Sei consapevole dei pregiudizi del tuo terapeuta? Tu dovresti essere

Flickr/labeled for reuse
Fonte: Flickr / etichettato per il riutilizzo

Il mio post precedente sull'opportunità di sradicare i feticci sembra aver colpito un nervo, come ho sentito dalle persone di tutto il mondo con i loro commenti, domande e richieste di ulteriori informazioni. Voglio ringraziare tutti per aver scritto: le comunicazioni di tutti sono state molto premurose e rispettose, ed è davvero incoraggiante essere in grado di raggiungere così tanti in un dialogo costruttivo.

Mentre leggo l'articolo, tuttavia, mi rendo conto che, pur sottolineando ciò che ritengo essere un trattamento inappropriato e non etico, non mi dilungherò nei dettagli su quelli che ritengo siano protocolli terapeutici appropriati quando qualcuno cerca aiuto con un feticcio . Quindi, per colmare questa lacuna, ho intenzione di entrare in alcuni concetti chiave qui in questo particolare post. È un argomento lungo e molto ampio, quindi penso che questo possa benissimo trasformarsi in una serie di post, ma vedrò come va. Per questo articolo, però, mi concentrerò solo su alcune considerazioni iniziali che gettano le basi.

Innanzitutto, nell'interesse della divulgazione, lasciatemi dire che sono in possesso di una prospettiva positiva per il sesso. Per saperne di più su cosa significa, puoi dare un'occhiata al mio articolo sulla positività sessuale qui. Fondamentalmente, partendo dal presupposto che il comportamento sessuale non è né intrinsecamente negativo né patologico a meno che non sia dimostrato che sia altrimenti. In altre parole, il significato del comportamento sessuale dipende dal suo contesto. Due persone possono essere coinvolte nello stesso identico comportamento, e per la prima persona è piacevole e autorizzante, mentre per l'altra persona può essere vissuta come abusiva e traumatica. È tutto basato sul contesto.

Dato che c'è così tanto che non è noto in psicologia (e specialmente nella sessuologia), gran parte della pratica psicoterapeutica è fondata sul mito, sui pregiudizi personali e sulle assunzioni legate alla cultura. Per esempio, 40 anni fa l'omosessualità era elencata nel DSM come una malattia mentale, e poi divenne omosessualità ego-distonica, il che significava che tu eri malato di mente se eri gay e avevi un problema (se eri gay e non ho avuto problemi con te, stavi bene). A quel tempo, se eri gay e andavi da un terapeuta, ti verrebbe detto che avevi una malattia mentale, probabilmente derivata da alcuni problemi con tuo padre, e allora ti avrebbero fatto credere che la tua "omosessualità" sarebbe stata guarito semplicemente parlando delle tue difficoltà con questo saggia sapiente e onnisciente.

Guardando indietro su di esso, possiamo vedere come suona così ridicolo. Con la coscienza di gruppo, l'attivismo politico e la scoperta scientifica, ora non consideriamo l'orientamento sessuale come una malattia che ha bisogno di cure, ma per decenni, persone ben istruite e altamente istruite hanno pensato di essere impegnate in un'impresa scientifica di "cura" dei gay. Questo tipo di cura, btw, noto come terapia riparativa o di conversione, è ancora praticato in vari luoghi anche oggi, anche se è stato denunciato da praticamente ogni organizzazione di salute mentale nel paese.

Il punto è che è facile guardare indietro e vedere tutti i modi in cui le procedure e gli interventi medici stupidi e non necessari sono stati erroneamente radicati come standard di trattamento dell'oro basati su pregiudizi personali e assunzioni legate alla cultura. È più difficile, però, uscire dalla nostra sfera di realtà per vedere come stanno ancora accadendo queste stesse cose oggi e probabilmente succederà sempre. Come individui, siamo tutti vincolati alla cultura, ma il ruolo della scienza è aiutarci a distinguere la fede (la cultura) dalla realtà. Detto questo, penso che sia un imperativo per qualsiasi medico di salute mentale chiarire a qualsiasi potenziale cliente / paziente quali sono i suoi pregiudizi e le sue supposizioni, in altre parole, per fornire l'opportunità di un consenso informato.

Ancora oggi, un individuo può andare da due terapeuti diversi che si lamentano di un feticcio problematico e ottenere due trattamenti radicalmente diversi. Un terapeuta può aiutare l'individuo ad accettare e integrare il feticcio, mentre l'altro lo vedrà come patologia e tenterà di "sradicarlo". In questo modo, l'intero corso della vita di un individuo può essere alterato a seconda del terapeuta che sceglie, ma, insidiosamente, questa scelta di vita sarà fatta senza il consenso informato perché il paziente / cliente spesso non ha modo di determinare quali sono le caratteristiche personali del terapeuta i pregiudizi sono Spesso, un individuo può essere così confuso e / o angosciato, che non sa nemmeno cosa vuole e quindi si affida all'autorità del terapeuta. Tuttavia, senza una completa rivelazione da parte del terapeuta, l'individuo non ha idea di quale autorità si fidino.

Mentre mi trovo ora a virare in un gruppo eterogeneo di argomenti, non penso che possiamo parlare con precisione del lavoro con i feticci a meno che non mettiamo in tavola questioni così importanti come la divulgazione da parte del terapeuta dei metodi di trattamento, il consenso informato e il potere / differenze di autorità tra terapeuta e cliente. Penso che scriverò di più su ciascuno di questi, perché sono così integrali alla psicoterapia, ma per ora, volevo mettere in evidenza che tutte queste sono considerazioni importanti prima ancora di iniziare a lavorare con clienti che lottano con i feticci, o davvero qualsiasi aspetto della loro sessualità.

Questo perché, è proprio nelle aree della sessualità e delle relazioni che la maggior parte delle posizioni è legata alla cultura e soggetta a pregiudizi. Ecco alcuni esempi: monogamia, accordi tradizionali di accoppiamento delle coppie, tipo di sesso, quantità di sesso (troppo o troppo poco), nozioni moderne di "intimità", definizioni di intimità …. tutto legato alla cultura. Tutti loro, nonostante quanto possa essere scomodo pensare o quanto certe idee possano sembrare realtà fisse.

Detto questo, quando arriva un cliente, prima voglio scoprire cosa significa per lui il feticcio. (Di solito sono uomini, btw, quindi restiamo solo con i pronomi maschili). Se il suo coniuge / partner lo porta dentro, voglio sapere cosa significa questo feticcio per entrambi, insieme e individualmente. In altre parole, prendo un approccio sistemico alla comprensione del significato del feticcio. Se il ragazzo è ambivalente riguardo al suo feticcio, mentre il partner è disgustato, ora abbiamo un problema sistemico. In questo caso, la prima linea di trattamento non è, ripeto: NON, NON, NON intraprendere un progetto di sradicare il feticcio.

Mi fermo qui perché sembra che questo si sta trasformando in un tratto espansivo. Farò questo in una serie, e in articoli futuri, discuterò più approfonditamente alcuni dei temi che ho introdotto in questo articolo.

Solutions Collecting From Web of "Sei consapevole dei pregiudizi del tuo terapeuta? Tu dovresti essere"