Sei ancora un disastro ansioso?

Alcuni anni fa andai a un ritiro spirituale di due settimane in Arizona guidato da Carolyn Conger, una psicologa e una delle persone più sagge che abbia mai incontrato. L'esperienza includeva un ritiro da solista nel deserto, dove avremmo passato due giorni a digiunare e praticare il silenzio totale.

In preparazione abbiamo praticato diverse meditazioni, l'energia del gruppo che consentiva una calma, una calma e un centramento molto più profondi di quanto gli individui avrebbero potuto ottenere da soli. Successivamente, ci siamo seduti in cerchio e ognuno ha raccontato una storia dalla sua esperienza.

La storia che ricordo meglio venne da una donna che era più spiritualmente avanzata di quanto avrei potuto mirare. Aveva incontrato un serpente. Avendo praticato con disciplina prima di andare in ritiro per questo tipo di eventualità, capì che non le sarebbe toccato nulla se avesse raggiunto il posto di calma e tranquillità che sapeva essere a sua disposizione.

Ma eccola lì, faccia a faccia con un grande serpente a sonagli, attorcigliata, pronta a colpire, con il suo tintinnio che riempiva l'aria altrimenti silenziosa del deserto.

Tutto ciò che aveva praticato sulla via della meditazione, della consapevolezza e della quiete interiore era inutile. Vide il serpente e lei si spaventò e si bloccò, il che era molto più adattativo del tentativo di fuggire. Il serpente la lasciò in pace, ma lei era così delusa da sola.

Avrebbe preferito raccontare al gruppo una storia diversa, dire una storia di aver guardato la morte in faccia e improvvisamente avvistare un delicato fiore blu che cresceva da una fessura di roccia e si riempiva della bellezza del momento presente. O forse una storia sull'esperienza di un senso trascendente di "unità" con il serpente – un sentimento di profonda pace interiore e gioia risplendente per il riconoscimento della loro comune esistenza.

In realtà, la sua storia sul serpente era proprio ciò di cui il gruppo aveva bisogno: un promemoria che tutti noi abbiamo paura. Anche in assenza di serpenti, orsi grizzly e altre vere minacce, non possiamo liberarci della paura o metterla da parte.

Libri come The Dance of Fear (l'ultimo dei miei libri di "Dance") offrono consigli importanti sulla comprensione dell'ansia e sul controllo. Ma mentre nulla è più importante che calmarsi, ma non è sempre possibile. Dimentica l'idea che puoi imparare a trionfare, trascendere e superare la paura a volontà. Mi spiace, non per quanto riguarda l'ansia e la paura.

Esperti tanto divergenti quanto i professionisti della salute mentale e i leader spirituali orientali insegnano che il meglio che possiamo fare con la paura è di fare amicizia con lui. Cioè, possiamo imparare ad aspettarci, permettere e accettare la paura, osservarlo, osservarlo alzarsi e abbassarsi, prestare attenzione a come si sente nel corpo, a guardarlo con attenzione, e capire che la paura riappare sempre. La paura è un processo fisiologico che spaventa e affligge il nostro corpo e ci rende infelici. Alla fine si riduce – solo, naturalmente, per tornare.

I veri colpevoli sono le nostre risposte istintive alla paura e il modo in cui cerchiamo di evitare la paura, l'ansia e la vergogna.

Non fraintendermi: volere sentirsi meglio in fretta è un impulso umano perfettamente naturale. È sano cercare sollievo quando ti senti irrimediabilmente impantanato nella zuppa emotiva e calmarti è un primo passo essenziale per percepire accuratamente un problema e decidere cosa fare al riguardo. Ma l'ultima cosa che devi fare è isolarti dalla paura e dal dolore, sia dei tuoi che di quelli del mondo.

Se c'è una ragione imperativa per cui le nostre relazioni e il nostro mondo sono in un tale disastro, è che cerchiamo di sbarazzarci della nostra ansia, paura e vergogna il più velocemente possibile, indipendentemente dalle conseguenze a lungo termine. In tal modo, incolpiamo e vergogniamo gli altri e, in innumerevoli modi, agiremo involontariamente a spese del sé, dell'altro e della rete di relazioni in cui operiamo.

Confondiamo i nostri comportamenti legati all'ansia con ciò che è giusto, migliore, necessario o vero. Pensiamo che stiamo facendo quello che l'altra persona ha bisogno o merita, mentre passiamo la nostra ansia come una patata bollente.

La sfida è non lasciare che l'ansia, la paura e la vergogna taccino la nostra voce autentica, chiudiamo i nostri cuori alle diverse voci degli altri, o ci impediscono di agire con chiarezza, compassione e coraggio. Nel mondo di oggi, nessuna sfida è più importante di quella.

Solutions Collecting From Web of "Sei ancora un disastro ansioso?"