Sei in tutto il posto?

Badneighborhood/sxc
Fonte: Badneighborhood / sxc

Sei dappertutto?

La pratica:
Riposa nel centro.

Perché?

La gravità e l' entropia sono processi potenti nel mondo naturale. La gravità attira le cose insieme, verso un centro, mentre l'entropia le disperde in disordine. Allo stesso modo, nelle nostre vite, alcune cose ci portano al centro, mentre altre ci disturbano e ci disperdono.

In termini di centratura, sii consapevole di tutto il tuo corpo mentre fai un lungo respiro lento, o pensa a qualcosa di cui sei contento. Probabilmente ti sentirai più a tuo agio in te stesso, più attirato nel tuo cuore piuttosto che sentirti come il gatto dei cartoni animati di Garfield, spalancato contro una lastra di vetro.

In termini di sentimenti sparsi, nota cosa vuol dire fare il multi-tasking, la mente disegnata in più direzioni contemporaneamente. O com'è aprire la casella di posta elettronica e vedere venti o più nuovi che ti stanno chiamando. Camminando per la strada o attraverso un centro commerciale, vedi come la tua attenzione si sposta su vari oggetti del desiderio: questa persona attraente, quella macchina brillante, questo bel maglione, quel nuovo fresco cellulare, e così via: per pochi secondi alla volta se non più a lungo, sei disperso lontano e lontano dal tuo centro calmo, chiaro e autonomo. E se hai tendenze a mangiare troppo, a mangiare, a fare sesso, a fare spese, ecc., Questa dispersione diventa più estrema.

Centrato o disperso: non è una distinzione sottile che è solo per il campo di yoga. Quando ci sentiamo radicati nel senso del centro, siamo più resilienti; è anche più difficile intimidirci con la paura o manipolarci con l'avidità. D'altra parte, quando ci sentiamo dispersi, questo è stressante e quindi negativo per il benessere e la salute. Inoltre ci rende più distratti e impulsivi, e più inclini a conflitti con gli altri e a comportamenti compulsivi o di dipendenza.

Quando mi sono sentito disperso, non era la fine del mondo. Ma non era buono per me o per gli altri.

È molto meglio riposare al centro.

Come?

La maggior parte degli input nel tuo cervello provengono dal tuo stesso corpo, dal tuo cuore, dai polmoni e da altri organi. Le strutture antiche nel tronco cerebrale e nella subcorteccia, come l'ipotalamo, iniziano il processo di trasformare questi segnali nel sentimento fondamentale di ciò che significa essere vivi. Quindi regioni del tuo cervello più recenti e evolute – le insule (o "insulae") all'interno di ciascuno dei lobi temporali ai lati della testa – raffinano ulteriormente questi segnali nella sensazione incarnata di essere coerenti e continui. Questo senso primordiale di essere un corpo è al centro del flusso di coscienza e, a meno che tu non sia nel dolore estremo, sintonizzarti è immediatamente centrato.

Quindi segui le sensazioni interne di un singolo respiro: i movimenti del diaframma appena sotto la cassa toracica, l'espansione e la contrazione del torace, la freddezza dell'inalazione rispetto all'espirazione – e nota come questo si avverte. Prova questo per dieci respiri, contandoli dolcemente nella tua mente, se vuoi. Potresti anche essere particolarmente consapevole di respirare nell'area del tuo cuore, o nel centro di gravità del corpo a pochi centimetri sotto l'ombelico.

Vedi se riesci ad avere un senso del tuo corpo nel suo complesso, insieme ad un atteggiamento di accettazione, non giudicare. Fare questo tenderà ad attivare reti neurali ai lati del tuo cervello che supportano il senso di essere presenti pacificamente nel momento; ridurrà anche l'attivazione nella "rete di default" che corre lungo la parte centrale e superiore del cervello, che favorisce il vagabondare della mente e prendere la vita troppo personalmente.

La paura tende a spargere la mente in frenetica fuggire, combattere o congelare, così come ti sintonizzi sul tuo corpo, registra che stai praticamente bene in questo momento. . . ora e ora e ora. . .

Anche sintonizzati sulle tue buone intenzioni, la bontà del tutto al centro di te. Conosci la tua benevolenza, la tua compassione e gentilezza. Questa conoscenza è molto centrata.

Siate consapevoli dei desideri che sfrecciano verso il mondo, raggiungendo questo, spingendolo via. Senti cosa vuol dire riposare di più in equilibrio, presente con la vita ma non disturbato da desideri compulsivi. Aperto a un sano disincanto sui risultati effettivi di inseguirlo o andare in guerra con quello.

In situazioni o relazioni sconvolgenti, potresti trovare rifugio – una sorta di centro – nelle risposte a queste domande: cosa è veramente vero? Ciò che conta di più? Cosa c'è tra le mie mani? Quali sono le cose più importanti da fare e da essere?

Anche quando siamo ansiosi, tristi, irritati, sentendoci inadeguati o depressi, c'è un posto più profondo che è indisturbato. La consapevolezza continua a funzionare, lo spazio pacifico in cui le esperienze vanno e vengono. Nel profondo c'è una saggezza inviolata, una "calma, piccola voce" nel cuore di voi. Per prendere in prestito una metafora da Il Signore degli Anelli , non importa quanto siano spesse e scure le nuvole, le stelle brillano sempre, riempiendo lo spazio vuoto di luce.

Rick Hanson, Ph.D. , è uno psicologo, Senior Fellow del Greater Good Science Center di UC Berkeley, e autore del best-seller del New York Times . I suoi libri sono disponibili in 26 lingue e includono Hardwiring Happiness , Buddha's Brain , Just One Thing e Mother Nurture. Edita il Wise Brain Bulletin e ha numerosi programmi audio. Laureato con lode alla UCLA e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience e Contemplative Wisdom, è stato invitato come relatore alla NASA, Oxford, Stanford, Harvard e altre importanti università e ha insegnato nei centri di meditazione in tutto il mondo. Il suo lavoro è stato presentato su BBC, CBS e NPR, e offre la newsletter gratuita di Just One Thing con oltre 120.000 abbonati, oltre al programma online Foundations of Well-Being in neuroplasticità positiva che chiunque abbia esigenze finanziarie può fare gratuitamente.

Solutions Collecting From Web of "Sei in tutto il posto?"