Sei appassionato o intollerante nelle tue convinzioni?

Pixabay
Fonte: Pixabay

Nei post recenti ho toccato un argomento che può essere un nervo scoperto per alcune persone: le credenze religiose. Alcuni lettori religiosi hanno condiviso le loro sentite vedute su ciò che ho scritto. Altri in risposta si sono sentiti predicati a. Una soluzione semplice per evitare questo problema è evitare questo argomento. Semplicemente non parlare di religione, o di politica, o di riscaldamento globale, o di aborto, ecc. Perché convincerai solo coloro che sono già d'accordo con te e solo arrabbieranno quelli che non sono d'accordo con te, quindi qual è il punto? Penso che molto di ciò che passa per tolleranza, almeno nel mio collo dei boschi, è semplicemente un tacito accordo per non discutere di alcuni problemi. Molti di noi non si sentono abbastanza sicuri da avventurarsi in cose che ci appassionano nei forum pubblici, preoccupandosi di come altri potrebbero reagire.

Suppongo che accettando di non essere d'accordo, o accettando di non discutere alcune questioni, è meglio che picchiarsi a vicenda. Ma spero di essere in grado di fare di più. Vorrei suggerire due percorsi per una discussione fruttuosa, che sono più facili in teoria di quanto non siano in pratica, specialmente quando siamo appassionati di qualcosa. In entrambi i percorsi, l'onere è su di noi, non sull'altra persona. Questi percorsi sono: a) umiltà, e b) apertura all'altra. Potresti vedere questi come due lati della stessa moneta.

Umiltà: C'è una linea meravigliosa nel Talmud babilonese che afferma: "Insegna alla tua lingua a dire 'non so' per non essere portato a mentire".

Immagina se dovessimo davvero fermarci prima di parlare e davvero fare una valutazione accurata di quanto sappiamo in realtà su qualsiasi argomento su cui stiamo per esprimere un'opinione. Non so voi, ma non so quasi nulla su quasi tutto. Anche le cose che ho passato la vita a studiare e praticare, come la psicologia: so davvero come le persone migliorano? So davvero come funziona la psicologia? Per me la psicologia è un po 'come l'elettricità: so che quando accendo l'interruttore la luce si accende, ma non ho idea di ciò che sta realmente accadendo dietro le quinte per farlo accadere. Potrei avere delle teorie, ma sono solo queste: teorie. Uno dei miei insegnanti ama dire "una teoria è una bugia alla ricerca della verità".

Un altro livello di questa umiltà arriva quando riconosciamo quanto siamo piccoli nello scopo generale delle cose. Ricordo di essermi seduta all'aperto dopo una giornata di escursioni in viaggio con lo zaino in spalla. La scena stessa era di un fiume serpeggiante in una valle. Non era grandioso, non destava timore. Era solo quello che era e l'ho capito a un livello così profondo che non importava molto dello schema generale delle cose. È stata un'esperienza incredibilmente profonda e profonda di qualcosa che ho conosciuto teoricamente per tutta la mia vita. Cerco di ricollegarmi ogni volta che mi trovo a prendermi troppo sul serio, che di solito è ogni volta che sto per esprimere un'opinione.

Apertura agli altri: se non sono tutto pieno di me stesso posso rimanere aperto a chi sei. Quale vera differenza dovrebbe farcela se hai una visione contraria alla mia? Finché non stai cercando di farmi del male – e siamo fortunati a vivere in un paese in cui di solito non è una minaccia immediata – posso solo trarre beneficio rimanendo aperto a te. Non intendo semplicemente annuire con la testa in "come se" l'apertura. Intendo sinceramente cercando di vedere il mondo attraverso i tuoi occhi, cercando sinceramente di capire cosa ha senso su ciò che vedi e dici. Quando pratico questo durante la lettura o l'ascolto di visioni diverse dalla mia, mi ritrovo a rilassarsi. È come uscire da una posizione difensiva in un vero fidanzamento con un altro.

Amo l'impegno con persone veramente religiose di tutto lo spettro. Le persone che credono sinceramente in qualcosa di più grande di loro e per motivi di nascita o di temperamento percorrono un percorso diverso da quello che faccio per lo stesso obiettivo. Connettendomi con queste persone mi trovo aperto a un Dio più grande di quello che riesco a trovare da solo. Queste persone non sono accondiscendenti nelle loro credenze. Sono sentiti credono perché hanno sperimentato le verità, non perché qualcuno ha detto loro cosa credere. Sperimentare tali collegamenti con le persone è anche meglio che sperimentare una profonda connessione nella natura. È come se la natura stesse parlando.

Quindi, come risponderemmo alla domanda nel titolo di questo post: come puoi dire se sei appassionato o intollerante?

Bene, ecco un breve test: se ti ritrovi a pianificare la tua risposta mentre l'altra persona sta parlando (e quindi non sta davvero ascoltando ciò che sta dicendo) sei più impegnato con te stesso di quanto tu non sia con loro. Lo sentiranno e risponderanno di conseguenza.

Se, d'altra parte, ti trovi sorpreso da ciò che l'altra persona sta dicendo, aspettando con impazienza di sentire cosa uscirà dalla loro bocca, sentendoti aperto a un nuovo modo di guardare qualcosa, allora sei fidanzato e connesso . Che ti fa sentire meglio?

Solutions Collecting From Web of "Sei appassionato o intollerante nelle tue convinzioni?"