto che sporge attraverso la pelle non significa che la persona amata non sia in difficoltà. Per andare con l'immagine, anche se potessi vedere un osso rotto, quale potrebbe essere un "7" su una scala del dolore di 1-10, potresti essere un "25" (sulla stessa scala!) Per la persona amata. Ogni persona ha una diversa esperienza soggettiva di dolore, e parte dell'essere una persona di supporto è riconoscere e convalidare l'esperienza della persona amata, anche se non si sta facendo personalmente la stessa esperienza interiore.

Convalidare qualcun altro significa semplicemente che stai esprimendo a loro: "I tuoi sentimenti sono importanti, ed è giusto sentirsi in quel modo". La convalida non significa che sei d'accordo con l'esperienza di un'altra persona.

Sebbene la convalida sia spesso associata al trattamento del disturbo borderline di personalità, il fatto è che tutti meritano di essere ascoltati, presi seriamente e creduti.

La tecnica che descriverò è identificata dall'acronimo I-AM-MAD. Questo acronimo è stato originariamente creato da Bon Dobbs di Anything To Stop The Pain, un sito web dedicato al disturbo borderline di personalità. L'ho leggermente modificato per aiutarti a convalidare appropriatamente l'esperienza della persona amata, indipendentemente dalla loro diagnosi. (Forse un buon modo per ricordare l'acronimo è ricordando a te stesso che l'utilizzo di questa tecnica può eliminare l'esperienza descritta dall'acronimo!)

I: Identifica le emozioni. Mentre ascolti la conversazione della persona amata, nota le parole di emozione che stanno usando. Rispondi con affermazioni che usano le stesse parole sentimentali usate dalla persona amata, ad esempio "Sembri davvero frustrato " "Sembri arrabbiato per quello" o "Posso sentire quanto sei preoccupato per questo" (nota le parole di emozione in corsivo).

A: Fai una domanda di conferma. Domande aperte (come in, quelle che richiedono più di un "sì" o "no") mostrano che stai ascoltando e vuoi saperne di più. Alcuni esempi includono: "Dimmi di più sul tuo [inserisci la parola emozione qui]", "Come posso aiutarti con il tuo [inserire la parola emozione qui]?", O "Cos'altro puoi dirmi sul tuo [inserisci parola emozione qui ]?”

M: Fai una dichiarazione di convalida sul dolore della persona amata. Dopo aver ascoltato attentamente la risposta della persona amata alla tua domanda, dì qualcosa che mostra che stavi ascoltando e che ti preoccupavi dei loro sentimenti. Affermazioni come: "Capisco perché sei turbato", "Capisco quanto sarebbe frustrante per te" e "Deve essere stato sconvolgente avere successo", sono alcune risposte appropriate.

M: Fai una dichiarazione di normalizzazione sul dolore della persona amata. A volte le persone si arrabbiano perché sentono di essere gli unici a sperimentare la loro situazione. Quindi, sì, mentre dicevo che l'esperienza di ogni persona di una malattia mentale è soggettiva e unica, l'esperienza di avere emozioni può spesso essere generalizzata. In questo caso, prova una frase del tipo "Sarei arrabbiato se fosse successo anche a me" o "Penso che la maggior parte della gente si arrabbi se ciò accadesse".

A: Chiedi come puoi essere utile alla persona amata. Tenerlo breve e dolce: "Cosa posso fare per aiutare?" (Tuttavia, guarda il prossimo passo!)

D: Non risolvere il problema per la persona amata. La "soluzione" al problema potrebbe essere ovvia per te, ma ciò non significa che sia il momento di saltare e prendersi cura di esso per la persona amata, per quanto allettante possa essere. Alcune ulteriori domande, come "Che pensieri hai in merito a cosa fare dopo?" E "Se fossi io quello che viene da te con questo, quale consiglio vorresti avere per me?" Autorizza la tua amata a venire con loro proprie risposte Poiché l'autostima è spesso un problema per le persone con malattie mentali, essere un ascoltatore di supporto, invece di un eroe, può aiutare la persona amata a pensare a come risolvere non solo il problema immediato, ma anche i problemi futuri.

Solutions Collecting From Web of "Sei passaggi per alleviare il dolore emotivo"